Gruppi di tematiche

DIMINUISCE LA POVERTA’ IN SUD AMERICA

meno che a Santo Domingo
10 dicembre 2008 - Aldo Vincent

DIMINUISCE LA POVERTA’ IN SUD AMERICA

La Repubblica Dominicana tra i 3 paesi del Sud America che non ha migliorato il livello di benessere della popolazione
EFE - 12.10.2008


SANTIAGO DE CHILE .- La povertà è diminuita in America Latina e nei Caraibi tra il 2002 e il 2007, pero’ l'anno scorso, risultavano ancora colpite 184 milioni di persone (34,1 per cento della popolazione), secondo un rapporto pubblicato oggi dal CEPAL di Santiago.

Tale cifra è inferiore di 9,9 punti (37 milioni) al 44,0 per cento dei poveri (221 milioni) che erano nella regione nel 2002, secondo il Panorama Sociale 2008 che ha presentato ieri nella capitale cilena la Commissione economica per l'America Latina ei Caraibi (CEPAL).

I livelli più bassi di povertà nella regione si trovano in Argentina, Cile, Costa Rica e l'Uruguay, dove ci sono tasse inferiori al 22%, mentre in Brasile, Messico, Panama e Venezuela sono mantenuti al di sotto di 32 per cento.

Colombia, Ecuador, El Salvador, Perù e Repubblica Dominicana hanno tasse tra il 38 e il 48 per cento, mentre la percentuale più elevata, oltre il 50%, sono registrati in Bolivia, Guatemala, Honduras, Nicaragua e Paraguay.

D'altro canto, la spesa pubblica è aumentata in forma generalizzata tra il 1990 e il 2007, il che ha migliorato il livello di benessere dei più poveri e ha contribuito alla riduzione delle disparità in tutti i paesi, ad eccezione del Guatemala, Honduras e Repubblica Dominicana .

Nel frattempo, l'estrema povertà o indigenza è scesa dal 19,4 per cento nel 2002 (97 milioni di persone) al 12,6 per cento (68 milioni), in base ai dati forniti dal documento presentato dal segretario esecutivo della CEPAL, Alicia Bárcena.

Tuttavia, questi progressi hanno rallentato tra il 2007 e il 2008, quando si stima che la povertà si ridurrà quasi un punto, al 33,2% (182 milioni di persone), mentre la miseria aumenterà leggermente a 12,9 % (71 milioni).

Per il 2009, la CEPAL prevede che per gli effetti della crisi internazionale l’occupazione attuale stagnerà, che si tradurrà in un moderato aumento dei poveri e degli indigenti, la cui situazione potrebbe essere attenuata con l'attuale contenimento dei prezzi dei prodotti alimentari.

Per ora, la regione resta 10,1 punti al di sopra dell’Obiettivo del millennio della riduzione della povertà, fissata al 24 per cento, e 1,3 punti sopra l'obiettivo di riduzione della povertà, istituito con l’ 11,3% delle Nazioni Unite per il 2015.

La riduzione della povertà negli ultimi anni ha avuto particolare impatto in Argentina, passata dal 45% nel 2002 al 21% nel 2006, anche se tale cifra è simile a quello registrato nel 1990, quindi, questo paese sta praticamente come 18 anni fa, secondo quel che dice la signora Bárcena.

Colombia, Ecuador, Honduras, Messico, Nicaragua, Panama, Paraguay, Perù e Venezuela registrarono un declino delle condizioni di povertà di almeno il 1,5% all'anno tra il 2002 e il 2007, mentre solo in Uruguay c’è aumento della povertà e miseria, e nella Repubblica Dominicana solo per quest’ultima.

Secondo la CEPAL, questo calo è dovuto sia alla crescita economica nella regione, il cui prodotto interno lordo è cresciuto del 5,7% nello scorso anno, come il miglioramento della distribuzione del reddito, responsabile tra il 60 e il 70% del il calo della povertà tra il 2002 e il 2007.

Tuttavia, la CEPAL ritiene che la spesa sociale è ancora "altamente ciclica" e scommette per la trasformazione in “anticiclica”, nonché ad aumentare la pressione fiscale, che la regione raggiunge solo il 18,2% rispetto ai 39,8 % Dell'Unione europea.

Intanto, nelle proiezioni per il 2008 le cifre riflettono l'impatto degli aumenti dei prezzi dei prodotti alimentari e delle materie prime dell'anno scorso, che avrebbe impedito a 11 milioni di persone di uscire dalla povertà e ad altri 11 milioni di persone, dalla miseria.

Inoltre, la CEPAL prevede che la crisi mondiale si rifletterà in un calo della domanda per le merci di esportazione e una riduzione degli investimenti nel settore produttivo, unitamente a un calo delle rimesse degli emigranti e le limitazioni dei paesi emergenti nei mercati finanziari .

In tale contesto, l'agenzia delle Nazioni Unite prevede che l'occupazione sarà al passo nel corso del 2009 e che i salari reali rimarranno invariati o leggermente abbassati, portando ad un deterioramento del reddito delle famiglie, in particolare per i lavoratori autonomi e salariati informali.

Essa ritiene "molto probabile" che la disoccupazione aumentera’, soprattutto tra le donne ei giovani, e incoraggia i paesi ad investire maggiormente nella formazione scolastica dei bambini in un periodo in cui la popolazione dei bambini è ridotta in termini sia assoluti che relativi.

N.B.
Il rapporto fa una distinzione fra Pobreza ed Indigenza
che io ho tradotto alla buona in povertà e miseria.
Mi si perdonino le imperfezioni linguistiche

ALDO VINCENT
http://www.giornalismi.info/aldovincent/

FRRE BLOGGER FREE BLOGGER !!
www.beppegrillo.it

Powered by PhPeace 2.5.5