Gruppi di tematiche

discontinuita'?

Ma di cosaminchia stanno parlando?
11 marzo 2008 - Aldo Vincent

VETO
Il Consiglio di Sicurezza ONU non ha potuto emettere un comunicato di condanna per l’attentato nella scuola rabbinica di Gerusalemme perchè impedito dal veto della Libia.
Ora, a me sembra che mettere la Libia nel Consiglio di sicurezza e Cuba come presidente della Commissione per i diritti dell’Uomo, poi qualche sorpresa dovremmo aspettarcela.
O no?

Appropo’

Dio come passa il tempo!
Sembra ieri quando scrissi quel pezzo memorabile ( nel senso che me lo ricordo solo io) che invitava il Governo a far uscire l’Italia dalla NATO!
Non usavo pero’ le argomentazioni di Bertinotti – lui ancora non faceva sfracelli nel governo- ma traevo le dovute conclusioni dopo una dichiarazione di Spadolini che asseriva che se fossimo stati attaccati dal fronte Nord-Orientale, le nostre ridicole Forse Armate avrebbero potuto resistere solamente otto minuti.
Se resistevano.
Perche’ la Storia insegna che noi siamo un popolo benevolo e forse ne sarebbero bastati solamente quattro per socializzare col nemico. D’altronde e’ nei libri: non abbiamo mai finito una guerra con lo stesso alleato con il quale l’avevamo cominciata. E questo qualche vantaggio ce lo ha portato: che se la Prima Guerra Mondiale l’abbiamo vinta e la Seconda persa, per la Terza ci eravamo attrezzati e Cossutta di qua e Saragat di la’, potevamo stare tranquilli.
E l’uomo campa.
Con un ma.
Eh si’, coniglietti mie, c’era un ma, grosso come una casa ed era questo: che da quel fronte li’ potevamo essere attaccati solamente dai Russi, che di riffa o di raffa una volta catturata TUTTA LA NAZIONE (meno i furbettini in Svizzera) l’avrebbero deportata in gelidi campi di prigionia in Siberia. E da quell’inferno, l’esperienza insegna, sarebbero stati in pochi a sfangarla.

Quello he proponevo io invece era di una semplicita’ incredibile: alle prime avvisaglie di guerra, senza tradire nessuno ma con un vero e proprio trattato io proponevo: USCIAMO DALLA NATO e ci alleiamo con i Russi! Non solo, ma il nostro capo del governo in un discorso alla nazione in mondovisione, deve dare del cornuto al prossimo presidente degli Stati Uniti o quantomeno dirgli sporco negro!!

Fermi. Fermi.
Non lasciatevi prendere dall’ideologia.
Anch’io sono filo americano, stimo quel popolo come null’altro al mondo e se potessi ritornerei a lavorare da quelle parti. Ma e’ proprio per questo che lanciavo quella proposta apparentemente oscena.
Pensateci bene: gli americani si incazzano, bombardicchiano qua e la’ facendo bene attenzione ai nostri Beni Culturali ( perche’ loro sono inguaribili romantici) poi ci invadono e ci deportano. Dove? In qualunque posto. In California o a Orlando dove potremo lavorare a Disneyland.
Certo, ci sarebbe da sopportare i loro immangiabili hamburger. Ma un sacrificio occorre pur farlo. O no?

Dio, come passa il tempo. Adesso con i nuovi equilibri ci toccherà insultare gli indiani ed i cinesi.
Ma non sarà la stessa cosa.

Sepoffa'

DISCONTINUITA’
Dunque: c’era il centro-sinistra e ci hanno costruito sopra l’Ulivo. Poi hanno fatto l’Asinello e il centro sinistra senza trattino. Sono approdati al Triciclo che e’ fiorito come Partito Riformista che e’ sfociato in una Federazione che e’ diventato il Gad che si chiamava Unione ma che adesso è il Partito Democratico detto PD.
Mi e’ sfuggito qualcosa?

Aldo Vincent
GODERE CON LA LINGUA
Viaggio attraverso i neologismi dei nostri quotidiani
(Tu, invece, cos’avevi capito, porcellino?)
http://www.giornalismi.info/aldovincent
http://guide.dada.net/satira/

Powered by PhPeace 2.5.5