Gruppi di tematiche

Dai quotidiani di oggi...

29 marzo 2009
29 marzo 2009 - Aldo Vincent

 

Andrea Marcenaro per "Il Foglio"

 

 

Se Mieli lascia il posto a De Bortoli, dopo che De Bortoli lasciò il posto a Mieli, il quale aveva lasciato il posto a De Bortoli, il quale lo rilasciò a Mieli, il quale trattò per la Rai, ma poi rifiutò la Rai, allora anche De Bortoli trattò la Rai, e poi la lasciò, ma fu nel primo caso questione di soldi, poi non solo per soldi, poi Mieli mise insieme la borghesia, ma anche De Bortoli aveva messo insieme la borghesia, poi Mieli fece l'endorsement, ma anche De Bortoli aveva fatto l'endorsement, poi Mieli ritirò l'endorsement, ma anche De Bortoli l'aveva ritirato, e se poi Mieli volle fare soprattutto il giornalista, ma anche De Bortoli mostrò lo stesso sacro fuoco, e se Mieli vuole dirigere comunque qualcosa di grosso, ma anche De Bortoli vuole dirigere qualcosa di comunque grosso, allora De Bortoli è andato al posto di Mieli, poi Mieli al posto di De Bortoli, salvo recentemente lasciare il posto al De Bortoli medesimo, cui l'aveva lasciato già, e se così si muovono le cose nel mondo moderno, e così senza dubbio si muovono, c'è qualcuno che può spiegarci come mai Ezio Mauro rimane sempre lì come un paracarro?

 

Sembrano Capello e Lippi dei tempi andati…

 

 

Massimo Gramellini per "La Stampa"

 

Il presidente brasiliano Lula ha dichiarato che la crisi è colpa di «gente bianca con gli occhi azzurri». Gli va riconosciuta una certa sfrontatezza: ha pronunciato quelle parole avendo a fianco il premier britannico Gordon Brown che è bianco con gli occhi azzurri. Le agenzie di stampa non riportano la replica del dimesso rappresentante della stirpe ariana, ammesso che abbia trovato le energie per replicare qualcosa. Nel dubbio, e nel nostro piccolo, ci permettiamo di farlo noi. Il razzismo è una brutta bestia e rimane tale anche quando viene praticato all'incontrario. Perché si comincia col dire che la colpa è dei bianchi e poi di solito si finisce col darla agli ebrei.

 

A Cuba mi capitò una simile discussione, proprio mentre il cameriere portava in tavola un piatto adornato con gli Aji che sarebbero i peperoncini grandi come ciliegie uguali a quelli che trovò Cristoforo Colombo e portò in Europa:

“Vedi, - gli dissi – noi in Europa, dopo 400 anni con tre peperoni facciamo un kilo, mentre voi ce li avete ancora così. Allo stesso modo qui i pomodori sono grandi come biglie (e crescono ancora selvatici tra l’erbaccia) e comprate quelli sviluppati altrove. Siete sicuri che l’uomo bianco vi abbia solo portato via qualcosa?

 

Gli Usa non revocano l'embargo a Cuba

Alla domanda su un eventuale abbandono delle restrizioni imposte all'isola caraibica da parte di Washington, il vice di Barack Obama ha risposto "No".

 

Si riempiono la bocca con paroloni, poi quando si tratta di FATTI, si dimostrano tutti uguali e schiavi degli stessi interessi…

 

Europee, anche Salvi con la falce e martello di Ferrero e Diliberto

 

Presentato il simbolo per le Europee del cartello che racchiude Prc, Pdci, Socialismo 2000 e Consumatori Uniti. «La crisi - spiegano - è un prodotto del capitalismo finanziario-speculativo». Per uscirne, c'è bisogno di «intervento pubblico e di aumento dei redditi».

 

È un po’ vecchiotta, ma con le dovute modifiche, questa vignetta fa ancora la sua porca figura…

Ehehehe

 

  rifondazione

http://aldoelestorietese.dilucide.com

 

 

Powered by PhPeace 2.5.5