Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

Un saluto ad un amico che ha lasciato il mondo più allegro di come lo ha trovato

Ciao Francesco, hai vinto la tua battaglia con la vita

Dalle pagine de "Il Male" a quelle di "Mamma!", passando per "Linus" e tanta ottima satira italiana, Francesco Cascioli ha arricchito con fantasia, curiosità e intelligenza la sua vita e quella di chi lo ha incontrato
23 agosto 2010 - Carlo Gubitosa

Francesco Cascioli in un fotomontaggio di Filippo Anello

Oggi Francesco Cascioli ha vinto la sua battaglia con la vita. Una battaglia durata 57 anni, interamente impiegati a dare un senso vero e vivo al tempo che gli è stato dato da vivere.

Una battaglia vinta perché Francesco non si è mai lasciato tentare dai demoni del denaro, del successo, della celebrità, del vippismo, ma ha sempre e incessantemente lavorato dietro le quinte con il sorriso sulle labbra, con la voglia di divertirsi e divertire sentendosi vivo e libero, con l'istinto irrefrenabile di seguire le proprie ispirazioni, di inseguire ogni farfalla che svolazzava nella sua fantasia con un retino fatto di curiosità e intelligenza.

Un uomo che non ha fatto la storia ma che ha arricchito tante storie di vita con la sua grande umanità che lo ha reso capace di farci sorridere e riflettere anche sugli aspetti più seri e cupi dell'esistenza, perfino del primo infarto che lo ha colpito nel 2007, una disavventura che lui ha trasformato in un appassionante e divertente racconto "sulla cardiologia vista con gli occhi di un paziente".

Francesco era una persona talmente ricca che era impossibile smettere di conoscerlo.

Francesco Cascioli

Alcuni hanno conosciuto questo grande artista come autore televisivo, esperto di formazione e consulenza aziendale nell'ambito delle nuove tecnologie, illustratore editoriale, appassionato di letteratura e analisi del testo, fotomontaggista de "Il Male", scrittore di libri umoristici. Parlando personalmente, io l'ho conosciuto ben quattro volte.

La prima volta l'ho conosciuto come sceneggiatore di fumetti quando ero studente negli anni '80, e il suo "Ciacci" realizzato a quattro mani con il grande Bruno D'Alfonso è diventato il mio idolo da adolescente, il racconto che ha condito con allegria gli anni del mio diploma.

La seconda volta l'ho conosciuto come pioniere del cyberspazio, quando mi affacciavo su internet a metà degli anni '90, e la sua mailing list di barzellette "Il Palo" è stata per molti anni il primo e il più grande contenitore di umorismo disponibile in rete, con Francesco che regalava a centinaia di persone barzellette, battute e occasioni per sorridere.

Uno dei francobolli finti di Francesco Cascioli

La terza volta l'ho conosciuto come appassionato di "filatelia autarchica", quando l'ho coinvolto nel mio libro "Elogio della Pirateria" per raccontare le surreali disavventure giudiziarie che lo hanno colpito. Il suo "crimine" era l'irrefrenabile fantasia che lo ha spinto a produrre francobolli inventati, come il mitico francobollo nero sul bicentenario dell'eclissi solare, trasformato in un "corpo del reato", solo perché i postini erano abbastanza fessi da credere che fosse vero, e inoltravano senza problemi le lettere con i francobolli di Francesco, anche quelli più improbabili. Il più grande sberleffo alla cupa seriosità dei francobolli ufficiali fu la sua piena assoluzione perché il fatto non costituisce reato: inventare francobolli inesistenti non è un crimine, la legge punisce solo chi cerca di copiare quelli veri, che Francesco trovava insopportabilmente brutti.

La quarta volta l'ho conosciuto come amico e collega, quando su mio invito si è unito con l'entusiasmo di un ragazzino al gruppo fondatore della rivista Mamma!, regalandoci le sue vignette geniali firmate con lo pseudonimo "Pacesco" e realizzate in collaborazione con l'altro "Mammifero" Paolo, a testimonianza del grande amore di Francesco per il gioco di squadra e la sua allergia agli atteggiamenti da primadonna che tanto male hanno fatto alla satira "Ufficiale".

Come omaggio a Francesco, Paolo ha continuato a usare questo pseudonimo anche in questi ultimi giorni di malattia, e ci auguriamo sinceramente che continui a usarlo per mantenere viva l'eredità artistica di questo grande campione della fantasia, che ha lasciato il mondo con più sorrisi di quanti ne aveva quando ci è arrivato.

Siamo onorati di averlo avuto come collega e complice sulle pagine di questa nostra rivista che in fondo gli somigliava molto: grazie al suo esempio, per dire qualcosa di nuovo a chi ci legge abbiamo cercato la massima qualità in quello che facciamo e la massima umanità in quello che siamo. E' l'unico modo per non essere sconfitti dalla vita.

Ciao Francesco, chissà che cosa ti starai inventando dove sei adesso.

 

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.5.7 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).