Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

Waiting for Gaza /1

Alcune cose che non sapete sul viaggio del Papa in Terrasanta. A Betlemme, Benedetto XVI non parlerà accanto al Muro, perché Israele lo impedisce.
8 maggio 2009 - Alberto Puliafito

Aida Camp - Betlemme - Il Muro di Separazione

 Questa doveva essere essere la prima puntata di un diario di viaggio palestinese che si è svolto fra il 25 aprile e il 3 maggio. Un diario di viaggio decisamente non turistico: i suoi protagonisti sono i membri di una delegazione umanitaria italiana che fa capo a Re.Co.Sol. e a Crocevia e che ha come obiettivo l'avviamento di una serie di progetti denominati "Gaza. Ricostruire la speranza". 

E' un diario di viaggio che sarà sempre attuale, anche se l'attualità va così veloce, in Palestina, che non si riesce a starle dietro nemmeno col pensiero. Sarà sempre attuale perché lo sono la memoria, il ricordo, la testimonianza. 

Avremo modo di considerare come tutti i popoli oppressi, o che subiscono un evento fortemente traumatico nella loro storia (una shoah, una nakba), siano accomunati dalla necessità, dall'ossessione della testimonianza e della memoria.

Avrei scritto di questo e delle situazioni che la delegazione ha incontrato, più o meno cronologicamente. Tuttavia, poco prima che cominciassi a scrivere le prime righe di questo diario, accadeva un fatto che dirottava, per forza di cose, la direzione e la cronologia dello scritto.

E' il 7 maggio 2009; è ora di cena, in Italia. La Palestina è lontana, e il Tg2, come già gli altri telegiornali, dedica ampio spazio alla visita del Papa Benedetto XVI in Terrasanta. Il pontefice sarà accompagnato da misure di sicurezza straordinarie, sebbene non vi siano minacce specifiche.

Pochi giorni fa, il responsabile delle Relazioni esterne dell'Aida Camp di Betlemme (uno dei tre campi profughi della cittadina dl West Bank) ha raccontato al sottoscritto e alla delegazione umanitaria italiana in visita l'accoglienza che è stata preparata per il Papa.

Secondo l'idea (il sogno?) dei palestinesi, il Papa avrebbe dovuto accomodarsi su una piattaforma accanto al Muro della Separazione. Perché? Perché tutto il mondo potesse vederlo, il Muro, in tutta la sua portata mediatica. Soprattutto con il Papa accanto. 

Non è difficile da capire: immaginatevi per un istante una bella ripresa in mondovisione con il Papa di bianco vestito, che pronuncia qualche scontata parola di pace, accanto al muro che divide i profughi dalle loro terre. E di lato, a sinistra del Papa, la porta del Campo di Aida, con un'enorme chiave su quello che dovrebbe essere lo stipite superiore. La chiave del ritorno, il simbolo dell'altro sogno - quello vero - dei profughi: tornare alle loro terre.

Il progetto di questa messa in scena mediatica, pur nella sua semplicità, unito al doppio regalo che verrà fatto al Pontefice da parte dei profughi (una chiave, appunto, e una roccia del lago Tiberiade con su incisa la mappa della Palestina), dimostra che i Palestinesi ne capiscono, di comunicazione.

A volerla vedere dal punto di vista di un copy non esisterebbe miglior immagine iconografica di quella appena descritta, per raccontare con due inquadrature la contenzione che subisce un campo profughi.

Ma il periodo ipotetico è d'obbligo. Perché anche gli Israeliani ne capiscono, di comunicazione. E la sanno usare. E riescono a usarla molto meglio, perché sono più potenti.

Da tempo l'autorità israeliana aveva comunicato la propria contrarietà al piano di accoglienza di Benedetto XVI proposto dai profughi dell'Aida Camp. Questi ultimi avevano comunque continuato i lavori di costruzione della piattaforma a ridosso del Muro.

Poi l'epilogo. Il Tg2 dà l'annuncio: di comune accordo è stato stabilito che il Pontefice si accomoderà accanto alla scuola dell'Aida Camp, in un campetto sportivo, verosimilmente. Col Muro a pochi metri, ma non visibi

E così, il sogno di comunicazione mediatica dei profughi di Aida, crolla sotto i colpi della potenza di fuoco dell'autorità israeliana che può non solo impedire che l'accoglienza si svolga come desiderato dagli ospiti, ma anche trasformare mediaticamente una decisione unilaterale in un comune accordo.

 

Note:

http://www.youtube.com/watch?v=ykoIfnCU834&feature=channel_page
http://www.ikproduzioni.it
http://www.comunisolidali.org
http://www.croceviaterra.it

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.5.7 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).