Gruppi di tematiche

La Statistica è una scienza esatta?

28 luglio 2009 - Aldo Vincent

Massa, festa della Resistenza
Scontro tra ronde. Una molla va a colpire Sarkozy che stramazza al suolo sotto il quale c'erano trenta tombe etrusche.
Kazzo, devo smetterla di leggere i riassunti e andare direttamente alle notizie.


Tirando le somme,
Diciamo che dopo una levata di scudi da parte dell'intellighenzia di AN e delle repubblicate proteste della signora Bartolini, a seguito di un moto del popolo italiano che ha sfiorato la sommossa ( è un modo satirico per dire che al popolo non gliene poteva fregà de meno), alle scorse elezioni europee siamo riusciti a lasciare a casa questo ettaro di pelle soffice:

gnocche

Per riuscire a mandare a Bruxelles Vito Monsignore, Mario Borghezio, Speroni, Mastella, Baldassarre, e dall'altra parte: Sassoli, De Mita, Cozzolino, Magdi Allam, Carlo Casini...

La domanda è: siamo sicuri di aver fatto un affare?

silvio e d'addario


La statistica è una scienza esatta

L'inutilita' delle statistiche e' statisticamente dimostrata? Intendo dire che se' e' vero come e' vero che il 90 % delle statistiche e' sbagliato e il rimanente 50 % e' inattendibile, cosa ce ne faremo del trenta per cento che rimane?
No, non fate così, sto scherzando. Mi prende sempre così quando affronto l'argomento. Recentemente per esempio avrete visto il banner della società Autostrade che dice che grazie a loro sono diminuiti gli incidenti mortali su strada. Il ministro dei Trasporti dell'epoca disse che era merito della limitazione della velocità proposta da lui, e quello attuale si prende il merito per aver adottato la patente a punti. Ma la domanda non cambia: sono diminuiti gli incidenti mortali?

La risposta è sì, se avete paragonato i numeri di morti di quest'anno con quelli dell'anno scorso. Se invece stiracchiate i numeri un po' come vi pare potrete ottenere qualsiasi risultato che vi faccia comodo, perché i numeri sono come i prigionieri di guerra: torturateli e vi diranno quello che volete sentirvi dire.
Per esempio, prendete i chilometri autostradali e toglieteci quelli che quest'anno sono impercorribili per lavori e altro. I morti sono uguali. Se invece a causa dei limiti di velocità rapportate il numero degli incidenti alla permanenza in autostrada, i morti aumentano. Capito come funziona? È come il tanga: quello che vedi è suggestivo ma quello che nasconde è imbarazzante.

Così quando ti dicono che l'italiano medio preferisce Berlusconi, andatelo a vedere secondo gli statistici com'è questo italiano medio, un essere con poco meno di due gambe, con un testicolo e una tetta, che si riproduce scopando, probabilmente.
Vabbè, finiamola qui, leggevo due dati statistici che emergono dai titoli dei giornali di ieri e mi ha preso una rabbia nel leggere pure sulla stampa estera che uno dei problemi degli italiani è che l'85% di essi è ignorante in matematica! L'85%, capite? Poco meno della metà. E dove andremo a finire di questo passo?

Obbasta.
Ieri dopo tanto tuonare finalmente piovve: Habemus cadaverem! Il primo morto italiano per la più dirompente malattia massmediologica del millennio: l'influenza maiala. Pure ieri tre morti in Adriatico, che in questo inizio d'estate fanno salire ad undici i morti annegati in mare. Prepareremo una vaccinazione che tenga lontano le persone dalle spiagge? Pensateci.

La seconda statistica che salta all'occhio è la recente morte di un nostro soldato in Afghanistan e la recrudescenza di attacchi talebani sullo scacchiere di Pace (noi lo chiamiamo cosi') che ha portato a 14 i soldati italiani caduti. Tanto che serpeggia persino nel governo la domanda: "Riportiamo a casa questi figlioli?" La risposta è no, ed è una decisione ben ponderata e sacrosanta. Seguitemi nel ragionamento. Questi ragazzi sono per la maggior parte specializzati che se non si fossero arruolati nelle Forze Armate (pure tra i celerini o nella Forestale) sarebbero destinati a lavori di manovalanza, quali l'edilizia, il facchinaggio, la metallurgia pesante, cose così.
E cosa ci dicono le statistiche? Che l'hanno scorso tra quelle forze di lavoro non protette, i morti sono stati quasi 1200. Una strage, che ci fa capire come i nostri soldati in Afghanistan se ne stiano al calduccio SENZA TROPPI RISCHI che se tornassero in Patria correrebbero andando a lavorare.
Anzi, io per salvaguardare un'intera generazione, statisticamente proclamerei una campagna di reclutamento e poi andrei ad invadere l'Albania!
Hai visto mai?

 


P.S.

Come l'Albania l'abbiamo già invasa con esiti catastrofici? Vabbè, allora dichiariamo guerra agli Stati Uniti! Come non si può? Si può eccome! Usciamo dalla NATO (perché in caso scoppiasse la guerra dovremmo vedercela contro i Russi e quelli ci deporterebbero nei campi di concentramento in Siberia) poi dichiariamo guerra agli USA e lasciamo che le forze occupanti prendano i nostri giovani e li deportino dalle loro parti. Dove? Andrebbe bene anche Orlando. Dovrebbero sopportare quegli orrendi hamburger ma lavorerebbero a Disneyland con ampie prospettive che qui non avrebbero.
Capitto mihai?

  silvio e escort

 

http://aldoelestorietese.dilucide.com

Powered by PhPeace 2.5.5