Gruppi di tematiche

Pubblicato ieri:

GODERE CON LA LINGUA

Viaggio tra i neologismi della stampa quotidiana
(tu invece, cos’avevi capito, porcellino?)
9 novembre 2007 - Aldo Vincent

Godere con la lingua
16 Nov. 2007

[URL=http://imageshack.us][IMG]http://img80.imageshack.us/img80/9082/ammastellatiaz5.gif[/IMG][/URL]

“Mi hai rotto il c.”

Ebbene si’.
Lo fece Zavattini alla radio, e lo voglio fare io sul Web dove macchine intelligenti mettono gli asterischi dove suppongono abbiamo scritto una parolaccia. Ma la supposta parolaccia alcune volte non lo e’ ( come questa supposta, che non ha nulla a che vedere con “la bassa insinuazione”, capiscimi amme’) ma la macchina ti censura inesorabile. Zac...asterischi e.... c***o !!

Mi e’ successo in un Forum dove si discute di esegesi ed ermeneutica ( ebbene si’, io sotto falso nome ero moderatore di un Forum sulle antiche Scritture e citando il primo passo della Genesi dove in ebraico Dio creo’ il Cielo e la Terra usa il verbo Bereshit, ecco che mi sono trovato gli asterischi perche’ la macchina, che evidentemente capisce l’inglese credeva che nella creazione divina fosse stata lasciata un po’ di cacca e mi ha corretto Bere**** .
Incredibile !!
Ecco allora che ci siamo inventati un nuovo modo di traslitterare: c@zzo, fika e su qualche Forum ho trovato addirittura: c*zz*t* (*=a), roba che se la trovano gli archeologi del quarto millennio chissa’ quali storie ci ricameranno sopra.
L’ultimo esempio è questo:

(Dal Corriere della Sega del 14 novembre 2007)

TITOLO:
Disse a un dipendente: "Non fai un c."

La Cassazione conferma la sentenza emessa a Roma
"La critica di un comportamento non può sconfinare nell'insulto"
Capo condannato per ingiurie

ROMA - Un capo che si rivolge con stizza al dipendente usando l'espressione "non fai un cacchio" può essere condannato per ingiuria. Lo rileva la Cassazione, confermando la condanna inflitta dalla Corte d'Appello di Roma. Un superiore si era rivolto ad un lavoratore dicendogli "mò m'hai rotto li c..., io voglio sapè te che c.... ci stai a fà qua dentro, che nun fai un cacchio ed altro".

Insomma, voglio spezzare una gamba in favore di quelli che tentano di far passare le parolacce sul Web contribuendo alla mia maniera: oggi vi parlero’ del

KAZZO

Parola greca. Che indica stupore. Da usarsi con l'articolo neutro O ( O, Kazzo ! ) mentre il maschile Sto si usa solo nella forma imperativa (Sto Kazzo). Il femminile Sti si usa nella forma plurale (Sti Kazzi). Nella forma numerata ogni numero da' la quantita' desiderata meno uno. Infatti un kazzo, equivale a zero.

Alcuni avvenimenti storici nei quali e’ stata utilizzata la parola "kazzo":

"E quella che kazzo è?" (Sindaco di Hiroshima )
. "Da dove kazzo vengono tutti questi indiani?" (Generale Custer )
. "Kazzo, non credevo si arrabbiassero così tanto" (Osama Bin Laden )
. "Kazzo, ti somiglia un casino!" (Picasso )
"Che casino! non mi somiglia un kazzo!" (Gertrude Stein)
. "Sta torre col kazzo che casca!" (Babele, 5.000 AC)
. "La vuoi o no quella kazzo di macchina?"
(Il presidente della Fifa Blatter all'arbitro Moreno,giugno 2002)
. "Santità, lo vuole davvero su quel kazzo di soffitto?" (Michelangelo )
. "E dai, chi kazzo vuoi che lo scopra..." (Bill Clinton, )
"Piogge a tratti un kazzo!" (Noè, 800 AC)
Giuda: "Signore, sono forse io il traditore?".
Gesù: "Giuda, hai rotto il kazzo!".
"Si puo' avere un po' di ghiaccio in questo kazzo di champagne?!"
poi: Inaffondabile un kazzo! (Il capitano del Titanic )

New York , Settembre 21, da una delle due Torri:
"Kazzo, ma e' un aereo, quello?”

