Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

Il pacchetto sicurezza e la lotta al flusso migratorio

Come cercare di curare la dissenteria messicana infilandosi il mignolo nel culo

Le proviamo tutte. Non funzionando più né etica, né memoria, né sinistra,
proviamo a far ragionare col vecchio buon senso destrorso
4 luglio 2009 - Makkox

La strategia è semplice: dispiegarsi dove serva politicamente. Dove si VEDA.
Concentrarsi demagogicamente e fattivamente sui grandi serbatoi di voto ed opinione fluttuante, ovvero le grandi aree urbane, e lasciare scoperti paesini e provincie, serbatoi di voto inchiodato in mano all'Innominato latifondista locale (tipo Mastella per nominarne uno, invece). Anzi, 'sti paesini non li lasciano "scoperti", ma in mano alle ronde. Perché a quello servono le ronde, se non s'è capito, per arrivare dove lo stato ha scelto di non esserci: nella provincia non coperta dai TG e nei quartieri periferici e sozzetti (che nelle riprese vengono tristi).
Ronde poi... chiamiamoli col loro nome: 'sti "bravi" legalizzati a chi risponderanno del loro fare? Verranno equiparati a pubblici ufficiali? (sembra buttata lì, ma più avanti direte "Ahhhh... cazzo!").

Inoltre, inasprimento delle leggi ad impatto mediatico-emotivo.
Un po' come l'impiccagione per i ladri di cavalli nel vecchio west, appunto, quando c'erano due sceriffi per un territorio grande come mezzo texas e l'impossibilità di controllare quell'enorme spazio voleva esser compensata dal potere deterrente della pena.
A molti sfugge che tanti clandestini vengono da una vita che è già pena di morte quotidiana, quindi figurati quanto gliene potrà fregare di beccarsi una condanna in Italia. Condanna che poi non è il carcere ma un'ammenda da 5000 a 10000 euro e l'epulsione immediata.
Terrorizzante per chi è scappato dai machete in uganda.
N'ammenda così può far cagare sotto il proprietario d'una rosticceria a Brugherio, ma credo davvero che un immigrato clandestino se la riporterà a casa incorniciata come un'attestato di valore da mostrare con orgoglio. Prima di tornare a a trovarci di nuovo, tra un mesetto.

Certo portare il periodo di detenzione "limbica" nelle nostre guantanamo (detti CPT) da due a sei mesi è 'na bella mossa, questa pure va calcolata. E me lo vorrò fare un giro a Lampedusa st'estate, tanto per vedere se riescono a battere il guinness di esseri umani per metro quadro. Sarebbe motivo d'orgoglio per st'isoletta malfamata.
(occhio che malfamata vuol dire che gode di cattiva fama, non che son dei morti di fame. A volte le cose coincidono, ma io non intendevo).

Davvero il governo crede di poter arrestare il flusso dei migranti in questo modo?
È come cercare di curare la dissenteria messicana infilandosi il mignolo nel culo.
Io ci ho provato una volta in vacanza a Cancun, non funziona. Neanche cambiando dito.

Ovvio che il ddl non sia tutta merda. I tre anni di condanna che si rischiano per oltraggio a pubblico ufficiale (Ahhhhh... cazzo!), ci volevano, se ne sentiva la mancanza dopo la Diaz. Però sembra che se paghi non vai in carcere (non scherzo, è nel testo). Coi soldi s'aggiusta tutto.
Coi soldi ci pagi la cittadinanza (200 euro) e il permesso di soggiorno (da 80 a 150 euro) dipende col guanto o senza.

Altra piccola perla: il registro per i clochard. Chi sei? Boh. Dove vivi: in giro. Avanti un altro che questo è fatto.
Geniale! Ma dove le pensano, alla bouvette?
- Sai cosa ci vuole? Il registro per i clochard!
- Azz... ideona! Roberto, altri 8 Campari qui, che ci stiamo appena scaldando!

Le regole antimafia sembrano buone, questo lo ammetto. Ma dovrei essere un mafioso per confermare il giudizio.

In definitiva, io mi sto cagando sotto più di prima.

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.5.7 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).