Gruppi di tematiche

Un pacco di VIP con problemi in Kenia

Natale, maledetto Natale...

Gli altri anni, lo tsunami, il terremoto, le sommosse...
Che i nostri VIP portino sfiga?
7 gennaio 2008 - Aldo Vincent

NATALE, MALEDETTO NATALE Laura Torrisi (dice nulla?)

Non se ne può proprio più. E un anno il terremoto, un altro lo tsunami, ora i disordini in Kenia, mi domando dove i nostri Emilio Fede, Briatore, Melandri e Bobo Craxi, potranno ami passare in pace le loro meritate vacanze, poveri nani!!
Che la prima domanda che salta alla mente è la seguente:
Porteranno mica sfiga?

E poi, com’è che un certo tipo di politici riciccia sempre dalle parti di Briatore, se sono all’estero e di Cordone di Montezufolo se rimangono in Italia? Boh.
Sarà che per le vacanze, la neve, ognuno se la va a cercare dove meglio crede (capiscimi ammè...)

Alla notizia dei disordini in Kenia, i nostri potenti mezzi di informazione sono andati subito a cercare Bobo Craxi per avere notizie. Bobo, è il più adatto a fornirne, intanto perchè è sottosegretario agli Esteri, carica ottenuta per acclamazione non tanto per il padre latitante ad Hammamet che con un gigantesco movimento massmediologico sono riusciti a far passare per esiliato politico, ma per aver preso a legnate De Michelis durante l’ultimo famigerato congresso del PSI dove si sono spartiti gli ultimi brandelli di potere.

Inzomma, chiamano Bobo e gli chiedono com’è la situazione. Lui più o meno dice, che dalla sua villa non si vede niente, che le strade sono libere e gli aerei volano. Mancava ci dicesse che gli yacht sono salvi, ma ci ha dispensato da questa rassicurante notizia.
Intanto là fuori, incuranti delle opinioni del Bobo nazionale continuano imperterriti a fare sfracelli e a bruciare donne e bambini nelle chiese...
Amen.

Appropò

LA SPAGNA NON CI HA SORPASSATO !!

Il nostro presidente del coniglio, Silvio Prodi, vestito come un robot spaziale giapponese e con una cazzarola sulla testa, con grande sprezzo del ridicolo, si è fermato tra una discesa e l’altra per rassicurarci del fatto che a lui non lo sorpassa nessuno, nemmeno la Spagna.

Caro Prodi,
(scusa se ti do’ del tu, ma sai io sono uno di quegli sfaccendati che si è prodi-gato aggratis per la tua campagna elettorale ultima scorsa e credo di aver acquisito dei diritti)
Caro Romano, dicevo,
Ma sei mai stato a Madrid, a Barcellona o chessò io? Credo di sì, ma non intendevo questo. Dicevo, hai mai camminato per quelle strade pulite, circolato sulle loro tangenziali a quattro corsie, entrato in un ufficio postale o in banca senza code? Hai viaggiato su uno dei loro treni per i pendolari? Hai visto in giro un foglietto di carta buttato distrattamente sul marciapiede?
Lo hai fatto?
Credo proprio di no, altrimenti ti vergogneresti a paragonare le nostre povere città con quelle spagnole.
E lascia stare il Pil. Quello è come il mio pisello: più lo tocchi e più si gonfia.

Riposati, va. Che ne hai proprio bisogno...

Tuo Vincent

\ | /
(@ @)
---------oo0-(_)-0oo--------------
Aldo Vincent
GODERE CON LA LINGUA
Viaggio tra i neologismi della stampa quotidiana
(tu invece, cos'avevi capito, porcellino?)
http://guide.dada.net/satira/

FINALMENTE UNA BELLA NOTIZIA RAI!!

Ekkekkazz, coniglietti miei, ci voleva proprio.
Non c’è niente di meglio di una buona notizia, ma che dico, ottima! per finire il nuovo anno.
Insomma, non ce l’ho proprio tutta, ma è possibile ricostruirla nei minimi dettagli con i pochi elementi in mio possesso, con cui l’ho messa insieme. Vediamo:

Ore 13,00, telegiornale. Dopo le notizie, entra in studio il ministro del lavoro e si lamenta del poco spazio dato ad una sua dichiarazione. Il Direttore, uomo tutto di un pezzo, non iscritto a nessuna Loggia segreta, ne’ al basto di nessun partito, si erge in tutta la sua possenza e gli dice in faccia che lui manda in onda le notizie che reputa piu’ opportune ma un guardaspalle del ministro schiaffeggia il suo vice.

La Redazione, che è composta da giornalisti coraggiosi che non guardano in faccia a nessuno, si alza sdegnata e tutta un sol uomo prende il ministro e lo chiude nel cesso! Poi interrompe i programmi per mandare un comunicato sindacale in cui denunciano le sue malefatte !
Intervengono le forze dell’ordine ma non c’e’ nulla da fare: la Redazione ha la schiena ritta e molla il ministro solo dopo che questo ha fatto pubbliche scuse al direttore.
Bravi!

Scusate, mi suona il telefonino....

P: Vincent !
V: Presidente! Buonasera ..come sta ... Presidente...
P: Si sopravvive...
V: Eh .. vabbè, ma alla grande, voglio dire, anche se tra difficoltà, cioè io ... Lei è sempre più amato nel paese ...
P: Politicamente sul piano zero ...
V: Si.
P: ... Socialmente, mi scambiano ... mi hanno scambiato per il papa..
V: Appunto dico, Lei è amato proprio nel paese, guardi glielo dico senza nessuna piangeria ...
P: Sono fatto... oggetto di attenzione di cui sono indegno ...
V: Eh .. ma è stupendo, perchè c'era un bisogno ... c'è un vuoto ... che .. che lei copre anche emotivamente ... cioè vuol dire ... per cui la gente .. proprio ... è cosi ... lo registriamo...
P: E' una cosa imbarazzante ..
V: Ma è bellissima, però
P: Vabbè .. Senti, volevo dirti una cosa importante...

