Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

Nei corridoi del "Righi" di Cesena una semplice domanda scatena una battaglia di laicita'

La verità vi farà liberi, ma solo se piace al prof di religione

Una letterina piccata di don Stefano Pasolini fa scattare la sospensione per il collega di matematica Alberto Marani. La causa è un sondaggio sull'ora di religione, con l'88.7% degli studenti che confessa la sua noia per i sermoni.
3 giugno 2009 - Ulisse Acquaviva

Tutto e' iniziato come un semplice sondaggio di opinione, e gia' questo la dice lunga sulla sfrontatezza del personaggio in questione, un prof di matematica e fisica che osa avventurarsi in un terreno di competenza esclusiva del premier.

La domanda era semplice e sovversiva al tempo stesso: "se la scuola attivasse la materia alternativa, quanti la sceglierebbero"? Ma nei corridoi del liceo scientifico "Righi" di Cesena questa rilevazione ha assunto i toni del sacrilegio. O della lesa maesta'?

Il prof Alberto Marani, infatti, non e' stato sospeso dalle sue funzioni per blasfemia, ne' risulta scomunicato o sanzionato dalla Chiesa Cattolica, o indagato per vilipendio della religione di stato, bestemmie davanti agli studenti, riti satanici e messe nere in palestra con sacrifici umani di giovani studenti. Tutto questo non c'entra. E' solo una questione personale tra lui e il prof di religione.

Con una letterina piccata spedita all'Ufficio Scolastico Regionale don Stefano Pasolini e altri colleghi di religione hanno sostenuto che Marani "avrebbe offeso, con quel questionario, il collega di religione", cioe' lo stesso Don Pasolini.

E allora vediamoli questi numeri "offensivi": tra i 70 studenti delle tre classi di Marani, se ci fosse possibilita' di scegliere l'11,3 % sceglierebbe la Religione Cattolica e l'88,7% una materia alternativa (23,9% Storia delle religioni; 64,8% Diritti umani).

Se fossi nei panni di don Stefanino anch'io sarei molto offeso. E' piu' che probabile che il meraviglioso e affascinante messaggio di Gesu' Cristo non c'entri niente con questo sondaggio, e che il voto degli studenti rifletta piuttosto la noia mortale delle sue lezioni che rende preferibile ai suoi sermoni perfino la storia delle religioni.

Ma benedetto prete, dobbiamo insegnarti proprio noi a leggere il Vangelo? Immagina se Gesu' Cristo davanti agli sputi avesse cominciato a riempire tonnellate di papiri per denunciare le offese ricevute scrivendo al Sinedrio, ai Farisei, a Ponzio Pilato e agli altri sapienti dottori della legge: il cristianesimo sarebbe stato ucciso dalla burocrazia.

E allora caro Don Stefano, goditi le offese del tuo collega come la meritata medaglia dei santi, e aggiungici anche anche la sonora pernacchia che ti facciamo dall'alto della montagna su cui Cristo ha proclamato la tua beatitudine: "Beati sarete voi, quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male per causa mia. Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande nei cieli, poiché così hanno perseguitato i profeti che furono prima di voi".

Se non volevi gli insulti e le persecuzioni, la prossima volta fatti furbo: non entrare in seminario, ma fai carriera nell'Opus Dei. Cosi' sei anche sollevato dal voto di celibato, e anziche' nelle scuolette di provincia ti trovano un bel posto in universita'. Ma se dedici di restare prete, facci un bel favore. Tieniti le offese vere o presunte che siano, accumula crediti in paradiso con rispettoso silenzio e soprattutto non scassare la minchia ne' agli studenti, ne' ai tuoi colleghi ne' a noi. E che Dio te ne renda merito.

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.5.7 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).