Gruppi di tematiche

Aiuti ad Haiti: la grande rapina

6 marzo 2010 - Aldo Vincent

 

Per l'Ass. Press da Jonathan M. Khatz
LISTIN DIARIO http://www.listin.com.do/app/article.aspx?id=133874  


Sono stati raccolti 2.200 milioni di dollari ma solo un centesimo per ogni dollaro è andato al governo di Rene Preval. Il rimanente del "malloppo" è nelle mani del governo e delle ONG degli Stati Uniti.
Mezzo milione di Haitiani hanno ricevuto tende, ma moltissimi altri rimangono in mezzo alle macerie e dormono coperti solo da un lenzuolo.
E piove.

Più di 4,3 milioni di persone hanno ricevuto razioni alimentari d'emergenza, ma pochi saranno in grado di procurarsi il cibo da solo nelle prossime settimane. L'assistenza medica ha aiutato migliaia di infelici, ma a lungo termine sarà molto difficile da mantenere. I gruppi di aiuto internazionale e funzionari dei paesi ammettere che sono sopraffatti dalla portata della catastrofe.

I leader haitiani sono frustrati dal fatto che i milioni di dollari, vanno ad agenzie delle Nazioni Unite o di altre organizzazioni non governative degli Stati e altri paesi. Molti funzionari hanno cominciato a esprimere la loro opposizione nei confronti dei gruppi stranieri, che si dice, sono fuori controllo. Nei giorni scorsi, qualcuno ha scritto: "Abbasso i ladri ONG" sui muri della strada tra l'aeroporto internazionale di Port au Prince, la sede provvisoria del governo e la base delle Nazioni Unite.

Nella preparazione di un vertice dei donatori per il 31 marzo a New York, molti hanno discusso il denaro che è venuto ad Haiti. Il contributo, infatti, è venuto a molti luoghi e posti più impensati. Dalle Nazioni Unite per l'analisi è emerso che le donazioni private sono una gran parte degli aiuti totali, accumulando più di 980 milioni della somma che è già stato consegnato e che i donatori si sono impegnati a fornire.

Gli Stati Uniti hanno superato gli altri paesi con le sovvenzioni per un totale di 713 milioni dollari, seguita da Canada, Francia, Spagna, Regno Unito, il Giappone e l'Unione europea e gli altri donatori. L'Arabia Saudita ha dato 50 milioni di dollari la sua ricchezza petrolifera per l'Emergency Response Fund delle Nazioni Unite. Anche i paesi con gravi problemi interni sono stati rapidi per aiutare Haiti, Afghanistan ha offerto 200.000 dollari.

Poi c'è un agente immobiliare che ha inviato i tendoni in precedenza utilizzati dal Cirque du Soleil per 5 milioni di dollari. Leonardo DiCaprio e Coca-Cola hanno donato un milione di dollari e 100.000 $ Dollar General.
Hanesbrands inviato due milioni di paia di mutande.

Ma il primo ministro haitiano Jean Max Bellerive, e altri leader, non sono soddisfatti del modo in cui vengono impiegati i soldi.

"Le Ong non ci dicono ... dove viene il denaro o il modo in cui stanno spendendo ", ha detto alla Associated Press. "Troppe persone fanno la raccolta di fondi senza alcun controllo e non spiegano che cosa stanno facendo con essi."
Un centesimo per ogni dollaro è andato al governo per Rene Preval degli altri soldi non si sa nulla.

Decine di milioni NELLE MANI DELLE ONG haiti terremoto


I fondi provenienti dalle amministrazioni pubbliche straniere tendono a finire ai paesi che dovrebbero aiutare Haiti.

L'Unione Sportiva Agency for International Development ha pagato almeno 160 milioni dollari per i suoi costi complessivi per l'intervento a Haiti per il Dipartimento della Difesa.
Decine di milioni sono andati a gruppi di aiuto statunitensi. Mentre gran parte di essi ha acquistato prodotti alimentari e prodotti per il primo soccorso per gli haitiani, tramite società americane, come i coltivatori di riso con le sovvenzioni, che già facevano male al mercato locale di Haiti e rovina gli agricoltori locali.

TRADOTTO ALLA BUONA DA
Aldo Vincent
http://aldoelestorietese.dilucide.com  

 

Powered by PhPeace 2.5.5