Facebook SDK code

Gruppi di tematiche

Menu

gubi

RSS logo
Gubi visto da Flaviano

Benvenuti!

Questo sito e' un contenitore di materiale vario senza nessuna organizzazione logica. L'artigiano di questa fabbrica di parole e' Carlo Gubitosa: scrittore compulsivo, sedicente ingegnere, appassionato di cause perse e tecnofilo cronico.

Se ti piace quello che scrivo, puoi effettuare una donazione via Paypal cliccando qui sotto.

La mia terra la difendo

La mia terra la difendo
Un ragazzo, una protesta, una scelta di vita

La mia terra la difendo

La rabbia e la speranza di un ragazzo che amava la sua terra. La storia di Giuseppe, il ventenne di Campobello di Licata che ha affrontato "il pregiudicato Sgarbi" con una telecamera, due amici e un pacco di volantini.
Carlo Gubitosa

Chiedetelo in libreria

Propaganda d'autore
Guerra, razzismo, P2 e marchette: un atto d’accusa ai giornalisti VIP

Propaganda d'autore

Se siete a caccia di pennivendoli famosi con le mani sporche di guerra, marchette, p2 e razzismo anziche' di inchiostro, questo e' il libro che fa per voi. Il consiglio e' disinteressato: io non ci guadagno niente sul venduto perche' mi pagano a forfait, lo dico per quelli che hanno problemi di schiena a tenere in mano un pesante tomo di Travaglio e vogliono qualcosa di piu' agile da leggere in bagno.
12 febbraio 2011 - Carlo Gubitosa

Asocial Network

Link

View Carlo Gubitosa's profile on LinkedIn

Carlo Gubitosa

Create Your Badge

Carlo Gubitosa

Create Your Badge

  • stampa
  • segnala via email
  • GPlus

    Fb Button

    Twitter Button

    Follow Me on Pinterest

    Share on Tumblr

La battaglia per il diritto al lavoro comincia da se stessi

Il compagno Maltese e la "redazione umiliata" di Repubblica.

Nelle lettere del Comitato di Redazione, tutto l'imbarazzo per un palese conflitto di interessi dell'eurodeputato che non rinuncia a fare il cronista politico, e pretende di farlo con un adeguato compenso.
21 settembre 2014 - Carlo Gubitosa
Vignetta di Mauro Biani e Carlo Gubitosa

Riassunto:

  1. - Curzio Maltese viene eletto al Parlamento Europeo come rappresentante della nuova sinistra italiana e del cambiamento profondo di cui ha bisogno il nostro Paese.
  2. - Ma questo lo porta in conflitto di interessi perche' prende uno stipendio da controllato (nelle istituzioni) e da controllore (nel giornalismo politico)
  3. - E' talmente appassionato di giornalismo e affezionato alla sua testata da non voler appendere la tastiera al chiodo, e quando l'azienda prova a metterlo in aspettativa con sospensione dello stipendio (come e' prassi normale per tutti i giornalisti "prestati" alla politica) lui si oppone all'aspettativa paventando azioni legali.
  4. - Gli viene proposto un contratto di collaborazione che pero' non lo soddisfa perche' gli veniva chiesto di scrivere gratis.
  5. - Decide di tenersi entrambi i lavori e gli stipendi, come personale battaglia politica contro il precariato, la poverta' e i licenziamenti arbitrari dei padroni oppressivi.
  6. - Ma cosi' facendo, pur agendo nel rispetto della legge, espone il suo partito e il suo giornale al pubblico ludibrio
  7. - E infatti il Comitato di Redazione di "Repubblica" parla di "redazione umiliata" dalle scelte di Maltese.
  8. - Il giorno successivo Maltese comunica al CdR di essere pronto a fare il "collaboratore esterno" ma solo se la paga sara' adeguata a quella delle grandi firme del giornalismo nostrano.
Di seguito riportiamo per esteso i comunicati del CdR di Repubblica, cosi' come ci sono stati inoltrati da persone che considerano questa vicenda di pubblico interesse non solo per un quotidiano, ma anche per tutto l'elettorato che cerca disperatamente "qualcosa di sinistra" e ha creduto di vederla nella lista Tsipras, e per tutta l'opinione pubblica italiana che cerca disperatamente coerenza tra il dire e il fare nei propri rappresentanti istituzionali. Che ognuno si faccia la sua idea su questa vicenda, alla luce dei fatti di seguito riportati.