La Parietti fermata in stato di ebbrezza:
"L'avverto che qualunque cosa dira' potra' essere usata contro di lei..."
"Kazzo..."

Governo Prodi:
"Spallata? Col kazzo!”

Arafat dentro Ramallah:
"Smettetela di bussare, teste di kazzo!"

Passami quei salatini del kazzo
( George Bush jr. )

E tu che kazzo vuoi?
(Riccardo Schicchi a Cicciolina )

Adesso sono cazzi tuoi
(Riccardo Schicchi a Jessica Rizzo )

Per favore, non mi rompere il kazzo!
(Bobbit alla moglie )

FRASI IDIOMATICHE

Razzista : Negro Del Kazzo
Meccanico : Che Motore Del Kazzo
Chirurgica : Prostata Operazione Sul Kazzo
Turistica : Che Posto Del Kazzo
Gastronomica : Questa Minestra Non Sa Di Un Kazzo
Disgustosa : Fa Schifo Al Kazzo
Zoologica : Alla Kazzo Di Cane
Ossequiosa : Tanti Saluti Al Kazzo
Pessimista : Non C'e' Un Kazzo Da Fare
Pannelliana : Sciopero Del Kazzo
Lavorativa : Non Abbiamo Un Kazzo Da Fare
Stitica : Non Cagarmi Il Kazzo
Televisiva : Immagini Del Kazzo
Dubbiosa : Dove Kazzo Sono
Confusionaria : Il Preservativo Mi Sta Sul Kazzo
Zitella : Kazzo ???
Diversa : Pene
Culinaria : Kazzo Che Mangiata
Realis Maestatis : Ci Siamo Rotti Il Kazzo
Socialista : Kazzo Rubi
Democristiana : Kazzo Preghi
Leghista : Kazzo Duro
Fascista : Boia Chi Kazzo
Comunista : Chi Kazzo Siamo Piu' ?
Lista Pannella : E Ora Con Chi Kazzo Sto ???
Diabetica : Cazzi Amari
Chimica : Cazzi Acidi
Appiglio: Attaccati Al Kazzo
Ittica : Cozza
Incidente : Cozzo
Audioleso : Che Kazzo Dici
Tirolesi : Allallallaiiuuuu
Tiroleso : Non Mi Tira Piu' Il Kazzo
Velistica : Kazzo La Randa
Contrario : Ozzac
Puritana : --Omissis--
Miope: Non Si Vede Un Kazzo
Riccardo Schicchi : Regista Del Kazzo
Moana Pozzi : Artista Del Kazzo
Vibratori : Imitazione Del Kazzo
Tamburello : Sport Del Kazzo
Ignorante : Non Sapere Un Kazzo
Indicativo : Che Kazzo Vuoi ???
Gravidanza : Scherzo Del Kazzo
Cult Movie : Easy Rider, Kazzo Che Film
Iella : Kazzo Che Sfiga
Fiabesca : La Principessa Sul Pisello
Esagerata : Kazzo Mio Fatti Capanna
Fumatore : Che Sigaro Del Kazzo
Fumatrice : Questo Sigaro Sa Di Kazzo
Playboy : Prototipo Del Giornale Del Kazzo
Ottimista : Ho Il Kazzo Mezzo Duro
Pessimista : Ho Il Kazzo Mezzo Molle
Parcheggiare : Manovra Del Kazzo
Appuntamento : Ma Quando Kazzo Arriva ???
Diabetico : Per Lui Solo Cazzi Amari
Smarrito : Dove Kazzo Sono Finito ???
Egoista :Cazzi Miei
Generoso : Cazzi Tuoi
Complice : Cazzi Suoi
Socievole : Cazzi Nostri
Spietato : Cazzi Vostri

Vabbe’, adesso basta.
Mi sono rotto il kazzo

Aldo Vincent
GODERE CON LA LINGUA
Viaggio tra i neologismi della stampa quotidiana
(tu invece, cos’avevi capito, porcellino?)
http://guide.dada.net/satira/

[URL=http://img103.imageshack.us/my.php?image=bandieratg3.jpg][IMG]http://img103.imageshack.us/img103/9973/bandieratg3.th.jpg[/IMG][/URL]

CUBANO PER UN ANNO
http://guide.dada.net/satira/vincent_da_cuba/
http://guide.dada.net/satira/vincent_da_haiti/

ROSSO MALPELO
Avete letto l’esternazione di Pasquale Scimeca?