V: Mi dica Presidente, lo sa che qualunque cosa mi dica Lei è PIU’ che importante...
P: Insomma, abbiamo preso un abbaglio, la faccenda del ministro nel cesso...
V: Si?
P: E’ successo in Shri Lanka...
V: Cosa? Vuol...vuol dire che...non e’ cosa nostra?
P: No, in un primo tempo sembrava fosse successo a Rotta Giubileo e Sassolini, ma non è così...
V: Sì, Presidente, però un giorno o l’altro potrebbe succedere.... o no?
P: Certo che potrebbe succedere...
S: E quando, secondo Lei, Maestà?
P: Quando la Pasqua cade di Maggio...
S: Ah, vabbè, allora aspetterò...

P.S.
Dio, che pena vedere in tivù quegli scioperati dei giornalisti CNN comodamente piazzati nel clima tropicale pakistano a riprendere in diretta l’agonia della Bhutto, mentre i nostri corrispondenti RAI se ne stanno esposti al freddo e al gelo fuori dalle villette di Garlasco e Perugia per riferirci gli ultimi comunicati dei RIS!
Ho saputo per vie traverse di uno di questi nostri Eroi che nel rientrare in elicottero da Cogne si è addirittura ferito aprendo una lattina di cocacola!
Che pena!

Iole Tassitani ammazzata e fatta a pezzi
Tragica conclusione del sequestro di Treviso. Il corpo ritrovato in un garage di Bassano del Grappa. Arrestato Michele Fusaro, 41 anni, impiegato in un mobilificio, con buona pace dei sospetti su Internet e sul gruppo di Africani, così come segnalato dalla stampa nazionale nelle prime ore del sequestro...

IN ATTESA DEL LEONE

Ho riso fino alle lacrime leggendo l’indiscrezione secondo per metterci una pezza sull’andazzo delle attricette che si fanno largo in RAI non per quello che hanno in mezzo alle orecchie, i vertici dell’azienda penserebbero di metterci Giancarlo Leone.
Eh sì, povera Italia dalla memoria corta, che si è dimenticata i giorni gloriosi in cui i fratelli Leone, figli di quel Giovanni con le corna, che avevano trasformato il Quirinale in un pied a terre con transumanze di starlette che poi venivano piazzate (anche) negli sceneggiati Rai.
E’ un po’ come nominare Previti ministro della Giustizia ( e quasi ce la facevano)...

Non credete nei Berluelfi e Prodihobbit?
Andate qui:

http://www.elfyourself.com/?id=1571082633

NON SPEGNETE LA LUCE !!

Anno nuovo, tempo di buoni propositi ed io ve ne propongo uno, piccolo piccolo.
Sarà capitato anche a voi di sentirvi colpevoli per l’inquinamento, per gli eccessi dovuti all’uso smodato dell’ automobile, per l’aumento insostenibile del prezzo della benzina, e sarà successo anche che abbiate avuto qualche buon proponimento e poi, usciti di casa siete intruppati in un centinaio di inutili SUV, dieci metri cubi di arroganza, per trasportare un gasato, e vi sarete chiesti, vabbè, ma perchè questi sacrifici dovrebbero cominciare proprio da me?
Già, perchè proprio da voi?

Il Saggio cinese diceva: “Se ognuno pulisse fuori dall’uscio di casa sua, tutta la città sarebbe pulita” e quindi cominciamo da noi. Ci sarebbe da risparmiare sui consumi, specialmente quelli energetici, e allora spegnete quando uscite da una stanza, cambiate le lampadine ad incandescenza ( il governo potrebbe agevolare questa operazione detassando le nuove lampadine) fate tutto quello che potete, ma mi raccomando:

NON RIDUCETE LA LUCE!!

Non lo fate, per nessuna ragione al mondo! (Nemmeno se ve lo dice la Jervolino).
Risparmiate, limate, ma non abbassate la soglia del vostro benessere! Non lo fate! E non date retta a tutti quei tromboni che muovono le leve della comunicazione per convincervi che ridurre il numero di lampadine in casao nelle strade sia una cosa buona. Non lo è.
Abbiamo faticato per generazioni per avere uno standard di benessere, di cui la luce è parte integrante, e a cui aspirano popolazioni che si affacciano su questi tenori di vita. La luce fa scomparire la, paura atavica del buio, del male, dell’occulto.

Non spegnete la vostra luce!! Ma armatevi di buona volontà ed andate a ropere le palle a tutti gli amministratori che conoscete, da quelli del vostro condominio, su su fino agli assesori del vostro borgo, al sindaco del vostro paesello, al ministro che avete mandato in Parlamento (se ce lo avete mandato voi e non è stato cooptato dal partito di appartenenza) e costringeteli a trovare nuove forme per incrementare la produzione di energia!
Questo dovete fare, ma mi raccomando, NON SPEGNETE LA LUCE (in tuti i sensi, capiscimi amme’ ) perchè essa è la forma più visibile della democrazia.
E se proprio volete spegnerla, fatelo per l’amore e non per altro.

ALDO VINCENT

Note:

dAL cORRIERE:

http://img148.imageshack.us/my.php?image=pompinihaidikw5.jpg

Credo che Pompini sia il nome del fotografo o dell’agenzia che ha fornito le foto per l’articolo, ma per come l’hanno piazzato nella didascalia, lascia perplessi..
Ve la propongo, tanto per cominciare l’anno con un sorriso...

Powered by PhPeace 2.5.5