 

LETTERA 1: GIOVEDI' 18 SETTEMBRE

 
Cari tutti,
 
nel pomeriggio di oggi, il sito Dagospia ha sollevato la questione della doppia retribuzione  (parlamentare europeo e giornalista articolo 1) percepita dal collega Curzio Maltese.
Riteniamo dunque opportuno sappiate come il Cdr si è mosso in questa vicenda a partire dal giugno scorso, quando ne è stato informato dallo stesso collega, fino ancora alla scorsa settimana quando è tornato a discuterne in un incontro con il Direttore. E riteniamo altrettanto opportuno che sappiate cosa pensiamo della questione.
I fatti.
Appena eletto, il collega Maltese informava il Cdr che era sua intenzione, nonostante la legge europea non configurasse alcuna "incompatibilità funzionale" tra il suo ruolo di parlamentare e quello di giornalista, di collocarsi all'interno del giornale nella veste di collaboratore e che dunque avrebbe negoziato con l'Azienda un contratto di collaborazione. La negoziazione non portava ad alcun esito (le parti non hanno trovato un accordo) e, dunque, il collega Maltese informava il Cdr che, a fronte di un'offerta economica ritenuta non congrua, considerava la sua disponibilità cessata. E che, dunque, avrebbe cumulato i due incarichi (politico e giornalistico) come la legge gli consente.
La scorsa settimana, durante un incontro con il direttore, il Cdr segnalava il rischio che lo stallo nella vicenda di Maltese avrebbe esposto prima o poi il collega e con lui il giornale alla ghiotta occasione di poter fare le bucce all'etica di Repubblica e dei suoi giornalisti. E tornava dunque a invitare a una soluzione concordata con lo stesso Maltese. Il direttore ci aveva rassicurati in proposito di un suo impegno a sciogliere il nodo e che, in ogni caso, avrebbe vigilato per evitare che il lavoro giornalistico di Maltese per il quotidiano, il Venerdì e le altre piattaforme, potesse trovarsi in condizioni di oggettivo conflitto di interesse con il suo ruolo di parlamentare. Che, insomma, il collega non avrebbe scritto di politica.
 
E siamo così ad oggi. Di fronte a una questione i cui termini formali non sono cambiati. Che consente dunque al collega Maltese di cumulare legittimamente i due incarichi e alla redazione di sentirsi umiliata per ciò che questa vicenda è diventata e non era difficile immaginare che diventasse.
Ebbene, il Cdr, quale organismo sindacale, non ha alcun potere di discutere le scelte di un collega assunte nel rispetto delle prerogative che gli riconosce la legge. Non siamo il Parlamento Europeo, non siamo i custodi dell'etica di Repubblica, delle sensibilità dei suoi singoli giornalisti, e non abbiamo diritto o strumenti per sindacare o impedire le scelte di ciascuno di noi. Abbiamo però un potere che abbiamo esercitato e che continueremo ad esercitare. Con i colleghi, la direzione, l'Azienda. Pretendere che le vicende e le scelte dei singoli vengano gestite da tutti i protagonisti (il collega, la Direzione, l'Azienda) con sensibilità, reciproco ascolto, trasparenza e tempestività, evitando che diventino l'occasione per esporre l'intero giornale e la qualità della sua redazione. Che insomma, e ancora una volta, ogni potenziale conflitto di ruoli o interessi, ancorché non stigmatizzato da una norma, eviti di riproporre ciclicamente la questione della nostra indipendenza o integrità.
 
Torneremo a discutere con la Direzione, torneremo ad ascoltare il collega Maltese (che abbiamo informato oggi anche della nota che state leggendo) e vi terremo aggiornati su eventuali sviluppi.
 
Nell'occasione, vi alleghiamo la lunga lettera che il collega Valentini ci ha inviato oggi sulla vicenda di cui vi abbiamo informato nell'ultima nota. Lettera cui abbiamo risposto (come vedrete in calce al documento)  e che lo stesso Valentini ci ha autorizzato a girarvi.
 
Grazie e buon lavoro
 
Il Cdr
 

LETTERA DUE: VENERDI' 19 SETTEMBRE

 
Cari tutti,
 
Torniamo sulla vicenda di cui vi abbiamo dato conto ieri e che vede protagonista il collega Curzio Maltese, per mettervi al corrente di alcune circostanze che lo stesso Maltese ci ha riferito nel pomeriggio di oggi perché la redazione ne sia informata.
 
1. La proposta iniziale ricevuta dall'Azienda (nella persona di Roberto Moro) è stata quella di una "collaborazione gratuita". In quanto tale, ritenuta da Maltese "irricevibile".
 
2. Agli inizi del mese di luglio, l'Azienda (ancora nella persona di Roberto Moro) comunicava a Maltese di averlo unilateralmente sospeso dallo stipendio e messo in aspettativa per la durata di cinque anni. A quel punto, il collega, attraverso il suo avvocato, comunicava all'Azienda l'illegittimità del provvedimento, riservandosi, qualora non fosse decaduto, di procedere per vie legali.
 
3. L'Azienda non dava seguito all'annunciata decisione di collocazione in "aspettativa di ufficio" e il collega Maltese, a far data dal 1 luglio, cominciava lo smaltimento del suo periodo di ferie e ferie arretrate.
 
4. Curzio Maltese spiega di essere tutt'oggi pronto a firmare un contratto di collaborazione con il Gruppo, "come da lui stesso concordato con il direttore prima dell'estate, alla sola condizione che sia allineato a quelli di altre firme del giornale che ricoprono incarichi esterni o svolgono altre attività professionali".
 
Grazie e buon lavoro
 
Il Cdr
Powered by PhPeace 2.5.5