Gruppi di tematiche

Cassate - lettera C

C

CALCIO
Gioco per omosessuali. Si tratta di inseguire il centravanti che ha fatto gol, il quale non sempre ci sta e scappa per il campo inseguito dai compagni. Il primo che lo acchiappa gli da’ un bacino. Poi arrivano gli altri…

CALCIO FEMMINILE
Delusi dall' esito della gara d’andata per la qualificazione all' Olimpiade - sconfitta per 13-0 in Sudafrica -, i dirigenti della Namibia, da una verifica del conto dell' albergo di Pretoria, scoprirono che gran parte delle giocatrici aveva trascorso la notte prima della partita guardando 6 film porno consecutivi. Prima della partita di ritorno decisero quindi di togliere i televisori dalle stanze. Risultato: sconfitta per 13-1.

CALCIOTTE
E’ un neologismo appena coniato che sta ad indicare l’unione tra calciatori e mignotte di cui tanto si parla nei giornali.
Siamo il paese con i viali invasi da migliaia di puttane di ogni razza e colore, siamo il paese col piu’ alto numero di fruitori di tali prestazioni, e fa ancora scandalo se alcuni pedatori, giovani, aitanti, miliardari e soli che magari se ne tornano a casa dopo una giornata di duro lavoro esai cosa si ritrovano? La solita velina, letterina, schedina, pattonza, via, non tentereste pure voi di evadere?

CAMEMBERT
Formaggio francese viene confezionato in forme che devono rigorosamente avere un diametro di 11 cm. Esso venne prodotto per la prima volta nel 1791 da una certa Maria Harel nell’omonimo paese della Normandia ma divenne famoso solo quando nel 1863 Napoleone terzo lo gusto’ in occasione dell’inaugurazione della linea ferroviaria Parigi-Granville. (Machissenefotte)

CAMMELLO
Mi sono sempre chiesto: Perche’ le sigarette le chiamano Camel e poi ci mettono un dromedario a fare la pubblicita’?
In verita’, in verita’ vi dico, che sara’ piu’ facile per un cammello entrare nella cruna di un ago, che ad un operaio della Fiat col cappotto di cammello, entrare nella Ferrari di Luca di Montezufolo.

CAMPAGNA
Malsana zona all’estrema periferia della citta’ con strade poco asfaltate e rumorosi animali uccisi da contadini di solito ben armati. Nell’immaginario collettivo si tratta di una romantica castroneria come i Campi Elisi o il Paradiso dei pagani con prati, boschetti, fiori e templi al posto di arpe, corone, troni bianchi e triangoli isosceli a dimostrare la congenita inferiorita’ del paganesimo nei confronti della civilta’ Cattolica. Esemplare una recente iniziativa per salvaguardare la citta’ dalla campagna nominata: DIFENDETE IL CEMENTO DAL VERDE! (Cattoretti)

CANNA DA ZUCCHERO
Farsi uno spino a casa Fornaciari

CAPSULA MUNDI
È il nome della bara creata da due giovani designer milanesi Anna Citelli e Raoul Bratzel. Si tratta di un mega uovo fatto di un composto in fibra di mais, cioè un involucro biodegradabile che si scioglie dopo alcuni mesi dopo l'interramento. I tempi della sua soluzione sono ovviamente legati al tipo di terreno e al clima; in Italia in un terreno senza particolari caratteristiche, l'uovo dovrebbe sciogliersi attorno agli 8 mesi dall'interramento. Il corpo del defunto viene adagiato in posizione fetale dentro l'uovo ed interrato a qualche metro; contemporaneamente viene piantato un albero, a scelta del defunto, sopra in corrispondenza della capsula. Il congiungimento avviene dopo circa 5 anni. Un cimitero costruito sul progetto della Capsula Mundi diventerebbe un folto bosco ombroso e rigoglioso, che loro hanno già battezzato Bosco Sacro.

CARDINAL CUNNILINGO
Finalmente terminata la soap opera di Milingo. Dall’ultima apparizione in televisione mi sono apparsi piu’ slanciati, segno che il digiuno e la penitenza fanno bene all’anima ma un pochino snellisce. Anche. Insomma la storia si e’ chiusa con Milingo che davanti ai microfoni
dichiarava che per sposare la sua Chiesa lascia la moglie ma continuera’ ad amarla come una sorella. Mattacchione: non solo bigamo, anche incestuoso.

CARITAS PELOSA
Ma perche’ ogni volta che fai del bene in Italia devi passare per imbecille? Prima le immagini di Arcobaleno e lo scempio degli aiuti. Poi ti fanno vedere i sacchetti della Caritas nelle discariche.
Fanno bene gli Americani. Hai visto? Prima radono al suolo le case, poi li bombardano con il cemento armato per rifare il piano regolatore, infine gli bombardano giù gli aiuti. E qualche volta li centrano pure! Altrimenti glieli mandano sciolti, in sacchetti gialli, uguali uguali a quelli dei viveri. Una specie di lotteria. Se non salti in aria puoi mangiare la razione K e poi ti viene la diarrea.
Praticamente quelli che non riescono a bombardare li mandano a cagare.
Sublime.

LA CARITAS DI VICENZA
ha attivato un nuovo servizio per aiutare le persone che frequentano prostitute

RYAN CARLTON
ha battuto il record mondiale di masturbazione maschile.
In una gara ufficiale (?!?) ha raggiunto 36 orgasmi in 24 ore.
CASSONETTO
Si chiamava pattumiera, poi bidone, i francesi poubelle, adesso che si e' colorato, lo chiamano cassonetto ed e' il contenitore che hanno messo giu' in strada dove le forze dell'ordine trovano i neonati. (Fino a poco tempo fa, perche' ormai non lo usa piu' nessuno).
L'altro giorno e' successo che hanno trovato un cassonetto abbandonato in un reparto maternita' a Roma ma erano stati gli spazzini, che adesso si chiamano operatori ecologici ma che nemmeno col viagra riescono a farsi qualche scopata decente, e si dice lo avessero fatto per ritorsione.
Adesso, questo Governo dell'apparire che ogni tanto si inventa uno slogan per sopravvivere a se' stesso, ha pensato di dotare i cofanetti della spazzatura di carta di credito per l'addebito in conto.
Vedrai che ci metteranno anche una guardia giurata, non si sa mai!

CATASTROFISMO
John Crosby passera’ alla storia per il suo articolo sull’Observer dello scorso secolo in cui scriveva con fare perentorio che il “doomwriting” di scienziati, giornalisti e intellettuali che preannunciavano catastrofi imminenti, era solo per trarre profitto con l’ondata di preoccupazione che serpeggiava nel mondo. Infatti, secondo l’eminente nientologo, le condizioni di vita nelle citta’ e nel mondo in generale non sono mai state migliori di quelle attuali, che abbiamo davanti a noi un futuro radioso e che le catastrofi annunciate non si sono mai verificate. Amen

CATTIVERIE
Tra le cattiverie d’annata c’e’ anche il ricordo commosso nell’anniversario di Fellini con uno dei suoi film piu’ significativi: “Fellini Due e mezzo” che non e’ il titolo ma l’ora in cui l’hanno mandato in onda.

