Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

Rassegna stampa

Un manga spiega i rischi delle centrali atomiche

Si chiama “No alla guerra, no al nucleare”. È il fumetto di Rokuro Haku. In Italia lo ha portato l’associazione Altrinformazione. Gubitosa: “Ha un grande potenziale di conoscenza e può essere un valido strumento per fare una scelta consapevole"
22 aprile 2011 - Agenzia Redattore Sociale
Fonte: www.redattoresociale.it - 08 aprile 2011

Copertina del libro "No alla guerra, no al nucleare"

BOLOGNA – Nana Kobato, studentessa delle medie, si affaccia sul “lato oscuro del nucleare”: i pericoli delle centrali atomiche, gli effetti dei proiettili all’uranio impoverito e le devastazioni ambientali. È la storia di “No alla guerra, no al nucleare”, il fumetto di Rokuro Haku, portato in Italia dal centro di documentazione “Semi sotto la neve”, organizzazione che lavora per la messa al bando delle armi all’uranio impoverito, in collaborazione con l’associazione Altrinformazione e la rivista Mamma! Nel libro l’autore spiega che la produzione di energia nucleare ha come diretta conseguenza l’uso di uranio impoverito per le armi e rivela che gli incidenti alle centrali atomiche nel mondo sono stati moltissimi, anche se non gravi come quello di Chernobyl. “Questo manga ha un grande potenziale di conoscenza – spiega Carlo Gubitosa di Altrinformazione – e può essere un valido strumento per fare una scelta consapevole in vista del prossimo referendum”. Il tema del fumetto è, infatti, di stretta attualità, sia per quanto avvenuto alla centrale nucleare di Fukushima in Giappone, sia per il dibattito sul ritorno al nucleare in Italia. “Non si tratta però di un instant book nato sull’onda di quanto avvenuto in Giappone – precisa Gubitosa – ma di un lavoro iniziato un anno fa e giunto a conclusione adesso”. 


Il nucleare visto dalla prospettiva di una ragazzina delle medie, che, come tutti noi, si chiede “Ma io che cosa posso fare?”. “L’autore è riuscito a dare una prospettiva positiva alla storia – spiega Gubitosa – Alla fine del libro ci sono, infatti, alcune proposte dirette di azione, come cambiare il proprio stile di vita o ridurre i consumi”. Nell’edizione italiana è stata inserita, inoltre, un’intervista ad Angelo Tartaglia del Politecnico di Torino realizzata da Stefania Divertito (autrice di “Uranio, il nemico invisibile”). “Abbiamo voluto reagire in questo modo alla propaganda di Enel che lancia tesi senza fondamento, come il fatto che il nucleare aumenterà i posti di lavoro o ridurrà i gas serra – afferma Gubitosa – Per questo ci siamo rivolti a Tartaglia che ha smontato i teoremi di Enel sul nucleare: il libro usa un linguaggio semplice e accessibile, ma ha i piedi ben radicati nella letteratura scientifica”. 

Il fumetto è sempre più spesso usato per trattare temi sociali. “Il fumetto è il mezzo più potente di conoscenza che abbiamo in questo momento  – precisa Gubitosa – e la nostra idea del mezzo è lontana da quella di fumetto come svago: la speranza è che attraverso un linguaggio che parla ai ragazzi e alle persone che sono lontane dai temi dell’ambientalismo e dai problemi energetici si rompa il cerchio di propaganda e di pro e contro che lascia nel vago il dibattito sul nucleare”. Il libro costa 10 euro e si può ordinare dal sito www.mamma.am/libri. (lp) 

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.5.7 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).