» 2007-11-15 18:54
SCIMECA: SISTEMA SALE PARAMAFIOSO
A parte pochi maestri, si girano solo commediole
(ANSA) - ROMA, 15 NOV - 'Il sistema delle sale e' paramafioso. La gente vuole vedere qualcosa di diverso ma glielo impediscono'. L'ha detto Pasquale Scimeca. Presentando il film Rosso Malpelo, il registra aggiunge che, 'a parte due o tre grandi maestri, come Olmi, a cui nessuno puo' dire cosa fare, si girano solo commediole che parlano di ragazzi'. 'In Italia - ha spiegato - il 97% del mercato passa per 6 distributori, che poi sono 3, visto che Disney, Buena Vista e Warner sono la stessa cosa'.

Salto a piè pari le considerazioni (condivisibilissime) dell’autore per sottolineare il fatto che due dei maggiori scrittori italiani dell’ottocento, Giovanni Verga e Federico De Roberto (autore dei Vicerè) abbiano descritto l’Italia dei sopprusi del 1880 e vengano censurati oggi!
Come se il tempo in questa putrida congrega sia passato invano...

DEVO ANDARE A FARE IL GURU
Non amo fare previsioni, specie quando riguardano il futuro (ehehehe) però devo dire che alcune volte le mie doti profetiche stupiscono me e pure alcuni miei conoscenti, che non perdono l’occasione, quando mi incontrano, di gridarmi: “Aldo, devi andare a fare il guru!”
“Aldo, ma vaffa’ ‘l Guru! “ “Vaffal Guru!”
Sono cose che danno soddisfazione!

Erano tempi non sospetti, abitavo a Roma ed ogni mercoledì rimanevo imbottigliato nel traffico tra via Gregorio VII e Lungotevere a causa dell’udienza papale. Per sopravvivere allo stress avevo imparato alcune bestemmie in polacco, ma la catarsi la conobbi il giorno che di mercoledì si incrociò l’udienza papale con lo sciopero dei dipendenti pubblici.
Fu allora che maturai l’idea, che questi scioperi avessero come scopo principale quello della visibilità e allora proposi: perchè paralizzare il traffico e perdere ore di lavoro?
Non sarebbe preferibile appaltare le manifestazioni a giovani disoccupati da far sfilare a Cinecittà con tanto di troupes televisive pronte a confezionare i servizi per i TG?

Qualcuno ha scritto che la storia si ripresenta sempre due volte: la prima come tragedia la seconda come pochade, io invece sono convinto che la prima volta viene pensata come satira e dopo un poco l’assurdo diviene così familiare da diventare realtà.
E’ il caso degli scioperanti di Washington che non sono i diretti interessati (gli edili che si lamentano dei bassi stipendi) ma alcuni homeless che manifestano per loro conto alla modica cifra di 8 dollari l’ora!!
ESTERNALIZZAZIONE si chiama, in inglese outsourcing ed è la tendenza ad appaltare a lavoratori esterni alcune attività (in genere le più sporche).

Inzomma, ancora una volta le mie previsioni, scritte con aria scanzonata, come si deve ad una noterella satirica, sono diventate realtà.
E’ proprio vero: devo andare a fare il Guru.

AH, DIMENTICAVO:
Alla televisione francese sul satellite hanno fatto un’inchiesta sui 6.000 suicidi di veterani americani tornati dall’Iraq nel solo anno 2005!
120 alla settimana!
(Non ho letto la notizia in Italia, una coincidenza?)

8 Nov. 2007

MATERAZZI & NEGRI

Minchia quanto tempo è passato! Era il tempo dei cattivi maestri e Toni Negri se la prendeva con lo Stato borghese. La settimana scorsa ha scritto un articolo su Liberation (a pagamento, suppongo) in cui discetta sul noioso calcio di questi tempi, con modesti robot e 22 Materazzi, inneggiando a Zidane.
Pensare che questo qui ce lo siamo trovati pure in
Parlamento... mah.

