Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

CTZen

Giornalismo a fumetti al premio Ilaria Alpi. Gubitosa: «Incontro di tecnologie e linguaggi»

Infografiche, video animati, smartphone che interagiscono con la carta stampata: tutto questo è il graphic journalism, una novità nel giornalismo italiano, ma che in America ha già visto un premio Pulitzer. E Carlo Gubitosa, fondatore del giornale satirico Mamma, ne parlerà in un workshop al premio Ilaria Alpi. «E’ un incontro di tecnologie e linguaggi, che parte dall’esigenza di rendere chiari una mole di dati e arriva fino al fumetto». Ed è sempre più utilizzato
7 settembre 2012 - Leandro Perrotta (CTZen)

Immagine da CTZen.it

«Il graphic journalism è un incontro di tecnologie e linguaggi, che dà tante nuove prospettive a questo mestiere. E la sua evoluzione, il comic journalism, potrebbe salvare la carta stampata dal declino». Carlo Gubitosa, ingegnere e giornalista, da anni si occupa di tecnologia applicata al mondo dell’informazione su riviste come i Siciliani giovani. E il 7 settembre, al prestigioso premio giornalistico Ilaria Alpi, dedicato alla memoria della reporter uccisa in Somalia, il fondatore del giornale satirico Mamma, terrà un workshop su una delle tendenze di questi ultimi anni: la grafica applicata alle notizie. «Il graphic journalism si è sviluppato grazie a un’altra tendenza degli ultimi anni, il data journalism, per rappresentare in modo più comprensibile molti dati. E in questo ambito si inserisce anche il fumetto» spiega Gubitosa, che ha voluto fare di Mamma il primo esperimento italiano di comic journalism. «Il comic journalism è in parte un’evoluzione del graphic journalism, ed è l’equivalente del fotogiornalismo di riviste come Life – continua Gubitosa – Quando è impossibile scattare delle fotografie, e le parole non bastano, si utilizzano i fumetti».

Inside story, inchieste in cui il giornalista diventa protagonista come quelle di Fabrizio Gatti, ma anche interviste o previsioni del tempo: sono molti i generi giornalistici che possono avvantaggiarsi del comic journalism. «Mamma fa molti coccodrilli (articoli biografici su personaggi morti, ndr) a fumetti» ironizza Gubitosa. Che però è serissimo quando parla delle professionalità in campo: come il cameraman e il fotoreporter, «il disegnatore mette a disposizione del giornalista la sua esperienza e bravura nell’utilizzare il linguaggio del fumetto. Insomma, in questo settore non ci si improvvisa, anche se i software come Manga studio e Illustrator rendono sempre più facile creare infografiche, fumetti e animazioni». La presenza di Gubitosa al premio Ilaria Alpi conferma il fermento del giornalismo italiano per questo nuovo genere giornalistico, che ha già ricevuto, con Mark Fiore, il massimo riconoscimento del giornalismo americano: il premio Pulitzer. «Fiore è una figura ibrida di giornalista e disegnatore, ma in Italia ci sono grandi professionisti del giornalismo come Michele Santoro nel suo Servizio Pubblico o Carlo Lucarelli che stanno abbracciando questa tecnica – continua Gubitosa – mentre i disegnatori sono tantissimi e non ne cito per non fare torto a nessuno». Un fermento di cui non sembrano essersi accorti però i grandi editori, che investono poco nel settore. «Se c’è qualcosa che è in grado di salvare la carta stampata da internet è proprio il comic journalism, che su carta esprime tutte le sue potenzialità» spiega Gubitosa, che per il suo Mamma ha un’associazione per editore. «L’associazione Altrainformazione ha investito in Mamma, e ha iniziato anche a promuovere alcuni libri comeResistenza precaria» racconta Gubitosa. Il volume raccoglie le storie di un operaio, Nicola, che vive tra precariato, migranti, degrado sociale e morti bianche. «Il fumetto è già molto diffuso per l’editoria con il racconto delle biografie, ma io vedo un grande futuro nella manualistica.Prendi un libro di 300 pagine, dai contenuti indigeribili, e lo trasformi in un fumetto». Una contaminazione di generi dunque, che mischia testo, grafica, fumetti e video, e che coinvolge anche le nuove tecnologie come gli smartphone che hanno aperto molte possibilità di interazione. «Si diffondono sempre più i Qr code che se inquadrati danno accesso a contenuti multimediali, video, o clip animate dedicate ad approfondire quanto scritto» conclude Gubitosa. Che non esclude che, come al Pulitzer, il prossimo vincitore del premio Ilaria Alpi potrebbe essere un comic journalist.

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.5.7 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).