Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

La Russa si atteggia a militarista, ma e' solo un uomo di paglia degli armieri.

Non siete fascisti: siete stronzi e anche un po' imbroglioni

Se avessimo dei fascisti DOC al ministero della difesa almeno i militari morti e le loro famiglie starebbero al sicuro. Invece nemmeno le famiglie dei caduti vengono trattate con civilta'.
9 giugno 2009 - Ulisse Acquaviva

Fumetto di Mauro Biani e Alvise Spano'

Non lasciatevi ingannare dal ghigno satanico di La Russa col pizzetto durante le parate militari. Non sta godendo per la virile fierezza dell'acciaio, non ama l'esercito del suo paese, ne' i ragazzi che si fanno il culo rischiando la vita nel giro per il mondo per una finta pace che fa comodo a chi vende guerra. Sorride soltanto perche' ha preso per il culo il suo elettorato e puo' farsi i cazzi suoi mentre squillano le trombe di rappresentanza.

Appena scendono dai tappeti rossi, questi finti fascistelli da televendita si tuffano nella prima osteria per abbuffarsi di bucatini all'amatriciana, e poco importa se il mondo attorno a loro crolla, basta che gli affari vadano bene lasciando le tasche e la panza sempre piena.

Sono fascisti da operetta, quaquaraqua' del militarismo, pallide ombre che pensano di essere D'Annunzio solo perche' si fanno crescere il pizzetto, ma a differenza di D'Annunzio che comunque un po' di guerra vera l'ha fatta questi pagliacci da parata militare stanno col culo fermo a Roma, e a rischiare la pelle ci mandano gli altri. 

Per averne la prova basta fare i conti: Angelo Garro e sua moglie Anna (genitori di un alpino morto in caserma in circostanze misteriose) ci raccontano che il 7 e l'8 aprile scorso le commissioni Difesa di Camera e Senato hanno finanziato il business militare approvando il "Programma pluriennale relativo all'acquisizione del sistema d'arma Joint Strike Fighter JSF".

L'obiettivo: produrre e acquisire 131 cacciabombardieri d'attacco, una "grande opera volante" da 13 miliardi di euro, che verranno pagati in comode rate dal 2009 al 2026.

Angelo e Anna spiegano anche che a Cameri (Novara) sta per aprirsi una megaofficina europea per la riparazione di aerei da guerra italiani e olandesi: altri 605,5 milioni di euro a cui va aggiunto il miliardo gia' investito per la fase di sviluppo. 

Va bene, facciamo soldi costruendo bombardieri inutili, ma poi ci rimane qualche soldino per i marmittoni?

La risposta e' no: per i soldati vivi e le famiglie di quelli morti non sono rimaste neppure le briciole della grande torta apparecchiata dal ministero della Difesa a esclusivo beneficio delle industrie belliche delle "Halliburton de noantri" e delle coop rosse che quando si tratta di appalti e forniture militari diventano magicamente daltoniche.

L'8 maggio 2009 il teatrino di Montecitorio e' stato invaso dal "Comitato di Genitori di Militari caduti in tempo di pace", ricevuto dalla Presidenza della Camera dei Deputati, ma non dal presidente che era impegnato altrove in cose ben piu' importanti.

Se non ci fosse da ridere ci sarebbe da piangere: i portaborse di Montecitorio raccontano ai familiari dei caduti che in un paese dove ci sono soldi per costruire 131 bombardieri, i risarcimenti per le famiglie dei militari caduti in servizio sono fermi da trent'anni e fermi devono restare per la "mancanza di copertura finanziaria". Che grandiosa presa per il culo! Peccato che siamo nel tempio delle istituzioni e non al bagaglino.

A questo punto immaginatevi la scena che nessun giornale o TG avra' mai il coraggio di mostrare: una mamma di 73 anni colta da infarto e ricoverata otto giorni al Gemelli. Dopo venti anni di lotte contro i governi di ogni colore per ottenere un riconoscimento dopo la morte di suo figlio il suo cuore non ha retto il colpo di fronte all'ennesimo insulto delle istituzioni.

Il governo ha obbligato questo ragazzo a entrare in caserma da vivo per il servizio militare di leva, e poi se ne frega se da quella caserma e' uscito in una bara anziche' camminare sulle proprie gambe. Certo, un governo deve pensare anche a cose piu' importanti: i risarcimenti dei terremotati, le spese per le scuole, per la sanita', per i servizi... ma allora perche' buttate nel cesso tonnellate di euro per costruire 131 cacciabombardieri che possono trasportare anche testate nucleari? Se stiamo progettando di invadere Marte, basta avvisare, altrimenti diteci a che servono questi aerei.

E cosi' l'unico risultato del finto militarismo di maniera di Ignazio La Russa e' un'emorragia di soldi pubblici nelle tasche degli armieri. A difendere i militari morti di naia e le loro famiglie uccise dall'amarezza non ci sono i seguaci di Fini, ne' i Naziskin, ne' Forza Nuova, ne' le curve laziali, ne' tutto i variegato popolo di destra dipinto come amico degli sbirri, dei soldati e di chiunque indossi una divisa. Siamo rimasti solo noi con la nostra scalcagnata satira anarcoide. E' degno di un paese evoluto lasciare le battaglie di civilta' a delle schegge impazzite come noi, che di armi e militari ce ne importa poco e niente?

"Noi cittadini qualunque - scrivono quelli del comitato - e genitori di un militare caduto per lo Stato, riteniamo che tali trattamenti verso i nostri figli morti, siano azioni di crudele indifferenza e di grave inciviltà nazionale". Ma a noi che cazzo ce ne frega? Basta avere dei bombardieri nuovi per far giocare Ignazio Benito Maria Larussa e i suoi amici delle industrie belliche.

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.5.7 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).