Gruppi di tematiche

CASSAZIONE: NIENTE LIBERTA’ DI STAMPA PER BLOG E FORUM

11 marzo 2009 - Aldo Vincent

 

Farà discutere questa sentenza della Cassazione contro i consumatori ADUC che avevano fatto ricorso perché il loro forum, contenente frasi inappropriate, era stato oscurato.

Leggo:

 

Come ricostruisce la sentenza di Piazza Cavour, alcune delle frasi incriminate, oltre ad avere offeso la religione cattolica mediante il vilipendio dei suoi fedeli e dei suoi ministri ''avevano travalicato limiti del buon costume alludendo espressamente a pratiche pedofile dei sacerdoti per diffondere il 'sacro seme del Cattolicesimo'''.

 

 

Quindi diciamo che i preti pedofili che diffondono il seme del cattolicesimo inchiappettandosi i bambini e di fatto rimangono impuniti, non si possono nemmeno prendere in giro sul proprio blog perché SCRIVERLO sarebbe contro il comune senso del pudore.

SCRIVERLO SI’ E INCHIAPPETTARSELI NO

Eh, sì. Occorrerà leggere attentamente il dispositivo, e chinare il capo davanti alla Legge.

 

Da Repubblica.it

Ma è una cattiva notizia per la libertà su internet - come crede Aduc - o è piuttosto il contrario? "E' una buona notizia", dice Fulvio Sarzana di S. Ippolito, avvocato esperto di internet. "Per la prima volta la Cassazione esonera i siti dagli obblighi della legge sulla stampa. Una cosa che gli utenti di internet temono da anni di subire", aggiunge.

 

 

Blog

Significa: niente obbligo di registrazione al tribunale, di avere un direttore responsabile; ma non solo: "Viene finalmente chiarito che non c'è l'obbligo di controllo su quanto pubblicato dai commentatori sul proprio blog. La responsabilità di eventuali diffamazioni è solo dei commentatori. Lo sarebbe anche del gestore del blog, se si applicassero le leggi sulla stampa".

 

Di recente sono numerose le proposte di legge che premono per equiparare siti e blog a testate giornalistiche, per alcuni obblighi, allo scopo di regolamentarli in modo più stretto. L'ultimo contestato esempio viene dalla proposta Carlucci, che, quanto alla diffamazione, vorrebbe applicare in toto ai siti e ai portali le leggi sulla stampa.

 

E' d'accordo, che sia una buona notizia, anche Andrea Monti, un altro avvocato esperto di internet, ma aggiunge: "Quello che contesto non è la possibilità di sequestrare messaggi diffamatori, ma alcune applicazioni abnormi della legge. Come il fatto che, per prassi, vengano sequestrati interi siti, per un solo messaggio oggetto di denuncia".

 

http://www.giornalismi.info/aldovincent

 

Powered by PhPeace 2.5.5