Gruppi di tematiche

La Sibilla cumana

penso a lei, quando sento parlare Napolitano o Draghi...
3 novembre 2008 - Aldo Vincent

La Sibilla cumana

La ricordate? Era una vestale di Apollo che chiese l’immortalità ma dimenticò di chiedere la giovinezza e così invecchiò fino a diventare grinzosa e piccolo come una cicala e quindi scomparire lasciando di sè solo la voce.
Chissà perchè quando parlano Napoletano o Draghi (appropò, ma questo qui non ha fatto carriera in una di quelle banche d’affari che ha messo col kulo per terra mezzo mondo? E pontifica? Mah) io penso alla Sibilla che certo saprete, prediceva sì, ma in modo sibillino, in quanto scriveva su foglie che spargeva al vento. Hai voglia tu, quando le raccoglievi, a capirci qualcosa!
“Andrai tornerai non perderai” e lui andò dimenticando che in latino la frase si leggeva: “ANDRAI – RITORNERAI NON – PERDERAI” e non tornò.

Sibilla cumana


Così Napoletano parla e tutti (meno i tedeschi) a raccogliere le foglie al vento e ad interpretare che hanno ragione loro. Ognuno la sua ragione.
Parla Draghi e tutti a dire: Ohhhh:
“Ci sarà la recessione….ohhhhh… ci sarà la crisi…. ohhhhh…. che colpirà le famiglie italiane…ohhhh…”
Ma perchè, lui si credeva che avrebbe colpito Briatore o Montezufolo?
Mah

Inzomma, io una proposta ce l’avrei.
Invece di presentarsi davanti ai microfoni, questi Due scrivessero le frasi parola per parola sulle striscioline di carta come fanno gli americani il giorno del ringraziamento. Poi con gli aeroplanini lanciamo parole al vento, che tanto…
La gente non capirebbe una sega lo stesso, ma almeno ad ogni comunicato, sarebbe carnevale!
o no?

ALDO VINCENT
LA SATIRA ON LINE
http://aldoelestorietese.dilucide.com

Powered by PhPeace 2.5.5