Gruppi di tematiche

Non è tutt'oro ciò che pesa 19,3 kg/dm3

15 novembre 2009 - Aldo Vincent

 

Sono stati trovati dei lingotti "good delivery" cioé accettati dal
London Market Bullion Association - ove si transa il 90% dell'oro fisico
mondiale - ripieni al tungsteno. Un lingotto pesa 400 oncie (12kg).
400 once d'oro costano 400 mila dollari, 400 oncie di tungsteno costano
4000 dollari. Il tungsteno pesa come l'oro, quindi un lingotto con una
buona placcatura d'oro non è distinguibile da peso e dimensioni, bisogna
fare dei microcarotaggi: questo significa saggiare il lingotto ogni
santa volta che viene venduto, con tanti saluti alla "fiducia" negli
attori del mercato.
http://harveyorgan.blogspot.com/

Se la notizia viene confermata, e se effettivamente ci sono in giro
parecchi tarocchi, ogni acquirente vorrà saggiare e avere in custodia il
proprio oro FISICO (come stanno facendo cinesi e indiani) salta il
mercato dell'oro cartaceo, e cioè saltano i futures, saltano i fondi, i
certificati, i derivati (essenzialmente dei "pagherò" legati alla
quotazione ufficiale del metallo, ma probabilmente scoperti), e gli
emettitori di tali cartacce (grandi banche internazionali).
Bon, il primo dicembre si consegna il future al COMEX di New York,
vediamo quanti compratori ritireranno i lingotti fisici (nel passato
meno del 3%), e quanti invece rinnoveranno il contratto, o incasseranno
i dollari cartacei.


Aquista a questo punto nuovo sinistro significato anche il ripetuto
rifiuto della FED di fare un audit delle riserve auree USA.

Ora, l'Italia ha ufficialmente 2450 tonnellate d'oro, oro che, se
scoppia il casino di cui sopra, può schizzare alle stelle.
Diventa a questo punto fondamentale: sapere dove sta quest'oro,
sapere di chi è (era nostro finché non hanno privatizzato BankItalia,
ora non è chiaro), fare un audit per controllarne i numeri di serie, e
la presenza di eventuali ripieni al tungsteno.

Ministro Tremonti, R.S.V.P.

operai


saluti ripieni
Alessandro Paganini - GENOVA

 

Powered by PhPeace 2.5.5