Facebook SDK

Testata mamma
Abbonati a Mamma!

Gruppi di tematiche

carosellomenu

Matite

Carosello 250 x 250

  • stampa
  • segnala via email
  • Gplus Like

    Facebook Button

Tra un uovo e una colomba, proviamo a parlare di gente che paga con la vita

Benedetto, scendi dal balcone se hai coraggio! Vai in trincea!

Solo un giornale pieno di sincera spiritualita' anticlericale intrisa di valori cristiani puo' permettersi di sfottere il vaticano usando le parole di un vescovo. E' il nostro regalo di pasqua per dimostrare che lo spirito e' piu' forte delle pallottole.
12 aprile 2009 - Ulisse Acquaviva

La satira e' una cosa da prendere sul serio, come la religione. E' per questo che a Pasqua non vogliamo sfottere il papa, le vie crucis piena di vip e lo sfarzo di una chiesa che ricorda in mezzo agli ori un povero cristo morto senza un quattrino e ucciso dalla religione del suo tempo. Troppo facile, cosi' sono bravi tutti.

A noi piace il gioco duro e la competizione leale, e per questa ragione vogliamo innalzare fino al cielo la nostra impietosa lente di ingrandimento sulla chiesa cattolica. Lo faremo ricordando chi ha preso Dio talmente sul serio da lasciarci le penne. Come Pierre Claverie, vescovo di Orano, in Algeria, che scriveva parole bellissime quaranta giorni prima di essere assassinato. Le affidiamo ai lettori per stamparle nelle parrocchie coprendo i volantini di Radio Maria, i manifesti mercenari dell'ottopermille e le locandine farisaiche di Avvenire. Se non vi farete sentire, poi non lamentatevi se quelli fanno santo il fondatore dell'Opus Dei e se ne fregano di chi muore in croce nell'Africa dimenticata.

Di fronte a questa testimonianza ognuno potra' fare le sue valutazioni su chi resta tranquillo a dispensare ordini ecclesiali dal balcone come faceva un qualunque re del medioevo. Benedetto, non ascoltare noi che siamo dei mangiapreti, ma almeno ascolta i tuoi vescovi morti ammazzati, e ricordati che "la chiesa inganna se stessa e il mondo quando si pone come potenza in mezzo alle altre, come un'organizzazione, seppur umanitaria, o come un movimento evangelico spettacolare".

Perche' siamo in Algeria

 

Di Monsignor Pierre Claverie.

(Dall'omelia pronunciata quaranta giorni prima del suo assassinio)

Siamo là a causa di questo Messia crocifisso. A causa di nient'altro e di nessun altro. Non abbiamo interessi da salvaguardare, né influenze da conservare. Non siamo neanche spinti da chissà quale perversione masochista o suicida. Non abbiamo alcun potere: restiamo in Algeria come al capezzale di un amico, di un fratello malato, in silenzio, stringendogli la mano, rinfrescandogli la fronte. A causa di Gesù, perché è lui che soffre, in questa violenza che non risparmia nessuno, nuovamente crocifisso nella carne di migliaia di innocenti. Come Maria, come Giovanni, stiamo là, ai piedi della croce su cui Gesù muore, abbandonato dai suoi, schernito dalla folla. Non è forse essenziale per un cristiano essere là, nei luoghi di sofferenza, di abbandono? Dove potrebbe mai essere la chiesa di Gesù Cristo se non fosse innanzitutto là? Per quanta possa sembrare paradossale, la forza, la vitalità, la speranza, la fecondità della chiesa proviene da lì. Non da altrove né altrimenti. Tutto il resto è solo fumo negli occhi, illusione mondana. La chiesa inganna se stessa e il mondo quando si pone come potenza in mezzo alle altre, come un'organizzazione, seppur umanitaria, o come un movimento evangelico spettacolare. Può brillare, ma non bruciare dell'amore di Dio, "forte come la morte" (Ct 8,6). Si tratta infatti proprio di amore, innanzitutto di amore e solo di amore. Una passione di cui Gesù ci ha donato il gusto e tracciato il cammino: "Non c'è amore più grande che dare la vita per i propri amici" (Gv 15,13)".

 

Se vuoi sostenere questo sito, Richiedi uno dei nostri libri e combatti con noi il degrado culturale.

Abbonati a Mamma!

Mamma! e' una rivista autoprodotta e diffusa solo su abbonamento.

I satiri, i fumettari e i giornalisti di Mamma! condividono un progetto ambiziosorealizzare la prima rivista italiana di giornalismo illustrato e satira d'inchiesta libera da Padroni, Pubblicita', Prestiti bancari e Partiti politici, le "quattro P" che inquinano e avvelenano l'informazione italiana.

Ma per raggiungere questo obiettivo non possiamo restare soli, e abbiamo bisogno del sostegno dei nostri lettori. Non vogliamo fare debiti, ne' chiedere soldi alle banche, ne' cercare finanziatori: faremo solo quello che riusciremo a permetterci, e i contenuti del nostro sito resteranno sempre e comunque gratuiti.

Per dare ali e carta alla nostra rivista c'e' bisogno di te. Se vuoi ricevere a casa un microabbonamento a tre numeri di Mamma! clicca sul pulsante qui sotto e abbonati utilizzando il servizio Paypal.

Tipo di iscrizione
Libro scelto ( solo per iscrizione "sostenitore")

Amici di Mamma!

Per essere aggiornato sulle nostre novita',
inserisci il tuo indirizzo email
e clicca su iscriviti:

Penne

Sito realizzato con il software libero PhPeace 2.4.1.62 di Francesco Iannuzzelli.
Salvo diversa indicazione, tutti i contenuti sono rilasciati con licenza Creative Commons by-nc-nd 3.0 Creative Commons License
Il sito Mamma.am e' il supplemento telematico della testata giornalistica Mamma! - Direttore responsabile Carlo Gubitosa
numero testata 130640 del Registro Operatori Comunicazione (ROC).