CAVALLO
In piena crisi produttiva, dopo settant’anni di dominio assoluto, la Levi's ha preso un provvedimento drastico per incrementare le vendite: allargare il cavallo dei mitici jeans 501. Adesso e’ incontrovertibile: siamo più grassi. Un americano su tre tende all'obesità e in Italia basta guardare i nostri figli infarciti di merendine e fast food per capire che futuro ci aspetta.

CAZZUOLA
Mi sono sempre chiesto: ma se la museruola si mette sul muso, dove mai si mettera’ la cazzuola? Mah. Ha imperversato sulle televisioni riunificate l’immagine del Nostro con la cazzuola mentre faceva il muratore alla Fiera di Milano. Per carita’, che il Cavaliere avesse una predisposizione per la cazzuola ed il grembiulino, lo si sapeva gia’ da un pezzo ( tessera P2 n. 1816) e che si fosse gia’ spacciato per il Presidente operaio anche quello lo si sapeva. Ma durante il discorso il Berlusca ha dichiarato: “Sono qui come presidente del consiglio, come lombardo e come lavoratore della fiera di Milano ai tempi dell’Universita’.”
Abbiamo scoperto un’altra professione del presidente: Il Mercante in Fiera.

CECCHI GORI
Ha deciso di produrre un film sulla sua vita, si intitolera’ Un patrimonio e due funerali. I due funerali sono quelli dei genitori e il patrimonio e’ quello che si e’ mangiato, come una Fiorentina.
C'e' chi e' furbo e Cecchi Gori, il Pacciani dell'Etere, la cui unica funzione e' stata quella di far sembrare Berlusconi un signore delle TV. Ma e’ la Divina Provvidenza, che in famiglia ne fa nascere uno furbo e il figlio meno, cosi’ si ridistribuiscono i soldi che il padre ha malamente accumulato. Successe anche a Rizzoli, Mondadori, Ferruzzi e a tanti altri…

PIER LUIGI CELLI
Ha scritto un nuovo libro, “Breviario di cinismo ben temperato”, Fazi Editore,
“Breviario” cosi’ lo definisce lui “ Manuale di sopravvivenza etica” e contemporaneamente “un atto di pacata ma dura denuncia delle perversioni del potere”. Alla notizia del libro di Celli, l’indiscretino Roberto D’Agostino si e’ un poco incazzato non tanto perche’ sia stato piu’ volte querelato dal Celli/RAI per la sua attivita’ di origliatore dei cazzettini non precisamente suoi, ma perche’ il tenero Celli gli sta rubando il mestiere! Scrive piccato D’Agostino:
“Perché ogni santa volta che Celli lascia un lavoro, sente l’urgenza di scrivere un libro contro qualcuno? C’è da tremare al pensiero di quando chiuderà con l’Unicredito, chissà cosa racconterà, potrebbe intitolare il suo prossimo libro: “Profumo di Passera”…

CELODURISMO
Priapismo dei legaioli

CENSURA
Una volta si poteva dire la banda del buco, l'osso buco, il buco dell'ozono, adesso non piu'. In questa epoca contraddistinta dal political correct, i direttori di giornali si sono autoproclamati conservatori sia della lingua italiana che del bon ton cartaceo.Si sa, ormai lavorano nelle loro redazioni col televisore acceso per conoscere le notizie dei TG dai quali carpire la scelta delle notizie, ignorando forse che i direttori dei TG prima che le agenzie, hanno letto i giornali per farsi suggerire gli argomenti da trattare facendo cosi' come Don Camillo che regolava l'orologio del campanile su quello del Comune e Peppone, regolava quello del Comune col suono delle campane e che questa scelta in poco tempo cambio' fuso orario al paese della bassa in cui vivevano. Ma quelle sono barzellette.Tornando al buco, era successo che per qualche tempo avevo tenuto una rubrica che prendeva bonariamente in giro i nostri politici e avevo titolato la rubrica: "Facce come il culo", usando un lontano eufemismo e senza subire nessuna forma di censura. Solo ad Aprile quando Tyemayer come condizione per entrare in Europa ci impose, oltre che al rientro del debito anche l'adeguamento strutturale, scrissi che per adeguamento strutturale bisognava immaginare una supposta alta un metro e del diametro di un obice, e quella era l'Europa. Adesso occorreva, nei prossimi sei anni, adeguare strutturalmente il nostro buco del culo. E la censura scatto', in qualche Direzione soffice, come i puntini di sospensione al posto del termine incriminato, in altri casi togliendo il paragrafo, nei casi piu' estremi togliendo tutto l'articolo, esercitando la piu' pesante forma di censura da quando Mussolini aveva tentato di sostituire la parola ano con il piu' prosaico culo, offendendo i meneghini che vedevano il loro Santo protettore, S. Ambrogio da Milano diventare Sant'ambrogio dammi il culo ! Ma attenzione! Non era questo il punto. Perche' a me "Facce come il culo" me lo avevano pubblicato, non mi avevano pubblicato il "buco del culo" suscitando dentro il mio animo la ferale domanda: " Ma cosa conterra' di tanto osceno la parola "buco del" ?

CENSURA
Censurato Blob per le immagini di repertorio del Presidente del Consiglio, passano invece piccole dosi di Previti su La7. Piccole, ma abbastanza efficaci da poter mitidrizzare la popolazione attiva.
(Lo so, lo so, si dovrebbe scrivere Mitidratizzare, da Mitidrate. Io invece intendo mitidrizzare che deriva da: “se avessi un bastone mi ti drizzerei io” )
Io per principio non credo mai alle parole di Berlusconi, almeno finche’ lui non le abbia smentite
ca-te-go-ri-ca-men-te! Ma anche i berluschini, qualche volta smentiscono.
Previti per esempio, al processo si era dichiarato evasore fiscale. Va da Ferrara e dice:
“E’ vero che non ho pagato le tasse, ma non sono un evasore perche’ il Fisco non me l’ha contestato”
Il piccolo Sofri osa:
“ Lei sostiene che un’evasione fiscale non contestata non e’ un’evasione?” e l’Altro:
“Io sostengo che finche’ non viene contestata, l’evasione fiscale non esiste”
E Sofri:
“Quindi, se io rubo un’auto e non se n’accorge nessuno, io non ho commesso il furto?”
E l’Altro che comincia a dare segni di fastidio:
“Se lei ruba e’ un ladro. Ma se io non ho commesso nessuna evasione, non sono un evasore”
Ecco mi sono detto, adesso apre bocca l’Elefantino, il giornalista diabolico, l’intelligentissimo, l’essere metabolico e l’altra meta’ comunista. Ecco che adesso lo guarda con i suoi occhietti da gatto mammone e comincia a rosolare il suo topolino a fuoco lento....
Invece niente. Giuliano Ferrara, se ne stava la’ inebetito ad ascoltare Previti con la stessa passivita’ con cui e’ in grado di digerire tutta l’aria che inghiotte per gonfiarsi cosi’. Come un pallone.

