Gruppi di tematiche

Ma chi e' 'sto Massimo Mantellini...

...e perche' parla male di me?
5 settembre 2008 - Aldo Vincent

MA CHI È ‘STO MASSIMO MANTELLINI
E PERCHE’ PARLA MALE DI ME?
Voguefake


Gironzolando per il Web ho trovato qui: http://twitter.com/mante , come un disperato messaggio in bottiglia, il grido di dolore di Massimo Mantellini:

ma sto Aldo Vincent che da anni mi spamma e che ieri mi ha mandato 6 copie del suo ultimo post come faccio a togliermelo dai piedi?

Innanzi tutto devo scuse a tutti perche’ dopo un mese di inattivita’ ho tentato di mandare un messaggio durante il famoso ciclone Gustav che ha colpito Haiti e dintorni.
La macchina non rispondeva ed io che ci ho piu’ confidenza con l’abbacchio che con il Web, cliccavo cliccavo finche’ è partito tutto da solo e zac, sono state inviate sei mail tutte uguali e tutte insieme.

Vabbe’ ma non è questo il punto.
Massimo Mantellini è un bel nome orecchiabile pero’ non credo di sbagliarmi, abbiamo identiche frequentazioni cybernautiche e di riffa o di raffa devo averlo incrociato.
Poi vado a frugare nel suo blog e noto che scrive cose belle, intelligenti, e fa un poco il pelo alle notizie. Lui è qui e ve lo segnalo:

http://www.mantellini.it/

Tra le varie cose, scrive della tremenda cantonata che hanno preso la Stampa di Torino e il Corriere della Sera pubblicando per vera la manipolazione di una foto di Sarah Palin fatta da un giovane cybernauta.
Sempre questa settimana è uscito un articolo su Come donchisciotte http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=4962&mode=thread&order=0&thold=0 dal titolo REUTERS HOLLYWOOD in cui si denuncia il fatto che alcune foto della Reuters scattate in occasione dell’ultimo conflitto in Georgia, siano state manipolate e spacciate per vere ai vari quotidiani.

Ultimo, ma non per importanza, il factotum della piattaforma Excite, al secolo Diego Bianchi, nick-name ZORO che a sentire Zambardino di Repubblica è uno che a Veltroni gli dice “Avvarter” come fosse un segno distintivo….
Io invece me lo ricordo perche’ su Excite scrissi un pezzo contro Luca Sofri e le Camarille e lui si offese quando insultai gli intellettuali del Web. Io gli scrissi di non prendersela perche’ non parlavo di lui e che per essere annoverato nella schiera degli intellettuali occorreva scrivere qualcosa di piu’ che le recensioni del Grande Fratello (cosa che lui faceva ma non alla Grasso, no proprio lui si metteva davanti al televisore e scriveva la cronaca alla Martellini). Insomma, il drudo aveva potere e mi cancello’ dalla lista dei collaboratori. Vabbe’, se dovessi contare tutti quelli che mi hanno sbattuto fuori, andrei fuori tempo massimo.

Ma cosa stavo dicendo?
Ah sì, l’immarcescibile diego bianchi alias ZORO di Excite.
Sicuramente avrete seguito le polemiche a proposito dei giochi olimpici cinesi e il movimento di opinioni che faceva notare la pochezza dei diritti umani da quelle parti.
Il tam tam mediatico cominciò a far girare i nomi di bloggers che scrivevano dalla Cina, come Michele per esempio, http://micheleincina.blogspot.com/2008/07/casa.html che come tanti, come Yoani Sanchez da Cuba http://desdecuba.com/generaciony/ o Nasim Fekrat http://afghanlord.splinder.com/ che tiene un blog dall’Afghanistan o tanti altri (non menziono me medesimo perche’ altrimenti parrebbe stessi parlando pro domo mea) che si sono messi intesta di andare a vedere con i propri occhi e riferire agli amici e al popolo del web come stanno le cose SECONDO LORO…

Ebbene che ti fa diego bianchi alias zoro? Parte per Pechino e pubblica sulla sua piattaforma EXCITE nello spazio che si è ritagliato facendo le telecronache del GF, http://zoro.blog.excite.it/
quello che mangia, chi incontra al villaggio olimpico, cosa accade, la nebbia, lo smog e via kazzeggiando, finche’ forse per rimorso o forse costretto dagli amici e conoscenti, confessa candidamente di essersi inventato tutto e di starsene beatamente in panciolle in una squallida localita’ marittima (non so bene dove sia, ma se la frequenta Zoro, dev’essere per forza squallida.).

E che cosa ti fanno gli utenti Excite alla notizia di essere stati buggerati? Scrivono: bene,. bravo, ma che furbo che sei, io lo sospettavo ma non credebbi, e cose cosi’.
Insomma la solita pantomima italiana, in cui non ci si indigna mai di nulla, anzi si va col puzzone per far capire agli altri che noi siamo di tutt’altra pasta…

Che conclusioni trarre da queste recenti vicende?

Una, la prima, quasi unica ed indispensabile:
Dubitate.
Dubitate sempre
Dubitate costantemente
anche quando il blog è scritto bene, quando chi lo scrive è qualificato, laureato, pontificato, accreditato, incensato e strapagato. Dubitate.

Usate la comunicazione in modo negativo, come se foste sicuri di aver sentito una panzana ma grossa. Sembra un’ossimoro ma perfino il sublime Severino recentemente scriveva che a furia di cancellare le panzane, quello che rimane nella nostra percezione è qualcosa che piu’ assomiglia alla verita’.

E se poi le foto di Sarah non sono di Vogue ma di un simpatico citrullo, e se un Zoro qualsiasi con il suo lavoro da finissimo intellettuale ha distrutto la comunicazione di centinaia di persone che conosciamo come coraggiosi che rischiano in proprio per far uscire da certi recinti le notizie scomode, ebbene che ci abbiamo perso?

P.S.
Massimo Mantellini l’ho cancellato. Se per caso vi infastidisce la mia corrispondenza pero’ non fate come lui, ci conosciamo da tempo, mandatemi una mail per chiedermi di cancellarvi.
Sara’ una bella occasione per i saluti, non vi pare?
Cia’

ALDO VINCENT
http://guide.dada.net/satira

Powered by PhPeace 2.5.5