Gruppi di tematiche

Milano, l'ex capitale morale d'Italia

8 aprile 2010 - Aldo Vincent

 Non che ci capissi molto di Jazz, ma da Milano passavano tutti i più grandi jazzisti e faceva colpo su di un certo tipo di ragazze invitarle ad ascoltare quella musica esotica. C'era il Jazz Power al Motta di Piazza San Babila, il Teatro Lirico, Giorgio Vanni aveva aperto il Capolinea, ai navigli c'erano le Scimmie e a Brera il Due. Ho visto dal vivo tutti i pionieri del Jazz dei bordelli di New Orleans, poi via via tutti i più grandi musicisti della musica mondiale. Venivano a Milano, la capitale morale d'Italia.

Dev'essere successo qualcosa nel frattempo, se al Covent Garden di Londra vivono del movimento turistico suscitato dall'interesse nel vedere gli artisti di strada e a Milano li multano per accattonaggio.
Dev'essere successo qualcosa, se le più grandi città del mondo accolgono nelle loro gallerie più prestigiose questa nuova tendenza che chiamano Street Art, (che in fondo non è altro che l'evoluzione dei murales di protesta che la Biennale di Venezia presentò in grandi padiglioni negli anni '70) con artisti conclamati che hanno raggiunto quotazioni da capogiro, mentre a Milano, unica AL MONDO, trascinano in tribunale Daniele Nicolosi, 28 anni, in arte Bros, noto writer milanese che ha esposto le sue opere al Pac e a Palazzo Reale, e che si è presentato alla prima udienza del processo che lo vede imputato per imbrattamento di alcuni edifici della città.

il lungimirante e tollerante Comune di Milano, si è costituito parte civile in qualità di ente danneggiato, allegando una corposa documentazione, accusando BROS di aver imbrattato la sede di una società il 29 novembre 2007 (il titolare ha rimesso la querela) e, in un periodo precedente, di aver realizzato graffiti sulle mura esterne del carcere di San Vittore, su una tettoia di una fermata della metro e su altri edifici del centro.

Verrebbe da dire, che bello! Un'amministrazione cieca e bigotta e un tribunale da Inquisizione non faranno altro che consacrare un nuovo artista, alla maniera di come fecero con Picasso, Pasolini, Marinetti, Boccioni e quanti altri avevano visioni incomprensibili ai loro contemporanei.
Ma perchè deve capitare proprio a Milano, la più grande, la più colta, la più viva EX Capitale Morale d'Italia?

 SUI MURI DI MILANO QUESTO SI'...
CARTELLO

 

 

 

 

MA QUESTO NO...

BROS

ALTRIMENTI RISCHI LA PRIGIONE...

 

http://aldoelestorietese.dilucide.com

SULLA COLONNA SINISTRA CLICCA SU "ULTIME NOVITA'" SE VUOI LEGGERE GLI ARTICOLI DELLA SETTIMANA

Powered by PhPeace 2.5.5