CERCHIOBOTTISTI INEBE'TITI
E' amcora scosso il Paese per l'introduzione di questo neologismo da parte del Senatore Di Pietro, quel Tonino poco Carino che con grande sprezzo del ridicolo ha affondato ancora una volta tutte le regole della grammatica italiana per gridare il suo "No, io non ci sto" nientemeno che a Scalfaro che aveva cantato la stessa canzone "No, io non ci sto" in diretta a Natale di qualche anno fa.
Non e' grave nemmeno sdrucciolare sulla sdrucciola, mettere cioe' l'accento sulla seconda "e" della parola inebetiti a due condizioni: la prima che si stia leggendo qualche buon libro di Capuana, Pirandello e Carlo Emilio Gadda e che facevano uso di "inebètito" al posto di "intontito, instupidito, rincoglionito" di piu' recente uso e consumo e non si siano invece lette dichiarazioni scritte da altri.
E la seconda e' che non si faccia di professione il politico, uno che sulle parole e sui concetti edifica intere Nazioni. Perche' se Garibaldi avesse detto "Obbèdisco" con l'accento sbagliato forse l'episodio non sarebbe passato alla storia. C'e' stato Mussolini che in un famoso discorso scambio' la battigia con il bagnasciuga, ma per carita' qua stiamo parlando di altri uomini, altra tempra.
Detto questo, esprimendo tutta l'immutata stima per Di Pietro e per quello che ha osato, mi permetto di far umilmente osservare che tutti questi stracci volati attorno a Mani Pulite sono solo aria fritta, visto che i processi di Mani Pulite altro non sono che Cusani in galera e Armanini ai servizi sociali.
Per il resto nisba. Ma nisba non solo i grandi processi, ma pure quelli piccoli che languono con tempi da terzo mondo. Lascio agli storici l’analisi del settennato di Scalfaro che tra mille eccessi mi sembra si possa definire un buon settennato. Non si puo' dire lo stesso di Di Pietro che se veramente voleva continuare a servire lo Stato avrebbe dovuto tenere a bada la sua sfrenata ambizione che lo ha parcheggiato tra gli urlatori fancazzisti, e tenersi cara l'unica cosa che sapeva fare bene: portare in tribunale i mariuoli.

CERIMONIERIE FUNERARIO E
TANATOPERATORE FUNERARIO
E’ un corso professionale per becchini finanziato dall' Unione Europea e dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali che si svolge a Milano. I primi 75 allievi sono arrivati da tutta Italia

CESARE
Date a Cesare quel che e’ di Cesare. I Romani gli dettero ventitre coltellate in Senato.
La Boccassini non arriverebbe a tanto, si accontenterebbe di qualche annetto di galera.
E voi? Popolo di eroi, poeti, navigatori ed evasori fiscali, voi cosa gli dareste?
Una medaglia di legno? Uno spallone d’oro?
Italiani, popolo che non s’indigna mai, nemmeno quando in Parlamento siedono 56 pregiudicati e un centinaio di avvocati difensori del presidente del Consiglio, ed ora siede anche un tizio che dopo essersi fatto negare per 27 mesi si presenta in tribunale ( chissa’ perche’ si presenta adesso) e confessa candidamente di essere un evasore fiscale, di usare spalloni per portare in Italia soldi dall’Estero ( e chissenefrega, tanto e’ gia’ pronta la reiterazione della legge che assolve tutti i capitali illegalmente detenuti fuori dai confini) di aver effettuato una finta vendita di una villa per nascondere al Fisco certi movimenti… Ricordo che all’epoca dei fatti riportati da Previti, c’era il blocco dei capitali e chiunque fosse stato sorpreso alla dogana con piu’ di cinquecentomila lire in saccoccia, sarebbe stato inesorabilmente denunciato. Bene in quel periodo, per ragioni che nessuno e’ mai riuscito a spiegare al popolo, il signor Berlusconi, con la consulenza di Berruti e Previti, esportava in america mille miliardi di lire all’anno per comprare programmi televisivi e le operazioni avvenivano estero su estero tramite la signora Camaggi che per comodita’ abitava nei pressi di Lugano. Ah, questi avvocati! Se li conosci, li Previti.

CHADOR
E' il simbolo della condizione della donna nel mondo musulmano, e malgrado la sua forza oppressiva sia cosi' stridente con le auspicate liberta' di cui si va cianciando, non vi e' una delle nostre Fedigrottine che si sia alzata per gridare allo scandalo in occasione della visita dei nostri Prodi in Iran, nel cinquantenario della proclamazione dei diritti dell'uomo. Dell'uomo, appunto.
Durante la mia stupida vita, ho visto presidenti italiani inginocchiarsi davanti al Capo di Stato Vaticano, ho visto Presidenti del Consiglio che baciavano le mani al Papa, ho sentito di un Presidente del Consiglio che addirittura avrebbe baciato Riina, ho visto Presidenti, Ministri, Diplomatici bocconi davanti al Presidente degli USA ma non avevo mai visto la moglie di un nostro Presidente in Chador prima della visita dei signori Prodi in Iran.
Delicatezze diplomatiche ha detto Prodi e ha giurato sul Corano che non succedera' piu'.
Va bene. Mi aspetto pero' che quando ci restituiranno la visita quelli li', si fermino un pomeriggio a recitare il Rosario…

CHELSEA CLINTON
Apprendo con sollievo, che si e’ fatta lo stagista.
Brava. Molto meglio del padre che quando si faceva la stagista diceva che era un metodo per smettere di fumare. Anche Chelsea ha espresso il medesimo desiderio e alla Casa Bianca gli storici gia’ si domandano tra la giovane Clinton e il suo stagista, chi sara’ che mette il sigaro dove e a chi.

UN MAZZO DI CHIAVI
Nove per la precisione, sono state perse dai custodi del Lawrence Livermore National Laboratory, uno dei piu' grandi laboratori statunitensi di armi nucleari, ed ora il regolamento sulla sicurezza impone di cambiare tutte e 100.000 serrature della struttura, carte magnetiche comprese.
Spesa prevista: 1.500.000 dollari.

EDDA CIANO
Cavolo! va in onda un’intervista inedita, e lei, perfida, rivela che la madre se la faceva con un certo Corrado Varoli, figlio di un ricco macellaio, cognato di un capostazione romagnolo. Ora la notizia ha sconvolto Gianfranco Fini che si sa, vedeva nel Duce e nella sua fronte spaziosa una Guida, un Maestro, un nuovo Mose’ . Solo che sulla fronte michelangiolesca di questo Mose’, non uscivano due fasci di luce, come chiaramente scritto nella Bibbia, ma piu’ semplicemente, corna.
Ad alimentare discordanza su questo caso di “gossip storico” è intervenuta Alessandra Mussolini, nipote di Benito e dirigente di Alleanza Nazionale, che smentisce categoricamente l’ipotesi della frequentazione clandestina proprio sulla base del rancore che, a suo giudizio, la figliastra nutriva nei confronti della matrigna Minchia, una smentita autorevole fatta da persona aggiornata.
Pensate che quando e’ morto De Felice, il piu’ grande storico del fascismo, le hanno chiesto un’opinione e lei ha chiesto: “Chi e’?” Poi ha ammesso non solo di non averlo mai incontrato, ma nemmeno aveva sentito il bisogno di leggere nulla scritto da lui.
Adesso commenta avvenimenti accaduti vent’anni prima che lei nascesse.
Sulla base di quali documenti, visto che lei non legge una sega?

