Gruppi di tematiche

L'interferenza della CIA nella politica italiana (1948 - ieri)

9 febbraio 2010 - Aldo Vincent

 

LA NATO Segreta

E' uscito in Francia da poco tempo il libro: Les armées secrètes de l'OTAN (L'armata segreta della NATO) di Daniele Ganser, storico svizzero insegnante di relazioni contemporanee internazionali.
La parte succosa del libro è il capitolo 6° LA GUERRA SEGRETA IN ITALIA pubblicato nella sua integrità (in francese) qui: http://www.voltairenet.org/article163905.html con allegati molti documenti originali.

Ne riporto alcuni passi salienti tradotti alla buona da me.

ALDO VINCENT

 


Mentre gli Stati Uniti si presentano come i difensori della democrazia, hanno organizzato brogli nelle elezioni italiane, due colpi di Stato invisibili, e non hanno esitato a far eseguire la pena di morte per il Primo Ministro Aldo Moro. In questa sesta parte del suo studio su Gladio, lo storico svizzero Daniele Ganser rintraccia come Washington abbia controllato la vita politica italiana, storia sconosciuta agli italiani, per cinquant'anni.

 

--------------------------------------------------------------------------------
Sommario:


Nel 1978, gli Stati Uniti hanno ucciso il primo ministro italiano Aldo Moro. La sua esecuzione è stata rivendicata dalle Brigate Rosse, ma l'operazione è stata manipolata da Gladio. Questo articolo è il seguente:
1. "Quando il giudice Felice Casson ha presentato la Gladio ..."
2. "Quando la Gladio è stato scoperto nei paesi europei ..."
3. "Gladio: Perché la NATO, la CIA e il MI6 ha continuato a negare"
4. "Le fogne di Sua Maestà '
5. "La guerra segreta, l'attività centrale della politica estera di Washington

 

 

L'anti-comunismo statunitense fu la fonte di tante tragedie che hanno segnato la storia della Prima Repubblica Italiana (1945-1993). Elementi di prova emersi nel corso degli ultimi dieci anni dimostrano che l'esercito Gladio guidato dai servizi segreti italiani, ha preso, con la complicità dei terroristi di estrema destra, un ruolo attivo in questa guerra non dichiarata. In assenza di invasione sovietica, le unità paramilitari anticomuniste addestrate dalla CIA ricaddero sulle operazioni interne per condizionare la vita politica. Una inchiesta parlamentare commissionata dal Senato italiano per far luce su Gladio e una serie di attentati misteriosi si conclude alla fine della guerra fredda nel paese con queste parole: "Alla CIA era stata data la massima libertà" a causa di fatto che l'Italia, sotto la Prima Repubblica, ha vissuto "una situazione di difficile divisione anche tragica. Questa divisione è stata tra le due ideologie dominanti della Guerra Fredda: a sinistra è stato il più importante e influente PCI, Partito Comunista Italiano, sostenuto segretamente da parte dell'Unione Sovietica e il potente Partito Socialista [1], mentre sul lato opposto della scacchiera occupata della CIA, il servizio segreto militare italiano e Gladio, ma anche i movimenti terroristici di estrema destra, che ricevette tutto il sostegno politico dei conservatori DCI. [2]

 Per continuare, aprire il documento

Allegati

  • Nato segreta - (55 Kb - Formato odt)
    Daniele Gansere - Fonte: http://www.voltairenet.org/article163905.html
    Come la CIA ha influenzato la politica italiana del dopoguerra
Powered by PhPeace 2.5.5