Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

la demokrazia del PD

6 gennaio 2013 - paolo de gregorio

- la demokrazia del PD -
di Paolo De Gregorio, 6 gennaio 2013
Leggo con incredulità la notizia pubblicata, oggi 6 gennaio, su “la Nuova Sardegna” così riportata: “respinta l’invasione dei forestieri nelle liste”.
La notizia è questa: al PD sardo è arrivata la richiesta dello staff nazionale bersaniano di inserire almeno 5 esterni nelle candidature, in barba ai candidati sardi che si erano conquistati la candidatura nelle primarie.
Una operazione autoritaria e neo-colonialista che il segretario Silvio Lai ha respinto in parte, accettando l’ipotesi che vi sia un capolista esterno, NOMINATO da Roma.
Questo episodio ci dovrebbe far capire una volta per tutte quanto autoritari siano i partiti, con i loro gruppi dirigenti inamovibili, che ridicolizzano allegramente i risultati delle “primarie”, per continuare a NOMINARE i dirigenti dal vertice del partito, e che fanno la morale a Grillo quando caccia infiltrati (probabilmente del PD) che si sono messi contro le regole del movimento.
Risulta stranissimo che nessun mammasantissima dei partiti, che frequentemente straparlano di populismo e di antipolitica, abbia mai proposto la semplicissima regoletta di salute pubblica (che toglierebbe alle nomenklature ogni possibilità di manovrare dietro le quinte) che stabilisca per legge che nessuno può essere candidato fuori dal territorio di residenza, dove deve risiedere da almeno 5 anni, per assicurare la piena rappresentatività della carica e rispettare la volontà dei cittadini, che con le primarie esprimono il voto di preferenza attualmente negato dalla immonda legge elettorale.
E’ essenziale capire che occorrono nuove regole per diventare una democrazia compiuta: dal referendum propositivo ad una nuova legge elettorale (uninominale a doppio turno, tipo quella per le elezioni dei sindaci), con divieto per tutti i candidati di apparire in TV, divieto di manifesti, ma muovendosi senza limiti nel proprio collegio porta a porta e con comizi in spazi messi a disposizione gratuitamente dai Comuni, e con possibilità di essere eletti al massimo in due legislature, senza deroghe.
Così la “par condicio” non sarebbe la parola vuota che è con l’attuale sistema, dove vincono i più ricchi o chi ha un grande apparato di partito alle spalle, con il risultato garantito di immobilismo e di potere delle gerarchie economiche, politiche, religiose, massoniche, mediatiche.
Paolo De Gregorio

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.4.1.62 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).