CIALTRONE
Dal Dizionario Zingarelli: Individuo spregevole, scorretto, privo di serietà, inaffidabile. Dal Vocabolario Italiano/Napoletano di Antonio Salzano: arrobbagalline, banche’ra, chiacchiello, spogliampise, vuzzacchione. Un articolo di Beppe Severgini sul Corriere parlava del cialtronismo che non è una malattia dell’anima: è un vizio della mente. Ha scritto: “ E’ il comportamento appena sotto il reato, e questa è la sua forza. L’apparente venialità è la sua arma segreta. Se cogli il neocialtrone sul fatto, ti lascia capire con uno sguardo bovino che non devi prendertela per così poco. Potresti fargli notare che cento “così poco” fanno così tanto. Ma non lo fai, perché sai che è tempo sprecato. Il cialtrone moderno ha studiato in televisione e porta in tasca l’assoluzione: senza bisogno di processi.
Il cialtronismo è una faccenda seria. Il cialtronismo è inciviltà light, ed è un problema sociale. In molte cose noi italiani stiamo migliorando (siamo politicamente meno isterici, ecologicamente più sensibili, e siamo finalmente curiosi del mondo). Ma questa sciatteria autoindulgente è odiosa. Il neocialtrone ti vuole bene; ma il giorno dopo non ti riconosce. Il neocialtrone finge di ascoltarti, ma pensa come fregarti. Il neocialtrone parcheggia dove vuole, lampeggia quando crede, grida nel cellulare per superare il rumore del treno (che, invece, non è male). Il neocialtrone ti scivola davanti in coda. Notate il verbo: il cialtrone ti passava davanti. Lui scivola.”
E bravo Severgnini, ma un nome? Perché non ci illumini con un nome? Via, soltanto uno…

CICCIOLINA (Illona Staller)
Soprannome di uno degli statisti italiani piu' efficiente di tutta la storia d'Italia. Quando c'era la seduta, anche se preferiva stare sdraiata, la manteneva sempre aperta. E faceva convergere tutti al centro! Non aveva paura di essere trombata alle elezioni e nemmeno a casa sua. Famosa per non aver mai fatto opposizione e' stata l'unico politico italiano a farsi fare quello che gli altri politici facevano al popolo. Non aveva peli sulla lingua e se li aveva non erano suoi.

CICLO
Penso che l'invenzione piu' straordinaria dopo la ruota sia la bicicletta. Voi non ci fate piu' caso, ma e' ancora causa di sconvolgimenti irrefrenabili. Per farvi un esempio ieri la figlia del nostro vicino di casa, e' tornata a casa e ha detto di avere perso il ciclo. Pensate: la mamma e' svenuta, il padre urlava disperato, e il fratello ha riempito di botte il giovane che abita dirimpetto!
Una tragedia! Sono andato ad informarmi meglio e il padre mi ha detto:
- Ma quale bicicletta? Qui si tratta del Marchese!
E ho saputo cosi' che non c'e' Ferrari che tenga, quando si tratta del ciclo, anche la nobilta' tarda!

CIMICI
Ha fatto impressione il secolo scorso sapere che dopo Di Pietro e Berlusconi, anche il Papa avesse le cimici. Che allora ci si domanda se ad andare a letto in Vaticano con il Pastore Polacco ci si alzi poi con le pulci (elettroniche), come dice Bossi gli sia successo quando ha dormito ad Arcore molte canottiere fa. Microspia, microspia, non e' figlio di Maria…

CIRCE DI CAPRIOLO
Vi ricordate la faccia da cerbiattona della Mariangiola graziata da un giudice che aveva un forte senso dell'umorismo, insieme con il truce Rodolfo Valentino col tre assi, dall'accusa di aver tentato di far la pelle al marito con un pelapatate?
Ebbene, udite udite, hanno presentato appello!
Mariangiola (avvocato Giambattista Scalvi) respinge l' accusa di complicita' nell'aggressione al marito svegliato dall' «urlo d'amore» di lei che, sul divano del salotto, si faceva sbattere dall'amico.
Con l'amante non aveva architettato nessun piano omicida per disfarsi di un uomo che non le diceva piu' niente ma che, passando fra i piu', le poteva lasciare un bel gruzzolo con cui spassarsela con lo scatenato camionista. A saltare addosso al rivale e' stato solo il Foglia, di sua iniziativa. L'ex Circe di Capriolo, bonta' sua, e' disposta ad ammettere solo di avere, all'inizio, deviato le indagini, la storia degli albanesi, terrorizzata da un possibile scandalo. Roba da 4 mesi.
Massimo Foglia (avvocati Carlo Bonardi ed Emilia Tosi) , intende invece uscire sugli scudi. Lui, a differenza della Cerbattona che ha modificato piu' di una volta la sua versione, ha sempre sostenuto che quella notte non era a Capriolo. Con la Cerbiattona, e' vero, si era incontrato qualche ora prima, le solite prestazioni nell'abitacolo di un'auto parcheggiata in zona appartata.
Un po' davanti e un po' di dietro. Poi si erano lasciati ed era rientrato a casa sua, a Lodi, lasciando pero' ai giudici la convinzione che ad assalire il marito, pur senza volerlo far fuori, sia stato
proprio l'imputato. Ora dato che nemmeno il PM e' un pirlone, ha deciso di ricorrere in Appello pure lui e cosi' potremo avere il replay di tutto quello che il Foglia faceva alla Cerbottana, come nelle partite di calcio che se hai perso il gol te lo puoi rivedere al rallenty. Intanto il cornuto tace.
Lui e la sua famiglia sono Signoroni!

CIRCONCIDETEVI!
Questa e’ la nuova linea di pensiero putinesco che apre alla speculazione filosofica piu’ ardita:
Siete a favore dei Ceceni? Fatevi circoncidere.
Siete col Papa? Fatevi crocefiggere
State con Berlusconi ? Mettete il fondotinta
Siete con Putin? Toccatevi le palle

W. CLARK
Figura gigantesca che esprime tutta la forza imperialista di questo fine millennio, è stato nientepopodimenoche’ il Comandante Supremo delle Forze Alleate in Europa e poi candidato alla presidenza degli USA! Un uomo a cui basta un cenno del mignolo per decidere per la vita o la morte di migliaia di Kossovari, per esempio.
Un uomo che puo’ schierare migliaia di soldati, puo’ realizzare tattiche, strategie, imboscate, distruzioni, annientamenti. Bene. Gli hanno fregato la macchina. Per carita’ puo’ capitare a tutti. Ma la sua, una Mercedes da 600 milioni, corazzata, super attrezzata, isolata, omogeneizzata, ma non ci aveva l’antifurto? È successo in Belgio, naturalmente. Bravi.

