Gruppi di tematiche

Con Vendola Caltagirone perde l'acquedotto Pugliese ma con alemanno si prende (per due lirette) l'ACEA, la più grande azienda municipalizzata di Roma...

25 gennaio 2010 - Aldo Vincent

 Per blindare la Polverini ed evitare sorprese elettorali a Roma (che porterebbero sul banco degli imputati i suoi primi due anni da sindaco), Alemanno ha rinsaldato il patto con Caltagirone: avanti tutta sulla privatizzazione di Acea, azienda regina dell'economia romana da regalare a prezzi stracciati a "imprenditori legati al territorio".

L'annuncio, ovviamente, è arrivato solo dopo l'ok dell'Udc di Casini ad appoggiare la candidata cara ai Tipini Fini. E Calta, che di Acea è azionista minoritario ma in grado di avere un presidente amico (Cremonesi) e un amministratore delegato in quota (il casiniano Staderini) festeggia: il titolo è ai minimi storici.

Da quando Alemanno è arrivato in Campidoglio Acea ha dimezzato il suo valore passando dai 13,5 euro di maggio 2008 agli attuali 7,1. A segnalare la strana giravolta di Ale-danno ci ha pensato l'edizione romana del "Corriere della Sera", con un editoriale in prima pagina di ieri, a firma Bernardo Pizzetti

Dagospia


Powered by PhPeace 2.5.5