GIORNALISMI

HUMA ABEDIN: VENT'ANNI, MUSULMANA, BELLISSIMA E AMANTE DI HILLARY
UN DEVASTANTE SCANDALO LESBO TRAVOLGE LA CANDIDATURA CLINTON
L’INDO-PAKISTANA E’ IL “CAPO DI GABINETTO VIAGGIANTE” DELLA “MARITA” DI BILL
(Maurizio Molinari per La Stampa)

Aldo Vincent
GODERE CON LA LINGUA
Viaggio tra i neologismi della stampa quotidiana
(tu invece, cos’avevi capito, porcellino?)
http://guide.dada.net/satira/

BATTIBECCO

“Por què non te callas?”
Questa è la frase con cui Re Juan Carlos di Spagna ha zittito Chavez che insultava Aznar non lasciando la parola a Zapatero. Le cose non sono andate proprio così, o almeno non soltanto. La realtà della Cumbre che si è svolta in Cile (è la conferenza dei Paesi non allineati) ha visto ogni presidente sudamericano che prendeva la parola, dilettarsi nello sport di insultare la Spagna domestico dell’imperialismo (ovviamente americano) eccetera. Io mi chiedo, ma la Spagna e il Portogallo non fanno parte dell’Europa? E se sì, perchè sono andati da soli a farsi massacrare da questi incontenibili avversari invece che presentarsi con una delegazione Europea?
Boh.

Certo, c’è sempre da imparare da questo nobile popolo che ci ostiniamo a considerare inferiore (di poco ma inferiore) alla nostra Civiltà. Questo incidente, per esempio è occorso perchè Chavez aveva dato del fascista ad Aznar, noto avversario politico di Rodriguez Zapatero che però lo ha difeso a SPADA TRATTA. Ve lo immaginate voi Berlusconi che in un consesso internazionale difende Prodi?
Oppure immaginate Napolitano che zittisce l’interlocutore internazionale che dà del fascista a Berlusconi?
Dico, riuscite a immaginarlo?

ALTRE NOTIZIE DAL SUD AMERICA

Sempre durante la Cumbre Chavez ha ricostruito i fatti che lo videro imprigionato e quasi giustiziato durante il golpe del 2002, che secondo lui videro protagonisti, Aznar che da presidente E.U. diramò un comunicato di sostegno ai golpisti, ai soliti americani colpevoli di tutto e alla Chiesa Cattolica che pure in questi giorni difficili appoggia i dissidenti venezuelani, gli studenti universitari e altri pochi coragiosi che stanno tentando di opporsi alla modifica costituzionale che vedrebbe Chavez presidente eterno con poteri da Padreterno.

A Santo Domingo i ranchos dove si secca il tabacco sono stati allagati e si è persa molta della produzione locale che negli ultimi anni era passata da 5,5 milioni di kilogrammi a 11,5 (le esportazioni di tabacco cubano sono invece stabilizzate sui 30 milioni di kili per anno.
Appropò: ma se c’è l’embargo, dove viene esportato tutto questo tabacco cubano? Indovinala grillo...

Lo stato boliviano comprerà terra da dare ai contadini contraendo un debito di 15 milioni di dollari dalla Banca Mondiale.

Il Brasile tiene con la Bolivia il peggior tasso di analfabetismo del Sud america.
Dei 14,4 milioni di analfabeti però, ben 10 milioni sono negri!

Il Cile rimane il paese più florido con un attivo di 24,900 milioni di dollari nel bilancio e un PIL del 7,4%

Controtendenza della Colombia il cui governo ha offerto le azioni delle compagnie petrolifere statali, sottoscrizione (1.400 pesos per azione) che ha visto aderire 400.000 cittadini.

La politica del Costa Rica tesa alla ridistribuzione più equa della ricchezza del paese, sta ottenendo risultati: dal 20% della popolazione che nel 2006 viveva sotto la soglia della, povertà, oggi si registra un miglioramento del 3,5%

Il presidente dell’Ecuador Rafael Correa, che nel 2006 aveva imposto alle aziende petrolifere private di restituire allo Stato il 50% dei loro utili netti, ha incassato i primi 317 milioni di dollari.