CLEMENTE
Participio presente del verbo Mastella. ( Nella politica italiana si trovano anche Pierferdinando che e' il Gerundio di Casini , Armando che nella forma imperiativa fa Cossutta! E Burlando che sembra uno scherzo della natura ma e' stato uno sfigatissimo Ministro dei trasporti) )
Gia' ai tempi della Balena Bianca si era capito che il pupo avrebbe scalmanato per rimanere sulle pagine dei giornali. Come quella volta, vi ricordate? Che chiese una «quota fissa» di squadre del Sud in serie A per superare «un problema che appare lesivo della dignita' di tanti sportivi meridionali», pensando probabilmente di ricorrere alla Cassa del Mezzogiorno per comprare Ronaldo e passarlo all'Acireale. Adesso e' segretario di partitino e come la mosca cocchiera si agita per far vedere che sta manovrando per questo o quello. Viene da lontano, e quando Ciampi stringeva i cordoni della borsa che rischiavano di soffocare il sottogoverno a lui tanto caro. Ricordate cosa disse?: «Prima che a quelli internazionali io guardo ai mercati rionali» dando al colto e all'inclita l'ampiezza della visione politica del nostro eroe, che ha continuato il suo affondo con questa dichiarazione: «non sono il soloa pensarla cosi: Ciampi non ci piace» poi: «E' in ritardo sulla storia. Come l'uccello di Minerva». (Chissa' a quale uccello si riferisce!). Lui no, mai stato in ritardo con la storia: Primo ad agganciarsi a Ciriaco De Mita ai tempi dell'irresistibile ascesa. Primo a mollare il padre putativo un attimo prima d'essere travolto. Primo a presentarsi alle riunioni pannelliane del Club delle Sette di mattina organizzato dai parlamentari timorosi d'essere mandati a casa.Primo a candidarsi al posto del triste Martinazzoli: « spero che abbiamo terminato la costruzione del Muro di Gerico in ogni citta' italiana, basta col muro del pianto »: che si trova a Gerusalemme.Primo a fondare il Ccd per lasciare la Dc. Primo a fondare l'Udr per lasciare il Ccd e andarsene dal Polo con una frase storica: «Ma al simbolo non rinuncio: l'ha disegnato Giugiaro..»

CLITORIDE
Allegra parte anatomica (La lingua batte dove il clito ride)

CLONARE
E' stupefacente di come alcuni scienziati inglesi siano riusciti, dopo aver visto il film di Spielberg "Giurassic Park", a clonare una pecora prendendo alcuni geni direttamente da una caciotta. E si sono aperti vasti orizzonti, specie nel settore dei trapianti, il piu' redditizio, tanto che in America si e' addirittura consolidato un mercato di pelle umana che ormai si produce in laboratorio e che si acquista a metri e nel colore desiderato. (Per adesso solo in tinta unita). Per darvi l'idea dei prezzi, diciamo che sei centimetri di pelle di bianco possono costare attorno ai quattrocento dollari. La pelle di negro va ancora a cinquanta dollari per feet, che e' la misura americana. Quindi facendo i calcoli si potrebbe dire che verrebbero centoventi dollari per un paio di mocassini.

COCA PARTY
sono quelle feste dove ti metti nel naso le cannucce della cocacola e poi parti

COCCODRILLO
In gergo giornalistico e’ il pezzo che si scrive per la morte di qualcuno. In occasione della morte dell’Avvocato, il piu’ bello lo scrisse Edoardo Dezani. Eccolo:
''L'Avvocato lo ricordo così''
E’ il giornalista che in occasione della morte di Agnelli scrisse il piu’ bel coccodrillo
«E’ un giorno molto triste. Quando ieri al telegiornale ho saputo che Giovanni era morto, è stato per me un grande dolore. Le nostre strade si erano sfiorate tante volte, senza incrociarsi mai, e questo costituisce oggi un ulteriore rimpianto".
Dezani e Gianni Agnelli avevano tante cose in comune, a partire dalla formazione universitaria e la carriera: "Entrambi eravamo solo laureati in Giurisprudenza, ma non eravamo avvocati, sebbene millantassimo di esserlo, soprattutto Gianni. Del resto anche in questa triste situazione è emerso ancora una volta che lui aveva visto lontano: i giornali hanno potuto titolare E' MORTO L'AVVOCATO, un E' MORTO UN LAUREATO IN GIURISPRUDENZA non ci sarebbe mai stato nel titolo, o comunque avrebbero dovuto scriverlo più piccolo, con un carattere meno grande"".
"A volte capitava di essere in coda in Corso Unità d'Italia con la macchina, e Gianni mi passava sopra con l'elicottero che lo portava dalla villa al Lingotto; sebbene non mi salutasse, sentivo che guardava giù verso di me, era il suo modo sincero e garbato di farsi sentire".
"Ho guidato per quattro anni una Duna, poi le circostanze mi hanno fatto passare ad una Mondeo, ma non c'era nemmeno stato bisogno di dirlo a Gianni: tra noi piemontesi ci si capiva al volo. E quando durante le vacanze di Natale ho affittato una Punto, anche se lui era già ammalato, non c'è stato bisogno di parole, il feeling è rinato immediatamente, nella spartana essenzialità dell'utilitaria ho subito ritrovato il suo rigore e la sua inconfondibile eleganza".
Oltre alla passione per la velocità, tante cose li univano: "a Torino, soprattutto una volta ma anche adesso, d'inverno fa freddo, e allora sia io che lui eravamo soliti metterci la sciarpa, la giacca a vento, quando nevicava anche il berretto. Sull'orologio invece avevamo idee opposte, ma anche se io lo mettevo sotto il polsino e lui sopra, riuscivamo a trovare un punto d'incontro, e a metterlo comunque entrambi".
E le famose telefonate all'alba dell'Avvocato? "Penso che mi chiamasse, ma non ne ho mai avuto conferma, perchè alle 6.40 io sono già in strada e quindi non posso rispondere al telefono. Quelle telefonate mi mancheranno, anche se comunque forse non me le ha mai fatte".
CODA
Da quanto ho la facolta’ dell’intelletto, ho sempre visto l’italiano con la coda. Mio padre mi parlava della coda per il cibo razionato, ma io ero nato dopo. Mi ha sempre stupito pero’ il clamore che faceva negli anni sessanta vedere la gente in coda per il pane in Russia e in Ungheria, senza che nessuno si occupasse della coda che facevamo alla posta o all’anagrafe. Fu solo andando all’estero per lavoro che ho scoperto che nelle altre democrazie la coda non c’era e che gli uffici postali erano posti coloratissimi dove la gente comprava anche caramelle e cartoline d’auguri!
Ancora oggi guardiamo con sussiego Paesi dove occorre camminare mezz’ora per prendere l’acqua e non ci accorgiamo delle code di auto per andare a lavorare, delle metropolitane affollate, autobus infarciti, partenze intelligenti dove invece che andare intruppati in autostrada alle undici, ti ritrovi in coda al casello alle quattro e mezza del mattino. Code cosi’.

