Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

I giorni pari un fumogeno e' tentato omicidio, in quelli dispari viva le mitragliate a vanvera

Maroni e Frattini perdono la battaglia con l'intelligenza

Per il Ministro degli Esteri hanno sparato perché erano in acque libiche, per quello degli Interni hanno sparato credendo che ci fossero clandestini. A parte il fatto che sparare per reprimere i reati non vale, chi li ha informati?
14 settembre 2010 - Mazzetta
Fonte: mazzetta.splinder.com

Una motovedetta libica regalata dall'Italia e con a bordo militari italiani crivella di colpi una barc da pesca italiana in acque internazionali. Se non ci scappa il morto è per caso, i libici hanno sparato dove potevano uccidere e i buchi sulla barca non lasciano dubbi.

Il Ministro degli Esteri dice che lo hanno fatto perché erano in acque libiche e non ci trova nulla di strano se i libici hanno mitragliato una barca di pescatori che al massimo pescava illegalmente.

Il Ministro degli Interni dice che lo hanno fatto perché credevano che la barca portasse immigranti clandestini, non ci trova nulla di strano se i libici hanno mitragliato una barca che al massimo portava della gente.

Già si sapeva che i libici lo fanno, ma le denunce sono cadute nel vuoto. Maroni non è interessato alle vite dei clandestini e forse nemmeno a quelle dei pescatori terroni. Per Maroni c'è pure l'aggravante di aver voluto sostenere due giorni prima che il lancio di un fumogeno è un tentato omicidio. Un fumogeno tirato a un sindacalista è un tentato omicidio e chi lo tira un criminale, i colpi di mitraglia ai barconi dei clandestini invece non sono nemmeno un crimine. Diventano appena un "incidente" se invece di sparare ai neri migranti, i libici sparano ai terroni che pescano.

In nessun caso la barca da pesca costituiva una minaccia, mai è lecito per le forze di polizia o di sicurezza uccidere persone solo perché commettono reati. Sarebbero le basi del diritto penale e il modus operandi di tutte le polizie in tutte le democrazie europee, apparentemente ignote ai due.

Il fatto che i due ministri siano in grave imbarazzo per gli stretti rapporti di Berlusconi con il leader libico non li autorizza a prendere in giro il paese, per non dire della bella figura con gli altri partner europei.

Poi sarebbe curioso sapere come due ministri del genere abbiano ricevuto due informazioni tanto difformi o se siano andati di fantasia, chè tanto quel giornalista lì doveva solo recapitare le parole del ministro.

A infastidire non è tanto la solita vigliaccheria nel deflettere qualsiasi responsabilità, anche le più evidenti. È proprio la sciatteria con la quale hanno sparato enormità del genere che fa cadere le braccia. La stessa sfacciata maniera di sparar balle notata ieri nel ministro Gelmini, lesta a dire che la scuola di Adro fa schifo, ma che nessuno si è mai lamentato delle scuole riempite di simboli comunisti.

I simboli comunisti nelle scuole però non ci sono mai stati, gli esponenti del PCI avevano un'educazione istituzionale e politica a differenza dei leghisti. Allo stesso modo le dichiarazioni di Maroni & Frattini possono essere pronunciate solo di fronte a un microfono amico, sicuri che il giornalista non chiederà mai di dettagliare pensieri che pure suonano interessanti nella loro bizzarra sfrontatezza.

Gelmini, Maroni e Frattini hanno chiuso la questione con battute e balle di pessimo gusto, non hanno preso e non prenderanno alcuna iniziativa in merito a questioni che destano tanto scandalo, ma lo scandalo finisce lì e nei giorni a venire nessuno li martellerà chiedendo loro conto di queste cosacce.

Ormai lo fanno in automatico, con una naturalezza che denuncia l'assenza di qualsiasi pudore, il modello politico italiano all'inizio del ventunesimo secolo non poteva che essere quello del sommo cacciaballe in capo. E il brutto è che funziona, ne sparano così tante che hanno frastornato tutti, non solo l'opposizione.

Però, giusto per scansare il ridicolo, cosa ci mettevano gli staff a telefonarsi o ad accorgersi delle dichiarazioni dell'astuto collega di governo che ha cantato per primo?

Possibile che tutta questa gente con stipendi di giada non riesca a risparmiarsi, e risparmiarci, nemmeno lo squallore di due versioni in aperto conflitto tra loro e sfacciatamente lesive delle leggi e della costituzione italiana?

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.5.7 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).