Il ministero dell’agricoltura dominicano ha deciso di tagliare al 30% le terre destinate alla coltivazione dell’aglio perchè l’importazione di questo prodotto dalla Cina costa meno! Lo stasso fenomeno lo riscontrai nel Mali dove alle rive del Niger si ridusse drasticamente la coltivazione del riso (uno dei migliori prodotti africani) perchè l’importazione dalla Cina era molto più conveniente, riducendo in povertà milioni di contadini.

.......................

La corazzata Potëmkin (1925)

Torna alla ribalta il film del grande maestro del cinema russo Sergej Michailovi&_#269; Ejzenštejn, (Riga, Lettonia 1898 - Mosca 1948), per merito (?) di Diliberto che lo definisce un capolavoro ma non sa bene spiegare perchè, e Paolo Villaggio che sempre più intristito dal prendere atto che Fantozzi è lui, proprio lui, si appropria della battuta del rag. Ugo per ribadire che: “La corazzata Potëmkin è una boiata pazzesca!”

A parte il fatto che non mi pare che nel Secondo tragico Fantozzi il film in questione venga definito boiata (cosa mal riuscita ma gabellata per buona) ma qualcosa di peggio.
Ho l’impressione che Diliberto, che considero un finissimo intellettuale, nel difendere il Maestro, si lasci un poco andare alla ragion di partito, visto che Ejzenštejn dovvette uscire dalla Russia per poter lavorare e che alcuni suoi film vennero distrutti dal Soviet.
Però, se a qualche giovane capitasse a notte fonda di incrociare la famigerata corazzata, non si lasci suggestionare da Fantozzi e rimanga sveglio a vedere un film fondamentale nella storia del cinema.
E guardi pure le migliaia di inquadrature del film (così dice Diliberto) ma soprattutto osservi il montaggio, di cui il maestro russo non solo è un maestro ma addirittura un anticipatore con testi che si studiano ancora oggi nelle scuole di cinema.

Osservi per esempio come i tempi delle scene seguano la progressione del Fibonacci:
1.1.2.3.5.8.13..... poi a metà del film lo sventolare della bandiera su Odessa che fa da spartiacque. Quindi, come in una fuga di Bach le sequenze accorciano i tempi sempre secondo la sequenza del Fibonacci: 13.8.5.3.2.1.1.... e poi frammenti.

Ah, dimenticavo: la corazzata potrebbe servire anche a quei comunisti che credono che la Rivoluzione Russa sia una, quella di Ottobre, e invece...

P.S.
Alla famigerata corazzataVillaggio preferirebbe la galera.
E sia!
Anche perchè l’intronato genovese, alla fine dell’intervista si chiede e ci chiede:
Ma siamo sicuri che l’Infinito di Leopardi sia un capolavoro?

Beh, io ve lo metto così come lo scrisse Lui.
Poi fate voi...



Sempre caro mi fu quest’ermo colle
E questa siepe che da tanta parte
De l’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminato
Spazio di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva e ‘l suon di lei. Così tra questa
Immensità s’annega il pensier mio:
E ‘l naufragar m’è dolce in questo mare.

Secondo autografo de « L'infinito » ( Visso, Archivio Comunale )

Aldo Vincent
GODERE CON LA LINGUA
Viaggio tra i neologismi della stampa quotidiana
(tu invece, cos’avevi capito, porcellino?)
http://guide.dada.net/satira/

[URL=http://img103.imageshack.us/my.php?image=bandieratg3.jpg][IMG]http://img103.imageshack.us/img103/9973/bandieratg3.th.jpg[/IMG][/URL]

CUBANO PER UN ANNO
http://guide.dada.net/satira/vincent_da_cuba/
http://guide.dada.net/satira/vincent_da_haiti/

http://www.pane-rose.it/files/index.php?c3:o10283

Verità sull’uccisione in carcere di Aldo Bianzino (da parte delle guardie carcerarie)
Manifestazione nazionale a Perugia sabato 10 novembre 2007