COGLIONE IGNOTO
La polizia stradale dell'Arizona ha rinvenuto un relitto che sembrava essere un aereo precipitato, ma una piu’ accurata indagine appuro’ si trattasse di una automobile. Pare che un tizio fosse riuscito chissa' come a procurarsi una unita' JATO (Jet Assisted Take Off – Decollo Assistito per Jet, cioe' un razzo a combustibile solido) che e' utilizzato per dare agli aerei militari da trasporto piu' pesanti una spinta extra per decollare da piccoli aeroporti. Ha portato la sua Chevy Impala 1967 nel deserto e, trovato un lungo e diritto tratto di strada, ha collegato l'unita' JATO alla sua auto, e' saltato
dentro accendendo la macchina per guadagnare velocita' e alla fine ha azionato il razzo! Lo JATO ha probabilmente raggiunto la massima potenza di spinta entro 5 secondi, facendo accelerare la macchina oltre i 550 Km/h, continuando a pieno regime per altri 20-25 secondi finche' il "pilota" non ha azionato i freni; questi si sono squagliati completamente, facendo esplodere le ruote e lasciando lunghe tracce di pneumatico sulla strada, e decollando poi per altri 2 Km, finche', non si e' scontrato contro la roccia all'altezza di 40 m, lasciando un cratere annerito profondo 1 m. Piccoli frammenti di ossa, denti e capelli sono stati estratti dal cratere, e schegge di unghie e di ossa sono state rimosse da un pezzo di plastica che potrebbe essere una parte dello sterzo. Amen

COGL’IONI VANNO SULLA LUNA !!
(Portate pazienza ancora un pochino, amici miei, che con questa nuova tecnologia, sara’ risolto persino il problema del parcheggio)

COLANINNO
Immaginiamo che un giorno un signore, ne’ bello ne’ brutto, ne’ alto ne’ magro, uno qualsiasi insomma, bussi alla vostra porta e vi dica:
“Salve, bella gente, passavo di qui ed ho visto la vostra auto parcheggiata qui fuori ed ho deciso di comprarla. Il valore di mercato e’ di dieci milioni ed io ho qui in contanti quattromila cinquecento lire che potrete incassare subito. Non vi preoccupate per il resto perche’ ho gia’ chi e’ interessato a comprare le ruote, l’autoradio e la batteria. Il saldo ve lo paghero’ coi soldi che risparmiero’ licenziando l’autista che ho calcolato sia in esubero.”
Ebbene, voi la vendereste la vostra automobile?
Io dico proprio di no. E se lo fate siete matti.
Garantito.
Eppure e’ successo qualcosa di simile quando la Consob ha dato il via libera alla scalata di Telecom, che vale centomila miliardi di lire, ad un certo Colaninno, ne’ bello ne’ brutto, ma che di miliardi ne ha messi sul tavolo soli quarantacinque (diconsi quarantacinque ).
Senza dimenticare che Olivetti gia’ in passato ci ha dato delle belle soddisfazioni e clamorose imprese di cui qualcuna addirittura finita nelle aule di Tribunali.
E’ forse questa la via delle privatizzazioni? Allora si stava meglio quando si stava molto peggio.

COLLI SEMPRE COLLI FORTISSIMAMENTE COLLI
Ombretta Colli, l’immarciscibile moglie di Gaber che è una vita che fa segno che va a sinistra e poi svolta a destra, ne ha inventata un’altra delle sue. Come assessore alla Cultura (con la C maiuscola) per far vedere che lei non prende ordini da nessuno, ha nominato nientepopodimenoche Cesare Cadeo, quel venditore di pentole berlusconiane che se gli dici che al Louvre c’è una Nike, ti chiede se è la sinistra o la destra, perche’ per lui si tratta di un paio di scarpe sportive!
Fara’ il paio con Anna Kanakis l’addetta alla Cultura dell’UDR. Mi viene un dubbio.
Vuoi vedere che questi si credono che cultura si scrive col trattino in mezzo?

PRENDERLO NEL COLON
Quasi nessuno si e’ accorto della notizia dirompente che qualche giorno fa e’ apparsa sui giornali. Si tratta di un microchip a forma di scarafaggio ( inventato dal professor Paolo Dario dell'Universita' di Pisa) che potrebbe essere ingerito e che passeggiando solo soletto andrebbe a fare diagnosi e piccoli interventi nel retto, prima di essere espulso per vie naturali. La prima domanda e’: e se non esce?
Vuoi vedere che se ne va in giro come la particella di sodio dell’acqua Lete gridando: “C’e’ nessuno? C’e’ nessuuuunoooo?

COMPATTI
Bill Clinton ha dichiarato alla stampa:
“ Dobbiamo mandare al Mondo un messaggio chiaro ed inequivocabile: noi americani siamo un popolo unito al cento per cento e sosterremo lealmente e incondizionatamente i nostri governanti, qualsiasi cosa decidano di fare. “
Che ne dite?
E avete visto invece i primi commenti dei nostri politici?
A Berlusconi che diceva una cosa, ha risposto prontamente Rutelli contraddicendolo, a D’Alema che in Parlamento ha detto un’altra cosa, ha risposto Gustavo Selva in televisione dicendo esattamente l’opposto. Hanno parlato tutti e malgrado certe generiche ovvieta’ non si e’ capito da che parte stiamo, come sempre. Perche’ la Storia e’ Maestra, e se la Prima Guerra Mondiale l’abbiamo vinta alla grande e la seconda l’abbiamo persa da pirla, per la Guerra Fredda abbiamo imparato la lezione: un po’ qua e un po’ la’ cosi’ qualunque cosa accade possiamo sempre pareggiare.
Viva l’Italia.

CONCORRENZA
Dovrebbe essere una gara o competizione dove persone isolate o a gruppi tra di loro omogenei, cercando di ottenere lo stesso scopo, tentano di sopraffarsi a Vicenza migliorando i prezzi.
Dovrebbe essere. Perche' nella accezione italiana del termine, concorrenza e' l'accordo fra le parti piu' forti per imporre le proprie condizioni ai piu' deboli, con quello che eufemisticamente si chiama "Un cartello" ma che dovrebbe dirsi: "Una Sola" con la O aperta, alla romana.
E cosi' Assicurazioni in concorrenza tra di loro si impongono sul mercato livellando i prezzi verso l'alto, e le compagnie petrolifere, e i distributori di servizi e tutti quelli che possono.
Si arriva fino alla concorrenza fotocopia, che altro non sarebbe che dare lo stesso prodotto cambiando solo il marchio, come Panorama e l'Espresso che qualche volta escono addirittura con la stessa copertina, o piu' recentemente RAI e Mediaset he fanno lo stesso programma, la stessa sera, alla stessa ora e con gli stessi contenuti.
Siamo arrivati a cancellare la competizione perfino nei sorteggi, nelle lotterie, nelle partite di calcio.
Cosi' gli unici concorrenti che ci sono rimasti sono quelli della Ruota della Fortuna che chiedono un aiutino e che si portano a casa cifre spropositate per aver schiacciato il pulsante, aiutando contemporaneamente il teleutente a schiacciare un pisolino.
CONCORSO CANORO
davvero particolare organizzato in Russia dal governo. A tutti i detenuti meno pericolosi è stata data la possibilità di tornare liberi. Chi vince infatti esce di prigione in libertà condizionata.
ALESSANDRO CONSIGLIO
stilista, ha presentato a Roma un vestito da sposa, ispirato a Cenerentola, confezionato con oltre 1000 metri di carta igienica.

