Gruppi di tematiche

Dalla guerra nel Congo

la testimonianza di un blogger
15 dicembre 2008 - Aldo Vincent

 

GUERRA NEL CONGO Tre cause un medesimo effetto (parte 1)

 

http://www.elperiodico.com/blogs/mapamundi/blogs/congo/archive/2008/12/10/tres-causas-un-mismo-efecto-1.aspx

 

È il blog di Iker Zirion,

laureato in diritto e Scienze Politiche, lavora come técnico di progetto nella República Democrática del Congo per la ONG Veterinarios Sin Fronteras

 

Temi: Repubblica democratica del Congo, l'avidità, tra le cause del conflitto

 

 

 

Analizzare le cause di questo conflitto meriterebbe molto di più di qualche riga su un blog. Forse anche una tesi di dottorato. Chissà, forse un giorno lo farò. Di certo, per ora, anche se comincio a capire alcune cose, le vere cause mi sfuggono in grande quantità.

Forse perché sono qui a Butembo, est della Repubblica democratica del Congo, ma per qualche tempo, ogni volta abbiamo riflettuto sul conflitto, è stata quasi la tendenza a semplicemente analizzare in chiave locale e / o nazionale. Mi è sembrato che sia le cause e gli effetti del conflitto si manifestano in larga misura nella Repubblica democratica del Congo stesso. Per quanto riguarda gli effetti, potrei avere ragione. Per quanto riguarda le cause, è molto sbagliato.

 


Dopo qualche commento, domande ad amici e alcune discussioni con Janire, ho realizzato che la mia vicinanza al conflitto ha ridotto il mio campo di visibilità. Ci sono stati elementi che ho visto sfuocati a cui non davo sufficiente attenzione, perché accecato dalla vicinanza.

Nel corso del tempo, e nel tentativo di risolvere questa situazione nella mia testa, mi sono convinto che ci sono diversi livelli - locale, regionale e internazionale - che si sovrappongono e interagiscono per l'analisi del conflitto. Ognuno di essi, nasconde i pezzi di un puzzle difficile da risolvere. Il conflitto, però, è confuso per sua natura, così ho solo da seguire questa logica e solo in un secondo momento, mi auguro, trovare di meglio.

 


Causa 1. Economia di guerra

Uno dei maggiori problemi per trovare una soluzione al conflitto nella Repubblica democratica del Congo è una pluralità di gruppi armati - estera e interna - che operano sul suo territorio. Sono così tante le fazioni armate e i loro obiettivi, e gli interessi e le adesioni sono così disparati, che si potrebbe quasi dire che non vi è un unico conflitto, ma diversi.

Le motivazioni che ogni gruppo presenta per cercare di legittimarsi davanti alla popolazione può variare. Ad esempio, il Congrès National pour la Défense del popolo (CNDP), che dallo scorso agosto combatte contro la National Army (FARDC) sostiene che le motivazioni etniche sono a dir poco discutibili. Tuttavia, vi è una motivazione comune, anche se né il CNDP e gli altri gruppi armati l’ammetteranno, è chiaro ed è comune a tutti: l'avidità.


I gruppi armati che operano nelle regioni orientali della Rep. del Congo: CNDP, Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda (FDLR), Mai-Mai milizie e molti altri, cercano di controllare una certa area e di sfruttare le risorse esistenti per lo stesso scopo, l’ arricchimento. In molte occasioni, nemmeno l’ esercito nazionale sfugge a questa logica.


Pertanto, le zone controllate dai diversi gruppi armati coincidono, non a caso, con le potenziali fonti di ricchezza, siano risorse minerali, diamanti, oro, coltan, risorse animali, la pesca, il bestiame, animali selvatici nei parchi nazionali, rotte di contrabbando coi paesi vicini, la produzione e la distribuzione di sostanze illegali come il chanvre -varietà locale di cannabis -, e così via.


In questo senso, l’ economia di guerra svolge un ruolo fondamentale nel conflitto perché i diversi gruppi armati trovano, attraverso le risorse naturali, una sovvenzione permanente per le loro attività.

In teoria, e in virtù dei loro interessi e obiettivi politici, le relazioni tra questi soggetti e dei loro modelli di comportamento dovrebbe essere abbastanza ben definito. In pratica, tuttavia, a breve termine strategie e / o interessi economici, significa che questi rapporti sono meno evidenti. Ciascuno di questi gruppi non esita a negoziare o lotta con gli altri, in ogni momento a seconda del caso,. L'amico di oggi può essere il nemico di domani. L'unica logica che li accomuna è il colore dell’oro, il brillare dei diamanti o la tessitura del coltan.

 


Ricchezza per le quali lottare non mancano nelle regioni orientali della Rep.Del Congo. E, purtroppo, nemmeno persone disposte a combattere. Anche se può sembrare paradossale, entrare in un gruppo armato è un modo per garantirsi la giornata che si presenta complicato per la maggior parte delle persone. Ogni giorno muoiono e liberano un’arma. Lo stesso giorno, come molti prima di lui, nessuno esita a raccogliere il kalashnikov. E, se non hai nessuna intenzione di raccoglierlo, potresti essere rapito e costretto a farlo, per quanto giovane tu sia.

 



Effetto

Un soldato delle Forze armate della RDC fuggito dal fronte arriva a casa di Vital Kagheni (*1) cerca di un po 'di cibo. Lo colpisce. Gli sottrae denaro e cellulare. Più tardi torna con altri due soldati. Vogliono qualcosa di più dei soldi. Vogliono sua moglie.

 

 

Dall'altro lato, altro fronte in fuga, il CNDP si rifugia in diversi luoghi. In una scuola trovano Bertrand Kitambala(*1). Ha 13 anni. In alcuni paesi, ci sono persone che credono che questa età sia sufficiente per maneggiare un 'arma. Purtroppo, la Repubblica democratica del Congo è uno di quei paesi.

 

Un membro del FDLR si nasconde nel bosco per un sacco di tempo. È stanco e affamato. Gli si avvicina inconsapevolmente Kakule Lukumbuka(*1). Porta una capra legata con una corda. Quando raggiunge la sua altezza, il soldato esce dal suo nascondiglio e gli spara. Ma non prima di avergli strappato la corda di mano. Non ha alcuna voglia  di correre e non desidera che lo sparo faccia fuggire la capra.

 

(continua…)

(*1) I nomi sono falsi. Giovanni-Logista di VSF-VETERMON nella Repubblica democratica del Congo, mi ha aiutato a sostituirli. I fatti, purtroppo, sono veri, e si ripetono ogni giorno in qualche regione orientale della Repubblica democratica del Congo.

 

Traduzione di

Aldo Vincent

http://aldoelestorietese.dilucide.com


 

Note:

http://aldoelestorietese.dilucide.com

Powered by PhPeace 2.5.5