Gruppi di tematiche

E' tornato Jack lo Squartatore...

sto parlando di Enzo Scotti, classe 1933
13 giugno 2008 - Aldo Vincent

IL RITORNO DI JACK fuck


Alcune volte viene quasi nostalgia del tenero Robespierre, giacobino del Terrore, che per sostituire i ministri, li faceva decollare (capiscimi amme’…).
Prendi questo Enzo Scotti, classe 1933 – il nuovo che avanza- di cui pare tutti abbiano dimenticato i precedenti, ma che quando fu nominato Ministro degli Interni nel 1991, si disse che era come se avessero affidato la protezione della giovane A Jack lo Squartatore.
Sotto l’aspetto politico è’ stato plenipotenziario della DC, presidente del gruppo parlamentare, sindaco di Napoli e titolare di molti ministeri attorno agli anni di Mani Pulite.
Sotto l’aspetto giudiziario, prendo da Wikipedia:

Assolto per corruzione nella gestione della Nettezza urbana e in quello dei Mondiali di Italia 90, assolto per prescrizione in vicende legate agli appalti per la ricostruzione post-terremoto dell'Irpinia, rinviato a giudizio e assolto per prescrizione da peculato e abuso d’ufficio per lo scandalo Sisde. Una sentenza della Corte dei Conti gli ha imposto di risarcire allo Stato 2 milioni 995.450 euro, giudicandolo colpevole insieme all’ex direttore del Sisde, Alessandro Voci, di aver fatto acquistare un palazzo a Roma con fondi riservati del Sisde a un prezzo maggiorato di 10 miliardi di lire per la creazione di fondi neri, ecc. ecc.
Grazie al cielo, almeno il Web non dimentica.

Ora questo galantuomo in odore di mammasantissima, è stato nominato sottosegretario a gli Esteri con deleghe ampissime, dalle relazioni con gli USA, ai rapporti con l’ONU e, guarda guarda, una delega per le attivita’ concernenti le nostre esportazioni di armi.

Ora, coniglietti miei, se andate a rileggervi le cronache dell’ultimo viaggio che Bushemino fece fuori porta, noterete che ogni visita in Medioriente si chiudeva un contratto per la vendita di armi americane.
Ora questo viene a Roma, e l’incarico di scorrazzarselo in lungo e in largo per Roma a chi viene dato? Ma a Enzo Scotti, ca va sans dire!
E di cosa avranno parlato questi due eminenti benefattori dell’Umanita´?
Dai, ditemelo voi…

Appropo’

Bush va dal Papa e si parla di conversione.
Del Papa, probabilmente, visto che è diventato improvvisamente filoamericano e filoberlusconiano.
Se invece stiamo parlando di quella di Bushemino, forse il tonto si crede che con il battesimo possa lavarsi i peccati come Costantino il Grande.
Mah, sai con questo Papa ormai tutto è possibile, pure che il suo dio perdoni Bush.
Che pero’ è stato gia’ condannato dalla Storia.

Arippropo’

Ma quando la smetteranno i nostri quotidiani, ad ogni visita di Stato di propinarci i menu’ invece dei commenti politici?
Ma siamo veramente a questo punto?
Bah

Tra le cronache che mi hanno fatto scompisciare quella della visita di Bush nella Cappella Sistina dove un ottetto cantava l’”Esultate Deo” di Pierluigi da Palestrina e lui batteva il ritmo con il piede.
Poi a Palazzo Madama nella Sala del Raffaello ( che spreco!) Berlusconi per non essere da meno del Papa gli ha fatto suonare da Apicella (Apicella, proprio lui) O Sole mio e Bushemino batteva il tempo con il piede.
Considerando l’elevatura culturale del presidente USA mi sono chiesto: “che abbia il Parkinson?”

Per finire grande gaffe del Supernano che ha dichiarato di voler votare Mc Caine solo perche’ è di un mese piu’ vecchio di lui e cosi’ al prossimo G8 non lo prenderebbero in giro.
Se ci va con Brunetta, non lo prendono in giro nemmeno per l’altezza…
Ehehehehe

P.S.
DALLE CRONACHE PER I MONGOLOIDI:

…e cosi’ la first lady ha gustato la cucina romana all’aperto, con accanto 90 clienti distribuiti in vari tavoli. Hanno cominciato il pasto - tutto a base di prodotti laziali - assaggiando un millefoglie croccante di verdure romane, a base di carote di Maccarese, peperoni di Pontecorvo e zucchine romanesche, con fonduta di ’caciofiore’, sulla base di una ricetta dello scrittore latino Columella del ’53 d.C. Poi hanno proseguito con una variazione di insalate romanesche: rughetta con marzolina (un formaggio di Viterbo) datteri di Sperlonga (pomodorini); lattuga romana servita con emulsione all’uovo; gallinella con caciotta romana, pere e noci di Subiaco….

ALDO VINCENT
GODERE CON LA LINGUA
Viaggio attraverso i neologismi dei nostri quotidiani
(Tu, invece, cos’avevi capito, porcellino?)

http://guide.dada.net/satira/

Le vignette sono qui (speriamo):
http://www.flickr.com/photos/26199738@N04/?saved=1

Powered by PhPeace 2.5.5