VIDEO-SCALPO
Il giovane finlandese che ha annunciato su You Tube la strage nella scuola alla periferia di Helsinki, fa descrivere a Guido Olimpio sul Corriere il “legame internet-violenza con il video come scalpo del nemico da esibire.
Ci risiamo, ma non vorrei fare la fine del generale David Sarnoff che nell’accettare la laurea honoris causa presso l’Università di Notre Dame fece questa dichiarazione:

“Siamo troppo propensi a fare degli strumenti tecnologici i capri espiatori dei peccati di coloro che li maneggiano. In sè stessi i prodotti della scienza non sono nè buoni nè cattivi: è il modo in cui vengono usati che ne determina il valore”

Accettando il presupposto di Sarnoff si potrebbe dire che pure le armi non sono nè buone nè cattive, ma dipende dall’uso che se ne fa. Che se per esempio sono usate dalla polizia per uccidere un criminale sono buone, in altri casi un po’ meno. Allo stesso modo si potrebbe dire che persino le torte alle mele sono buone o cattive, dipende dall’uso che se ne fa. Se per esempio si mangiano sono buone, se si tirano in faccia a Ridolini sono cattive. La realtà invece è ben diversa: ogni nuovo apporto tecnologico non fa altro che aggiungersi a quello che già siamo e ogni nuova arma non sarà altro che la protesi delle nostre unghie e dei nostri denti utilizzati per la lotta, cosa ben diversa da un lettore di CD per esempio, che è l’estensione del nostro orecchio per rilassarci ascoltando musica.
Stessa cosa vale per Internet, immensa connessione neuronale, dove accedono tutti, alti e bassi, larghi e magri, sani e folli.

Sembrano ritornati i tempi di mia nonna quando non portava il telefono all’orecchio per paura del cancro, o a mia madre convinta che il tempo metereologico non fosse più lo stesso dall’esplosione della bomba atomica. E così il Web, prima ricettacolo di pornografi, poi dei pedofili, ora formatore di terroristi ed assassini...
Ce n’è per tutti.
Non so se avete notato che da qualche tempo pure in Italia si verificano casi di “impazzimento” con persone che salgono sul balcone e sparano a sconosciuti. Ebbene, non c’è nessuno che si sia sognato di mettere sotto accusa i balconi! Pure nell’ottocento, i suicidi che affidavano le loro ultime parole al diario intimo, erano spinti all’estremo gesto dalla voglia di scrivere?
Credo proprio di no.

PINOCCHIETTO
“Non ci fu editto bulgaro” “Mai parlato di spallata” imperversa con le sue dichiarazioni il Grande Imbroglione senza nemmeno curarsi della tecnologia che ha una memoria quasi infinita e che può riprodurre in qualsiasi sede il filmato con le parole originali.
Intanto a Lui, novello Pinocchietto, invece di allungarsi il naso, crescono i peli sul cranio...

EPURAZIONE
E’ la liberazione da elementi indegni o indesiderabili, secondo il profilo morale, politico, civile. Divenne d’uso comune nel dopoguerra quando uffici amministrativi vennero “depurati” da elementi compromessi col fascismo. Giovedì ad AnnoZero di Santoro, volevano intessere una trasmissione sugli epurati dall’editto bulgaro ed ha invitato, come voce contro corrente, pure Filippo Facci che la Rai però ha rifiutato perchè in un articolo del giorno prima aveva criticato aspramente la Rai come “una cloaca da ripulire”.
In pratica ad una trasmissione sull’epurazione, la Rai ha risposto epurando Facci.
In parole povere: cambiano i governi, ma le voci scomode vanno soppresse.

BORDELLO
Le prostitute parigine, ai tempi della Rivoluzione, erano autorizzate alla professione, soltanto in un’area di baracche sulla riva della Senna: ”Au bord de l’eau” da qui l’origine del nome che da noi è stata tradotto nel dopo guerra come “Casa Chiusa” che derivava da un segnale circolare attraversato da una X che indicava agli americani il divieto d’accesso.
Ora le moderne suffragette di Women’s Institute vorrebbero riaprirle e molte sono le proposte: quartieri a luci rosse, case private regolarmente registrate, oppure come a Berlino, in parcheggi alla Drive In.
Da noi, data l’abbondanza di veline, velone, schedine, ballerine, hostess, accompagnatrici, pubblic relation girls, troniste, intronate, modellastre, di puttane vere e proprie abbiamo solo le Africane, per cui il problema non si pone.

