Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

Una interrogazione parlamentare sul "caso Gelmini" sollevato da Mamma!

Brunetta rispondici! Cosa nasconde la Gelmini?

La coraggiosa radicale Zamparutti ci aiuta a lottare contro il quarto segreto di Fatima: la Gelmini è una incapace certificata?
5 febbraio 2011 - Carlo Gubitosa

Su Wikipedia alla voce Gelmini (prima che venisse ritoccata) e su vari articoli firmati abbiamo scoperto una sconvolgente verità: il 31 marzo 2000 il consiglio comunale di Desenzano avrebbe (condizionale antiquerela) approvato una mozione di sfiducia per rimuovere dal suo incarico Mariastella Gelmini che all'epoca faceva il presidente del consiglio comunale.

La motivazione della rimozione riportata in questi articoli, votata anche dagli esponenti del PDL, non lascerebbe spazio ad equivoci: "manifesta incapacità e improduttività politica e organizzativa".

Ora, tanto per capire come sta messa male l'Italia, guardate che cosa ci siamo dovuti inventare per verificare questa informazione.

Inizialmente abbiamo spedito una richiesta formale scritta al comune di Desenzano, che poi ci ha risposto picche: quell'atto pubblico è stato pubblicato all'albo del comune per due settimane, chi voleva leggerlo doveva andare a Desenzano in quei giorni, mentre adesso ciccia.

Sul sito del comune di Desenzano quella delibera risulta segnalata, ma purtroppo il testo non è disponibile online, alla faccia della trasparenza. E non è servita a niente neppure una seconda lettera al segretario comunale in cui abbiamo spiegato che esiste il reato di omissione in atti d'ufficio. Se il tuo partito può contare su un commando di parlamentari avvocati pronti a intervenire per qualunque magagna, la lettera sdegnata di un cittadino fa solo il solletico.

Ma questo segreto di stato su un atto pubblico non ci è piaciuto per niente, e dopo aver scoperto che fare un ricorso al TAR ci sarebbe costato il pignoramento di un rene, siamo stati aiutati dall'on. Elisabetta Zamparutti, a conferma che nel nostro paese serve ancora a qualcosa avere dei radicali in parlamento.

Estratto dal'interrogazione parlamentare presentata dai radicali assieme a Mamma!

Il 10 gennaio su questa vicenda è stata formalmente presentata una interrogazione parlamentare in cui si chiede a sua altezza Brunetta che cosa intende fare per far rispettare il nostro diritto di accesso agli atti pubblici, se basta una affissione di due settimane per poter chiudere un atto pubblico nei cassetti mettendoci sopra una pietra tombale, cosa intende fare per garantire ai cittadini il diritto di leggere su internet gli atti della pubblica amministrazione che li riguardano, e di certo è cosa che ci riguarda sapere se l'istruzione, l'università e la ricerca scientifica sono in mano ad una persona che ha avuto una patente certificata di "manifesta incapacità" anche dai suoi stessi colleghi di partito.

Articolo sul caso Gelmini pubblicato sul "Venerdi'" di Repubblica

La notizia è rimbalzata fino ad arrivare sulle pagine del Venerdì di Repubblica, che ci ha onorato degli onori della cronaca. (Però che vi costava mettere un link al nostro sito? Vabbè, grazie comunque.)

E adesso attendiamo fiduciosi che Brunetta dia prova di liberismo e libertà bloccando i tornelli della segreteria comunale di Desenzano per tenerci chiusi dentro i funzionari fino a quando non si decideranno a vuotare il sacco. Ma il punto oramai non è più sapere se quel testo è veramente stato approvato: la fatica che fanno per nascondere quell'atto è una chiara ammissione del suo contenuto, che va al di là di ogni ragionevole dubbio, almeno per me.

Il punto è che ci ostiniamo a credere di essere ancora in democrazia, con leggi uguali per tutti che vanno rispettate, e pertanto anche se ci va di mezzo la faccia di un ministro, se il decreto legislativo 267/2000 stabilisce che "tutti gli atti dell'amministrazione comunale e provinciale sono pubblici, ad eccezione di quelli riservati per espressa indicazione di legge", noi pretendiamo di esercitare il nostro diritto di accedere a quegli atti pubblici, alla faccia dei signorotti di regime e delle persone incapaci e improduttive che vorrebbero oscurarli.

Se proprio ci tenete al segreto, fate una bella legge "ad ministrum" che proibisca l'accesso a quella delibera e ammetteremo la nostra sconfitta. Ma fino ad allora, siete voi che state violando la legge continuando a tenervi le carte nei cassetti.

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.5.7 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).