CONTESTAZIONE
Parola in disuso. Ormai si parla della contestazione come Cossiga- boiler parla della Resistenza. Che se gli togli la resistenza, di quel boiler resta solo il bidone!
Ma tant'e'. Si incontrano cinquantenni delusi dal loro coetaneo Clinton, fervido esempio di sessantottino che ha fatto la contestazione " Si, ma senza occupare" che ha fumato spinelli "Si, ma senza aspirare" che ha fatto sesso con la stagista "Si, ma con rapporti impropri" lasciando quell'amaro in bocca che ti viene dopo che hai provato a fumare il sigaro nello Studio Orale della Casa Bianca e sai anche il perche'!
Si incontrano questi cinquantenni e si chiedono: "Ma tu hai fatto il sessantotto?" fingendo di dimenticare che il sessantotto lo hanno fatto a Parigi e che qui il casino e' arrivato un anno dopo. Ma come faresti a chiedere: "Scusa ma tu hai fatto il sessantanove?" sarebbe imbarazzante!
E stare qui a guardare questi giovani che non strillano, che quasi si vergognano, che si fanno chiamare pantere ma sono dei gattoni, e lasciare che la contestazione sia rimasta in mano ai soliti noti, quel Pannella che continua a fare lo sciopero della fame, che se fosse dimagrito dieci grammi ogni volta che scioperava, adesso sarebbe appeso al portachiavi di Radio Radicale e alla sfiorita Marina di Peana, gia' Land della Rover che mostra la pelle avvizzita per difendere i diritti degli animali, dimenticandosi la truda che da giovane lei gli animali li ha sfruttati eccome, col suo visone sulle spalle, col suo Jaguar in garage, con gli stalloni dentro e fuori dal letto e un asino che sempre gli pagava i conti!

CONVERSIONE
Dipende dai punti di vista. Alla stessa maniera con cui uno che dice al nemico le cose nostre, e' una spia ma se le dice a noi e' un confidente, cosi' come un soldato che passa al nemico e' un traditore ma se il nemico passa nelle nostre file e' un collaboratore ecco che un cristiano che abbracciava un'altra religione era un empio, ma se da un'altra religione arrivava da noi, era convertito.
Grandi uomini della Storia sono noti per le loro clamorose conversioni, da San Paolo a Costantino, fino a quelle meno sicure di Togliatti e Guttuso.
Una cosa e' pero' certa: avvicinandosi l'ora della dipartita, ognuno arrangia i suoi conti come puo', ed e' per questo che sono perplesso dinanzi alle grandi manovre che si stanno facendo attorno al Papa, che prima ha benedetto i Russi, poi e' andato da Castro, poi ha ricevuto in Vaticano D'Alema ed e' persino andato al cinema con Benigni.
Non si stara' mica convertendo?

DEZERRIE CORTES,
40 anni di New York, non si sposava per amore, ma per denaro: i suoi mariti erano peruviani, messicani, pakistani che per il «sì» le pagavano almeno 500 dollari. In cambio potevano ottenere la «green card» e quindi il permesso di restare negli Usa. Ha detto «sì» per 27 volte prima di finire in carcere

CORTINA
Dichiarazione di Casini con paginate di intervista, proprio a dimostrare che non ci sta altro da pubblicare: "La sinistra non va. La sinistra si deve muovere meglio. La sinistra e' ingessata" e dopo scopri che forse sta parlando del suo avanbraccio sinistro che si e' fortunato giocando "La partita del cuore" a Cortina dove ha avuto un incidente all'urna (all'ulna, ignorante. L'incidente all'urna lo avra' alle prossime elezioni!). Per la cronaca l'intero incasso sara' devoluto per un pasto caldo ai bambini bosniaci rifugiati che sono stati ricoverati proprio li' in un istituto a Cortina.
Pensate che carita' pelosa: L'ettaro di terra piu' ricco d'Europa si accomuna in un intento benefico e fa ricoverare alcuni bambini rifugiati bisognosi per il cui mantenimento pero', non caccia nulla "a gratis " dalle tasche ma bisogna organizzare uno spettacolo da cui stornare una percentuale: Il senso del business! Sapete quanti sono i bambini ricoverati a Cortina che hanno mosso tante belle anime? Quattro. Non quattrocento o quattromila, ma proprio quattro. Uno due tre quattro. Avete capito bene. E pensare che da quelle parti si sono mercedes con servosterzo e servofreno rigorosamente di colore!

COTTMAN Debby
Statunitense, nel tentativo di non rosicchiarsi le unghie e’ riuscita ad averle lunghe piu’ di 21 cm. (Machissenefotte)

CRACK
A furia di dagli e dagli, alla fine in casa Bush hanno fatto crack, che non e’ il rumore dei nervi infranti, bensi’ la sostanza dopante che e’ stata trovata nelle scarpe della nipotina gia’ condannata ad un programma di rieducazione. Devo dire che provo simpatia per le femmine di casa Bush, che trasmettono al mondo tutto il disagio d’essere imparentate con quel tizio li’. Pensa che le figlie di Bush si chiamano J&B, non e’ demoralizzante?

JOHN CRAMER
docente di fisica alla University of Washington di Seattle, ha scoperto che il primo suono dell'universo non fu un botto (Big Bang), come si pensava, ma un lungo fischio.

CRAPAPELADA
Dalle riprese televisive del nostro premier , ho notato che aveva la Testarossa, che non e’ la Ferrari di Montezufolo bensi’ quel casco dipinto a mano che il Berlusca si mette in testa nelle varie occorrenze, credo per ragioni di sicurezza.
In un primo momento mi sono chiesto, ma vuoi vedere che con tutte le cose che ha da fare, quello si porta appresso pure il truccatore? Certo, per uno che all’inizio della sua carriera politica metteva i collant, tutto e’ possibile ( ma cosa avete capito? I collant non se li metteva Lui ma foderava le telecamere che lo immortalavano, non ricordate?)
E’ piu’ probabile invece che con il codazzo dei giornalisti ci sia al seguito pure Rossella, il direttore-dandy di Panorama che tanto lustro ha dato alla sua professione ritoccado con il pennarello la pelata di Sua Emittenza sulle copertine del suo (suo di Lui, di Crapapelada) settimanale.
Certo l’Uomo e’ un po’ vanitoso e se gli altri per vezzo si tingono i capelli, Lui addirittura si tinge quelli che non ha! Un trucco come tanti, insomma, un po’ com’e’ costellata tutta la sua vita.
Mi domando perche’ i Carabinieri non vanno ad arrestare Cesare Ragazzi e a far chiudere la Panten che da anni fanno le Vannemarchi del settore.
Perche’ se davvero esistesse qualcosa che fa ricrescere i capelli state tranquilli che Berlusconi l’avrebbe gia’ comprata, invece di rendersi ridicolo col pancake che da’ al suo augusto capoccione un’aria d’antiquariato, con quell’impossibile color comodino cippendale di fine ottocento!

CRIBBIO:
Equivale a coglione Neologismo coniato di Berlusconi ( non nel senso che ne ha sposato la sorella) per insultare un giornalista che gli aveva mollato una microfonata sulla dentiera da 500 milioni "Cribbio me lo hai dato sui denti")

