Gruppi di tematiche

Tregua

30 giugno 2009 - Aldo Vincent

napolitano

L'Italia ha in Giorgio Napolitano il primo presidente della Repubblica con il silenziatore incorporato. Un silenzio che vorrebbe esteso anche alla stampa. Morfeo ha detto: "Sarebbe giusto, di qui al G8, data la delicatezza di questo grosso appuntamento internazionale, avere una tregua nelle polemiche. Io capisco le ragioni dell'informazione e della politica, ma il mio augurio ed il mio auspicio in questo momento sono di una tregua nelle polemiche". Non una parola sulla cena tra due giudici della Consulta chiamati a valutare la costituzionalità del Lodo Alfano e il noto corruttore Silvio Berlusconi. Il silenzio è d'oro, Napolitano è d'argento.
Beppe Grillo

 

INTERMEZZO

SOPRA LA PANCA A CAPRI LE CANTA
Napolitano da Capri ( e da dove sennò?) lancia un monitor che lo capisce solo lui e qualche inquilino del condominio dove abita (capiscimi ammè) che suona così:
"Arrivano i turisti a l'Aquila, dategli una tregua" che secondo me, lui sa che pranzetto gli stanno preparando al Cavagliere Smascherato, e implora di non sputtanare il puttaniere davanti a mezzo mondo.
Ma se ha cominciato lui!

Evabbè, lasciamo perdere. Per il rispetto che ognuno di noi deve alle istituzioni anche se sono rappresentate da questa Quadriglia da Operetta, stacco per primo ed oggi scriverò di me.

Lo scorso weekend avevamo deciso di fare un pic-nic nel farm di nostro zio Max e cosi' abbiamo preso la station-wagon con la roulotte senza moquette e abbiamo seguito il guard-rail fino all'ingresso della motorway vicino all'autogrill dove ci siamo fermati per un drink e uno snack con Hamburger e chips che abbiamo consumato nel caravan mentre i bambini nel parking giocavano con lo sketting-board.
Io sono andato alla toilette. Mi siedo sul water sento una voce dall'altro rest room:
- Ciao, come va?
Non fraternizzo nei bagni degli autogrill, ma era una strana situazione ed ho risposto:
- Mah, si tira avanti...
E l'altro:
- E cosa fai di bello?
Ma guarda! Comincio a trovare la situazione un po' bizzarra, ma gli do corda:
- Beh, quel che fai tu..... - e mi scappa un risolino
A questo punto sento il tipo che dice, irritatissimo:
- Senti, ti richiamo più tardi, c'è un coglione qui a fianco che risponde a
tutte le mie domande!
Il Wireless!

Dopo lo stop abbiamo pagato con la card e ci siamo avviati in direzione OUT e abbiamo bypassato la citta' per andare al lago in una localita' "IN" che avevamo visto in uno spot sul banner di internet dentro il computer.
All'improvviso un poster gigantesco con su scritto una parola sola:


ATTENZIONE !

Ho frenato di colpo e ci siamo guardati atterriti: " Ma vuoi vedere che senza saperlo siamo sconfinati in Svizzera?" ci siamo detti.
Eh si', perche' una parola cosi' solo in Svizzera la possono scrivere, ormai!

Eppure hanno ragione i leghisti quando si lamentano della presenza degli immigrati che tra le altre cose inquinano la nostra lingua, clandestini e non. Dell'altro inquinamento non mi preoccupo troppo. Io li lascerei venire tutti qui, poi noi ci trasferiamo li' da loro dove c'è il mare pulito e l'aria pura. E questi ormai sono qui che si arrangino!
Pensavo invece a quelli che hanno ragione ad aver paura che ci sbatteranno fuori e distruggeranno la nostra italianità. Dobbiamo fare qualcosa:
difendiamo il nostro welfare state, i nostri franchising, le nostre merchant bank, i nostri weekend nella pace di bed and brekfast, ascoltando le hit parade di MTV interrotte dai piacevoli break di advertising che ci invitano a essere one like no ones; ascoltiamo i nostri leader e premier come loro ascoltano gli advisors e i discorsi sul marketing nei meetings e nelle conventions, tra un coffe break e un lunch break; giriamo per le nostre italiche città ricche di shoe shops, supermarkets, restaurants; festeggiamo con orgoglio Halloween e Santa Claus!
Attenzione a questi arabi che vogliono comandare in questa nostra italianissima Italia magari sostituendo con il loro kebab i nostri sani cheesburger.
Difendiamoci con i nostri militari di Aviano e Sigonella, con la nostra CIA, e andiamo orgogliosi a combatterli in Iraq, in Iran, in Packistan, in Afghanistan e tutti quei luoghi che se ti faccio vedere una cartina e ti dico:"Punta un dito..." Tu non sai manco dove sono.
Difendiamo la nostra italianità! Scriviamolo sulle T.shirts, negli I-pod coi wireless, Eresiamoli con un semplice shift+ Enter.
E fuck off.

http://aldoelestorietese.dilucide.com
....

 Appropo'
l'ho letta proprio stamattina:

Suzukimaruti
Dà le istruzioni per il nuovo firmware iPhone 3.0: ovvero come fare se non funziona il tethering con Tre. Se non siete nerd vi siete fiondati a scaricare i 230 Mb di aggiornamento per godervi il cut&paste, gli MMS e - finalmente - il tethering.
Se non vi funziona può darsi che siate clienti business di Tre con opzioni Simply Dati Business (sono 3: B.on, B.time e B.unlimited), con la chiavetta HSDPA con dentro una SIM ( il loro APN è datacard.tre.it).

Ecco cosa fare:
1 - Andate qui http://www.iphone-notes.de/mobileconfig e, invece che selezionare un operatore preconfigurato, fatevene uno personalizzato. Scegliete "custom carrier" e scrivete datacard.tre.it nel campo APN. Lasciate tutti gli altri campi vuoti.
2 - Inserite uno degli indirizzi e-mail che leggete con il programma di posta dell'iPhone, riempite captcha, cliccate su "send" e vi verrà spedito il file.
3 - Sull'iPhone aprite il messaggio di posta che vi è arrivato, cliccate sull'allegato, dite sì a tutto e il tethering funzionerà.

Capittomihai?

 

 

Powered by PhPeace 2.5.5