PIANGITORE
Una figura quasi scomparsa dal nostro mondo contadino ma che in Grecia, per esempio, è tuttora d’uso comune: quello che a pagamento piange ai funerali. Figura quasi scomparsa dalle nostre parti, dicevo, ad eccezione di Luca Cordoglio di Montezufolo, megapresidente di un sacco di cose, che non perde occasione per mostrarsi in pubblico col suo pianto greco.
Vince la Ferrari? E lui piange. La FIAT torna in attivo? E lui piange tanto da ottenere sconti nella Finanziaria. L’Euro è debole? E lui piange perchè costano troppo le importazioni di materie prime. L’Euro è forte? E lui piange perchè fatica ad esportare.
Come dicono i napoletani: chiagne e fotte...

SENZA UN PUNTO DI VISTA, CHE E’ MORALE, NON C’E’ GIORNALISMO
(Enzo Biagi)
Piacevole discettazione con Piero Di Pasquale, direttore di Italia News sul satellite, che ha letto la mia lezione su anchor-man e televisione (a chi interessa si trova qui: http://it.wikiversity.org/wiki/Corso:Scienze_della_comunicazione
e qui: http://www.giornalismi.info/aldovincent/ ) in cui mi fa sapere che insegna ai suoi allievi che la figura dell’anchor-man è destinata a sparire, mentre io sostengo che non può sparire il punto di vista nel giornalismo, ma che piuttosto sarà la comunicazione dell’anchor-man che non avrà solo una direzione, cioè dal centro alla periferia, bensì diventerà il terminale di TUTTA la comunicazione che gli verrà indirizzata dagli altri mezzi.
Mi piacerebbe conoscere la vostra opinione.

ESCAMOTAGE

Luminoso articolo di Dario Di Vico sul Corriere in cui usa questo termine francese al posto di scappatoia, espediente, rimedio, ripiego, trucco, trovata, pensata, appiglio, sotterfugio...
Mah. Inzomma, l’esterofilo commentatore spiega al corto e all’inclinata come il “meno fisco in busta paga” di Epifani sia da paragonare a Cofferati quando appoggiò le privatizzazioni.
E’ estremamente interessante, secondo il Di Vico, come i sindacati confederati con ritardo ma ancora in tempo, si saldino col pensiero di Draghi, Montezemolo e Marchionne, e auspica che come Ciampi fece con Cofferati, qualcuno faccia con Epifani.

A parte il fatto che nè il Di Vico e nemmeno Epifani hanno spiegato al popolo dove andare a trovare la copertura per questa bella alzata di genio. Però non si preoccupi il Nostro, perchè non ci fu solo Cofferati ad avere la comprensione dei nostri politici, la ebbero a suo tempo Bertinotti, Marini, Lama, Benvenuto, Signorile, Del Turco, Carniti, Trentin, D’Antoni, Donat Cattin, Macaluso, e qualche altra anima bella che ora mi sfugge, che hanno ottenuto un casino di attenzioni dai nostri politici. Infatti oltre che riuscire ad ottenere qualche rottamazione in cambio dei più bassi salari in Europa, SONO DIVENTATI TUTTI PARLAMENTARI!!

P.S.
Ricordo, di passata, che i sindacati ITALIANI sono da sempre associazioni non riconosciute giuridicamente e dunque, di fatto, prive di personalità giuridica.

Vincent
GODERE CON LA LINGUA
Viaggio tra i neologismi della stampa quotidiana
(tu invece, cos’avevi capito, porcellino?)
http://guide.dada.net/satira/

[URL=http://img103.imageshack.us/my.php?image=bandieratg3.jpg][IMG]http://img103.imageshack.us/img103/9973/bandieratg3.th.jpg[/IMG][/URL]

CUBANO PER UN ANNO
http://guide.dada.net/satira/vincent_da_cuba/
http://guide.dada.net/satira/vincent_da_haiti/

Note:

http://guide.dada.net/satira/

Powered by PhPeace 2.5.5