Facebook SDK code

Gruppi di tematiche

Menu

gubi

RSS logo
Gubi visto da Flaviano

Benvenuti!

Questo sito e' un contenitore di materiale vario senza nessuna organizzazione logica. L'artigiano di questa fabbrica di parole e' Carlo Gubitosa: scrittore compulsivo, sedicente ingegnere, appassionato di cause perse e tecnofilo cronico.

Se ti piace quello che scrivo, puoi effettuare una donazione via Paypal cliccando qui sotto.

La mia terra la difendo

La mia terra la difendo
Un ragazzo, una protesta, una scelta di vita

La mia terra la difendo

La rabbia e la speranza di un ragazzo che amava la sua terra. La storia di Giuseppe, il ventenne di Campobello di Licata che ha affrontato "il pregiudicato Sgarbi" con una telecamera, due amici e un pacco di volantini.
Carlo Gubitosa

Chiedetelo in libreria

Propaganda d'autore
Guerra, razzismo, P2 e marchette: un atto d’accusa ai giornalisti VIP

Propaganda d'autore

Se siete a caccia di pennivendoli famosi con le mani sporche di guerra, marchette, p2 e razzismo anziche' di inchiostro, questo e' il libro che fa per voi. Il consiglio e' disinteressato: io non ci guadagno niente sul venduto perche' mi pagano a forfait, lo dico per quelli che hanno problemi di schiena a tenere in mano un pesante tomo di Travaglio e vogliono qualcosa di piu' agile da leggere in bagno.
12 febbraio 2011 - Carlo Gubitosa

Asocial Network

Link

View Carlo Gubitosa's profile on LinkedIn

Carlo Gubitosa

Create Your Badge

Carlo Gubitosa

Create Your Badge

  • stampa
  • segnala via email
  • GPlus

    Fb Button

    Twitter Button

    Follow Me on Pinterest

    Share on Tumblr

Pentastellismo e tribunali di piazza

Chi uscirà impunito dai processi popolari di Grillo?

Giornalisti, industriali e politici da sottoporre al giudizio del popolo. Manca qualcuno?
21 maggio 2014 - Carlo Gubitosa

Bruno Vespa e Beppe Grillo

Il cancro dell'Italia secondo Grillo: i giornalisti, gli industriali e i politici.

Per il "capo politico" del partito pentastellato quelli da sottoporre a pubblico processo in rete non sono i mafiosi, gli evasori fiscali, gli speculatori dell'alta finanza, chi ha privatizzato scuole, ospedali, sanità, ferrovie, telefoni, energia, spiagge, demanio, edifici storici e altri beni comuni, i banchieri che gestiscono il "fondo PMI" a cui il grillismo ha affidato i soldi "restituiti agli italiani", gli amici Celentano e Gino Paoli con la mafietta SIAE, l'amico Antonio Ricci che ha stordito l'Italia a colpi di Veline, l'amico Renzo Piano e tutte le archistar che mangiano alla greppia degli appalti pubblici.

Forse per Grillo quelli sono padri della patria, mentre per gli altri "Il processo durerà il tempo necessario, almeno un anno, le liste saranno rese pubbliche quanto prima e l'ordine in cui saranno processati gli inquilini del castello sarà deciso in Rete. La prima categoria sarà quella dei giornalisti che hanno occultato la verità agli italiani nell'ultimo ventennio. I pennivendoli di Regime".

Ovviamente il controregime si guarderà bene dal lavare i panni sporchi di casa propria, cosa che potrebbe fare processando anche i produttori seriali di Bufale sbarcati a lavorare in Parlamento su chiamata del partito pentastellato, senza bandi e selezioni pubbliche, solo per meriti acquisiti sul campo inventando inesistenti complotti della Ndrangheta e degli hacker per montare la panna del consenso attorno al partito.

Per il servizio reso alla causa rivoluzionaria il premio del "bileader" ai bufalari messi sul libro paga degli italiani è stato un lauto stipendio da non usare per pagare affitto, spesa, ristoranti, utenze e trasporti, che sono rimborsati a parte, e a spese del contribuente.

Dopo la rivoluzione francese, ci fu il periodo del terrore, dove la libertà, l'uguaglianza e la fraternità diventarono un pallido ricordo. Ma in Italia la storia non insegna nulla, men che meno ad un popolo rintronato dalla TV di Ricci e Celentano, e ora anche dall'Internet di Grillo e delle anime belle che gli portano l'acqua con le orecchie pur di sentirsi protagonisti.

Servirà a poco, quindi, far notare a Grillo che tra i "pennivendoli" da processare ci sono anche i suoi fedelissimi spin doctor, che l'industria da mettere sotto accusa dev'essere anche quella dell'intrattenimento dove ci sono molti suoi amici in conflitto di interessi, che tra i politici da "processare" col giudizio severo dell'opinione pubblica ci sono anche quelli del suo partito.

Serve a poco, ma va fatto, se non altro per essere assolti nel processo quotidiano della propria coscienza che si celebra ogni giorno davanti allo specchio.

Powered by PhPeace 2.5.7