Gruppi di tematiche

I Socialisti per guidare il Mondo

10 luglio 2009 - Aldo Vincent

 Ma che Obama, ma quale Merkel
Ma quale g8/14/20?
La Storia si fa alla biblioteca del CNEL di Roma dove Luigi Angeletti ha concluso il convegno della Segreteria Nazionale UIL dopo l'interventi di De Michelis, Macaluso e compagni di merende, con un documento che dice papale papale (no papale papale no, perché sarebbero laici):

"occasione straordinaria che si offre alle forze di sinistra sociale e riformista per prendere la guida del mondo verso il superamento della crisi"

La guida del mondo, hai capito? Mica bruscolini.
Il problema però è sempre quello: De Michelis e Bobo Craxi dopo essersele suonate allo scorso congresso, viaggiano dopo la scissione, ma pure Bobo si sta scindendo da sé perché non è d'accordo col suo segretario Nencini che vorrebbe federarsi con Sinistri e Libertà di Vendola che si era scisso da Ferrero. Ricorderete che ci fu una scissione fra Rifondazione e Diliberto a cui è seguita la scissione di Marco Rizzo che come ricorderete voleva scindersi da Bertinotti ma non fece in tempo perché il sub-comandante fece Harakiri all'Hard Rock Cafè di Via Veneto in attesa dei voti delle principesse di cui si diceva favorito.

Bobo Craxi, il più sveglio (figuratevi gli altri) che avevamo lasciato, ricordate? a fare il dj, ora ha capito che il consenso passa dal Web e si è messo alla testa dei cybernauti da dove condurrà questo microscopico rimasuglio di consensi verso la riduzione della Massa fino ad ottenere pura Energia! Roba da Nobel.
Scrive:

(La scelta di Nencini di congiungersi con Vendola è...) "incompatibile con l'impronta politica e culturale dei socialisti italiani. Il Partito socialista non è più rappresentato nelle istituzioni nazionali ed europee. Dopo il niet di Veltroni, è fuori dal Parlamento italiano. Fuori anche dal Parlamento europeo. Ma la cultura socialista è ancora viva"

Via Bobo, non fare lo gnorri. Lo sappiamo tutti che il socialismo è un affare di Famiglia. Tu e la tua "chiagneffotte" sorellina vi siete divisi i compiti: uno di qua e l'altro di là: come butta butta, uno di voi sale sul carro del vincitore.
Ahimè grandissimo figlio di... mi costringi a ripeterti quello che scrivo da tempo: voi socialisti siete come le patate: il meglio ce lo avete sotto terra...

 

Certo, leggere l'appello di Di Pietro sull'Herald Tribune:
"Italia, democrazia a rischio" - e vedere che metà della pagina è occupata dalla sua faccia, mi pare un'ossimoro.
O no?


Viviamo con un alfabeto fenicio,
in una democrazia che ci hanno insegnato i greci, facciamo colazione col bacon, caffè brasiliano, marmellata francese, cioccolata peruviana, fumiamo tabacco americano, vestiamo inglese, puntuali come orologi svizzeri andiamo al lavoro con un'auto tedesca e petrolio iraniano, conteggiamo con numeri arabi, pianifichiamo la vacanza a Cuba e una volta a casa sdraiati su mobili svedesi con tessuti indiani ascoltiamo musica etnica con uno stereo giapponese sorseggiando whisky scozzese vodka russa o birra olandese, telefoniamo con cellulari finlandesi e bestemmiamo un Cristo ebreo perché non ci tiene lontani questi poveracci che ci ostiniamo a chiamare stranieri e non fratelli sfortunati.

  bel culo


Letizia! Cadono le accuse.
Sommessamente e senza far rumore, per rispetto del Silenziatore Quirinalizio che ha proclamato unilateralmente una tregua per non disturbare il Cavagliere Smascherato e fargli fare la solita figura da peracottaro al g8, g14, g20 et similia, mi permetto di commentare i titoli dei quotidiani, a proposito del papi-succedaneo di Noemi:Cadono le accuse un kazzo! Le accuse rimangono, solo che un fascicolo misteriosamente scomparso dopo essere stato stralciato da un processo in corso e restituito al pubblico ministero per difetto nel decreto di citazione, è ricomparso a causa delle note vicende, ma era passato troppo tempo per stabilire la verità dei fatti. Che ricordo, en passant: accusato di intascare mazzette, o pizzo, chiamatelo come vi pare e specificamente nei casi:

Una presunta tangente di 35 milioni delle vecchie lire per una licenza a una pizzeria di via Piave dopo che il locale era stato chiuso perchè privo di autorizzazioni amministrative; 4 milioni per l'approvazione di una domanda per una licenza commerciale; 30 milioni per la licenza di un bar alla Riviera di Chiaia; 30 milioni per una licenza relativa a un esercizio di via San Pasquale a Chiaia; 30 milioni per un bar in piazza Municipio e altri 30 per l'attività di vendita di cibi cotti; 15 milioni per un bar di via Carelli; 28 milioni per una pizzeria in via Alabardieri; 20 milioni per un bar in via Giordano Bruno, 20 milioni per l'elettroforno di piazza San Luigi a Posillipo; 15 milioni per un bar a Secondigliano; 25 per un negozio di abbigliamento in via Fossa del Lupo; 28 milioni per un negozio di abbigliamento al corso Secondigliano; 20 milioni per la licenza a un venditore ambulante di alimenti; 25 milioni per un negozio di abbigliamento al corso Italia; 30 per un negozio di abbigliamento in via Cardinale Filomarino; 15 milioni per un Minimarket in via Camposanto; 17 per un negozio di generi alimentari in via delle Galassie; 30 milioni per un negozio di calzature al corso Secondigliano; 30 milioni per il locale «Il Castello» in via Manzoni; 30 milioni per una pizzeria al corso Secondigliano; 15 milioni per una licenza commerciale; 40 milioni per un locale pubblico in via Santa Teresa a Chiaia e 13 milioni per un chiosco al corso Umberto.
( fonte: http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2009/8-luglio-2009/cadono-tutte-accuse-letizia-il-gup-c-prescrizione--1601547165417.shtml )

Ricorderete certo il presidente del Tribunale di Napoli che riempì le pagine dei quotidiani col suo sdegno e la promessa di fare chiarezza, fino a chiedere gli ispettori del ministero: questo il risultato. Scontato, ma forse apre una finestra sulle dichiarazioni di Berlusconi che si dichiarava suo amico da tempo.

Ieri il tribunale di Napoli ha condannato a tre anni di carcere Salvatore Scognamiglio, reo di aver rubato un pacco di biscotti wafer in un discount di Melito.

Giustizia è fatta.

 http://aldoelestorietese.dilucide.com

 

Powered by PhPeace 2.5.5