Gruppi di tematiche

Siete una massa di stupidi deconcentrati

cosi' avrebbe asserito un capoccione universitario...
20 giugno 2008 - Aldo Vincent

SIETE UNA MASSA DI STUPIDI DECONCENTRATI Fidel

Porca vacca, alcune volte mi viene voglia di prendere l’aereo per andare a spaccare la testa (metaforicamente) a qualche idiota che blatera sul Web e sulle sue nefaste conseguenze.
Non so se vi è capitato di leggere di questo capoccione che ha pontificato (ripreso dai soliti troboni dei giornali di mezzo mondo) che la generazione del Web sarebbe una massa di stupidi deconcentrati intontiti dalle immense possibilita’ di memoria e informazioni che da’ il Web.

Porca vacca, verrebbe da dire. Siamo tornati ai tempi di mia nonna che passava lontano dalla radio per non essere investita dalle radiazioni o di mia madre a cui avevano detto che certamente il cambio del clima (Ah, signora mia, non ci sono piu’ le mezze stagioni!) era dovuto alla bomba atomica sganciata sui giapponesi…

Lunedi’ alle ore 3,48 è uscita da ambienti informati di Cuba che Fidel Castro fosse morto. Solita controinformazione degli americani, che non ha sconvolto nessuno, anzi ha costretto i capoccioni di li’ a mostrare il Comandante mentre tutto acciaccato riceveva Chavez.
Stupidi e deconcentrati?

Un altro esempio. Ho scritto un libro sulle Sacre Scritture insieme con un Metropolita greco che in tutta la sua vita aveva consultato un centinaio di documenti. Ho messo nella sua cella del Monastero di Paleocastritza una derivazione internet e in sei mesi aveva un archivio di 192.000 (diconsi centonovantaduemila) documenti! Non gli basto’ il rimanente della sua vita per consultarli tutti!
Aveva una corrispondenza via posta con eminenti esponenti del mondo cattolico, il Cardinal Martini, Monsignor Ravasi e Ratzinger prima che diventasse Papa. Si iscrisse ad un Forum sulle antiche scritture e dialogava quasi in tempo reale con eminenti scienziati di tutto il mondo!

Vabbe’, sono troppo vecchio per incazzarmi per queste cose. Veniamo a noi.
La risposta ai quesiti della mia ultima mail è arrivata nel giro di ore da parte non di eminenti scienziati ma da una decina di giovani di buon senso con studi adeguati ed ottime letture.
Ve li riporto integralmente:

Ricorderete il quesito posto da un ignorante come me, era il seguente:

…le quattro centrali atomiche che abbiamo smantellato hanno ancora scorie da smaltire pari a 90mila metri cubi.
Sarebbero 90 chilometri cubi? Cioe’ un’area che va da Milano, Ferrara, Alessandria alta nove volte la quota dove volano gli aerei di linea?

E se le scorie delle nostre quattro centrali pesano circa 250 tonnellate, quanto pesano in totale le scorie delle altre 167 centrali che si trovano in Europa, e delle 439 sparse nel mondo?

RICEVO DA LOVE ENGINE:

No, l'area è una misura diversa da un volume.
m³ 90.000 sono uguali (convertiti in area) a:

km²
0.09

Ettari
9


90000

dm²
9000000

Centimetro quadrato
900000000

mm²
90000000000

tra l'altro - se guardate le voci della bolletta - ce n'è una che corrisponde al prezzo che ancora stiamo pagando per lo stoccaggio e l'eliminazione di queste scorie radioattive. E' uno di quei numerini che sono accanto alle varie voci che incrementano il totale... il guaio è che lo smaltimento lo stiamo pagando da quando furono chiuse le centrali italiane ma nessuno ancora l'ha iniziato. Già, perchè nessuno sa come fare.

Risposta
Sempre nel libro in questione si parla del 6% di scorie smaltite, mentre 235 tonnellate sarebbero destinate al riarricchimento ( se ho capito bene)…

Scritto da: shevathas
>
> ci sarebbe da vedere se si considerano solo le
> scorie "scorie" cioè il quantitativo di materiale
> radioattivo ad altissima longevità e quello del
> nocciolo irragiato e reso radioattivo dai
> neutroni, oppure se si considera tutto il
> materiale con il quale è stata fatta la centrale,
> comprese le scorie radioattive a breve
> emivita.
>
> > Sarebbero 90 chilometri cubi?
> per niente, 90.000 metri cubi sono un cubo di
> circa 45 metri di
> lato.

perche' 45 e non 90?

------------

> 1 Km^3 = volume di un cubo di 1.000 metri di lato
> = 1.000.000.000
> m^3
>
> > E se le scorie delle nostre quattro centrali
> > pesano circa 250 tonnellate, quanto pesano in
> > totale le scorie delle altre 167 centrali che si
> > trovano in Europa, e delle 439 sparse nel
> > mondo?
>
> beh un metro cubo di uranio pesa 19 tonnellate,
> ma considerando che non c'è solo il materiale
> fissile esausto del nocciolo direi, stimando per
> difetto per le scorie una densità di circa 18
> tonnellate a metro cubo (18 volte quella
> dell'acqua visto che per il 95% sono formate da
> uranio 238 e per il resto da un 4% di
> transuranici e 1% di altri elementi), che sono
> circa 14 metri cubi di
> scorie.
> il peso delle scorie complessive
> (sarei curioso di sapere da dove hanno tirato
> fuori la storia dei 90.000
> m^3)
>
> se 4:250 = 606 : x, e si trova che le scorie
> nucleari presenti nel mondo sono: 37.870
> tonnellate per un volume pari a 2.104
> m^3

la radice cubica di 90.000 è circa 45, 44,81 per essere precisi.

Insomma, diciamo che le dimensioni sono ridotte, ma il problema delle scorie rimane spinoso.
O no?

ALDO VINCENT
GODERE CON LA LINGUA
Viaggio attraverso i neologismi dei nostri quotidiani
(Tu, invece, cos’avevi capito, porcellino?)

http://guide.dada.net/satira/

Le vignette sono qui (speriamo):
http://www.flickr.com/photos/26199738@N04/?saved=1

Powered by PhPeace 2.5.5