CRIMINALITA'
A proposito degli atti criminali in piena citta' il Ministro degli Interni ha diramato una tabella che fotografa il crimine italiano e dalla quale si possono imparare cose significative.
FURTI: a Roma nel 1997 sono stati circa 160.000 a Milano 180.000, a Torino 90.000, a Napoli 80.000 e a Palermo 34.000. SCIPPI: a Roma sempre l'anno scorso 4.000 a Milano 3.000 a Napoli 7.000 a Palermo 1.000. VIOLENZE SESSUALI a Roma 106, a Milano 122, a Napoli 60, a Palermo 0. SFRUTTAMENTO PROSTITUZIONE: a Roma 280, a Milano 143 a Napoli 259 a Palermo 33. LESIONI DOLOSE: a Roma 800 a Milano 2.000 a Napoli 1100 a Palermo 269
Tralascio gli altri dati ma l'andamento e' sempre quello: la citta' piu' violenta e' quasi sempre Roma o Milano, seguita da Napoli o Torino a cui buon ultima e' sempre Palermo
Anche nei disagi. C'e' sciopero dei benzinai? Aderiscono il 60 per cento a Milano il 35 a Roma il 15 a Napoli e a Palermo la benzina non manca mai.
Ora sia il Capo dei Carabinieri che il capo della Polizia hanno dichiarato in questi giorni di non poter garantire la giusta protezione della popolazione perche' mancano uomini, organici e mezzi.
Ma allora, visto che Palermo, citta' dichiaratamente mafiosa puo' garantire una cosi' discreta qualita della vita dei cittadini, perche' non AFFIDIAMO LA SICUREZZA NAZIONALE ALLA MAFIA, oppure ci trasferiamo tutti da quelle parti?
La statistica parla chiaro, se volete che i vostri figli vadano in giro senza pericoli di notte, trasferitevi da Torino o da Milano ed andate a vivere a Palermo!
Brusca libero! ( E Ciancimino Stopper! )

CRIPTORCHIDISMO
Si mormora che il Direttore Generale della RAI, sia pencolante a causa del cambiamento di che aria tira. Ma non ci credo. La Rai e’ affetta da criptorchidismo, quella malattia adolescenziale che impedisce al testicolo di calarsi nello scroto.
Insomma, detto in parole povere: il coglione non cade mai.

CROOKS Hulda
Canadese ma residente a Loma Linda (California) nel 1986 scalo’ il monte Whitney di 4.418 m. all’eta’ di 90 anni. La passione per l’alpinismo le era venuto a soli 66 anni. (Machissenefotte)

CULTURA CON LA C
A proposito della volgarita', e delle accuse che si muovono alla nostra televisione, rea di incanalare i peggiori istinti, uscì su Panorama un eccelso pezzo di critica letteraria firmato da Patrizia Valduga ed intitolato: "ECCO COME LETTERATURA E TELEVISIONE INVOLGARISCONO LA NOSTRA LINGUA" che vi riporto cosi' come l'ho trovato:
"Sia detto una volta per tutte: in lingua italiana quella parte del corpo femminile si chiama fica, con la c. Con la g e' voce dialettale ancor piu' triviale e tanto vale allora dire "fregna" o "mona".
Quei romanzieri e traduttori che mostrano "fighe" a tutto spiano, non dovrebbero per coerenza chiamare la corrispondente parte maschile "osel" o "minchia" ?
Con un altro dilettantismo e' caduto in coprolalia Giancarlo Consonni, che ha elogiato il "caco" voce del verbo "cacare" (io caco, tu cachi, egli caca) intendendo quel frutto autunnale che in italiano si chiama cachi anche al singolare: un cachi, due cachi, tre cachi.
E dalla televisione si salvi chi puo'. A La posta del cuore ogni domenica c'e' un energumeno che dichiara "Non capisco una mazza".
E alla trasmissione il brutto anatroccolo Amanda Lear se ne esce bellamente in espressioni tipo: "Come se la tira". La mazza, si sa, va da se': ma che cosa precisamente ci sai tira quando accade di "tirarsela"? Pieta' di noi.

Questo per la cronaca l'articolo di critica letteraria apparso su Panorama, e ad illustrare il tutto, il famoso quadro di Gustave Courbet " L'origine du monde" che credo ricorderete tutti con quel suo bel primo piano di gnocca con pelo e tutto.
Critica e Cultura con la C come fica.
Non lo dimentichero'

CULTURA DI DESTRA
Dopo il Lazio anche la Lombardia, Piemonte, Sicilia e Puglia chiesero una commissione "Per ripulire i libri di storia dal tritume ideologico" (Ipse dixit)
Che dire? Il paese si spacca. Lo dimostra il referendum di Padova tra quelli del Polo che vogliono il bus (degli elettori? Mah) e i Sinistri che vorrebbero che i padovani si attaccassero al tram.
Intanto una commissioncina congiunta ha ventilato una proposta (tu sai che in Italia le proposte si ventilano, come le scorregge) per arrivare ad un compromesso.
Verra' estrapolato dalla Bibbia l'episodio del Diluvio, quando alla fine torna la colomba con una ramoscello d'ULIVO perche' troppo di sinistra. Verra' anche cancellata tutta la vita di Marco POLO perche' di destra. La presa do Porta PIA, CRISTOforo Colombo, i dischi di MADONNA, via perche' troppo clericali, e la scoperta dell'America verra' eliminata perche' troppo scoperta sembra un poco ose'. Via la bandiera rossa, Cappuccetto Rosso le camicie rosse dei Mille, l'attraversata del Mar Rosso di Mose'. La Tenda Rossa invece si’, perche’ Umberto Nobile voleva fortemente andare al POLO. Via i letterati Russi, Tolstoi, Dovstovijeski e Victor Hugo (che non e' russo ma fa lo stesso: con tutti quei Miserabili, sembra apologia del proletariato) I Verdi propongono di cancellare Leopardi e tutti i poeti da pelliccia. "S'ode a destra uno squillo di tromba A SINISTRA risponde una squillo" non si potra' piu' dire e nemmeno il Carducci ma solo perche' porta sfiga, lui e i suoi dodici figli morti che nel CANTO ANTICO ha seppellito in giardino: "Sei nella terra fredda" e "sei nella terra nuda." Amen

CULTURA IN TV
Basta col chiedere alla Parietti un’opinione su Benedetto Croce.
Mandate Rita Levi Montalcini al giro d'Italia!

CUMBERLAND COLLEGE
Squadra di football americano del Tennessee, nel 1916 venne battuta dal Georgia Tech per 222-0. (Machissenefotte)

CESARE CURSI
sottosegretario alla Salute , ha proposto al Parlamento di rendere gratuiti i farmaci contro la disfunzione erettile per i pazienti diabetici e ipertesi. Ha chiesto inoltre che venga rivalutata la figura dell'andrologo, che attualmente e' un lavoro del cazzo!

CUVIER Georges
Grande naturalista francese, quando mori’ nel 1832, gli fecero un’autopsia e scoprirono che il suo cervello pesava 1.830 grammi, peso notevole essendo la media di circa 1.150. Egli pero’ era stato superato in questo genere di primato da Oliver Cromwell, lo statista inglese del ‘600 il cui cervello pesava 2.231 grammi e ancor piu’ da lord Byron con l’eccezionale peso di gr.2.238. (Machissenefotte)

CYBER-TRENO
Vi ricordate l’alta velocita’, quel sistema inventato da Necci e compagni di merende per fotterci i soldi con estrema speditezza? Ecco, sta per concretizzarsi il progetto FIFTH ( Fast Internet for Fast Trains Hosts), presentato da Alenia Spazio con la partecipazione di Trenitalia e il Centro Ricerche Rai. A partire dal 2006, dovrebbe essere attivo il Cyber-treno, vettura provvista di schermi e computer per seguire programmi televisivi, film da canali satellitari e navigare su Internet anche con il proprio portatile. E dove dovrebbe entrare in esercizio questo altro velocissimo divoratore di soldi? Ma sulla Roma – Napoli, una tratta dov’e’ piu’ facile aprire voragini, off corse!!

Powered by PhPeace 2.5.5