Facebook SDK code

Gruppi di tematiche

Menu

gubi

RSS logo
Gubi visto da Flaviano

Benvenuti!

Questo sito e' un contenitore di materiale vario senza nessuna organizzazione logica. L'artigiano di questa fabbrica di parole e' Carlo Gubitosa: scrittore compulsivo, sedicente ingegnere, appassionato di cause perse e tecnofilo cronico.

Se ti piace quello che scrivo, puoi effettuare una donazione via Paypal cliccando qui sotto.

La mia terra la difendo

La mia terra la difendo
Un ragazzo, una protesta, una scelta di vita

La mia terra la difendo

La rabbia e la speranza di un ragazzo che amava la sua terra. La storia di Giuseppe, il ventenne di Campobello di Licata che ha affrontato "il pregiudicato Sgarbi" con una telecamera, due amici e un pacco di volantini.
Carlo Gubitosa

Chiedetelo in libreria

Propaganda d'autore
Guerra, razzismo, P2 e marchette: un atto d’accusa ai giornalisti VIP

Propaganda d'autore

Se siete a caccia di pennivendoli famosi con le mani sporche di guerra, marchette, p2 e razzismo anziche' di inchiostro, questo e' il libro che fa per voi. Il consiglio e' disinteressato: io non ci guadagno niente sul venduto perche' mi pagano a forfait, lo dico per quelli che hanno problemi di schiena a tenere in mano un pesante tomo di Travaglio e vogliono qualcosa di piu' agile da leggere in bagno.
12 febbraio 2011 - Carlo Gubitosa

Asocial Network

Link

View Carlo Gubitosa's profile on LinkedIn

Carlo Gubitosa

Create Your Badge

Carlo Gubitosa

Create Your Badge

  • stampa
  • segnala via email
  • GPlus

    Fb Button

    Twitter Button

    Follow Me on Pinterest

    Share on Tumblr

Val Susa: La rabbia e l'orgoglio di un popolo in rivolta

La valle si ribella PARTE 2: IL CORTEO

La mia esperienza di "autoinviato" tra i manifestanti No-Tav.
4 luglio 2011 - Carlo Gubitosa

Parte II - 3 luglio, mattina: Sindaci, bambini, e famiglie colorate

La festa prima della tempesta. Potrei sintetizzare così il bellissimo corteo che ha avviato le contestazioni del 3 giugno all'insegna della partecipazione civile, senza bandiere di partiti che ormai stanno alla larga dai movimenti, e con l'unico "cappello istituzionale" dei sindaci e degli amministratori locali del fronte contrario alla TAV. Un corteo simbolicamente aperto dai bambini, perché alla fine la ragione ultima di chi si oppone alle grandi opere è quella di consegnare a loro un paese meno indebitato sul piano economico e meno devastato sul piano ambientale.

Ma è stata comunque una festa prima di una tempesta, che mi ha ricordato molto da vicino la festa di quel 29 luglio 2001, quando il "corteo dei migranti" ha convinto tutti per poche ore che l'Italia poteva davvero cambiare grazie all'ondata di indignazione popolare che con un decennio di anticipo voleva prevenire quei disastri economici e sociali che oggi stanno pagando i soliti noti.

A Genova si parlava di acqua pubblica, della necessità di tassare le speculazioni finanziarie, di liberare il paese dalla "tassa di guerra" delle costose azioni militari all'estero, ma anche allora la sordità istituzionale e la violenza politica ebbero il sopravvento, e i "public forum" della società civile non furono sufficienti a salvarci dalla follia di "leggi di mercato" sempre più simili alla legge del più forte.

Speriamo che in questo caso occorra meno di un decennio per capire le buone e numerose ragioni che muovono questa gente, ragioni con una forza tale da persuadere e mobilitare bambini che scendono nelle piazze, adulti che si impegnano nei comitati e nella società civile, e ragazzi che a torto o a ragione, ma comunque a decine, sono pronti a mettersi in gioco rischiando la propria incolumità fisica, la propria fedina penale e la propria reputazione per lanciare pietre debolissime sul piano morale e tattico, più forti su quello fisico se e quando raggiungono il bersaglio, ma fortissime sul piano simbolico per tracciare la differenza tra la violenza del potere e quella del contropotere.

Già, il piano simbolico: l'unico spazio di manovra lasciato ai ragazzi senza voce, schiacciati in un angolo e spinti dall'arroganza del potere a credere inutile e velleitaria ogni azione sul piano dialettico, culturale, mediatico, democratico e politico nel senso più alto del termine. Tipo una semplice consultazione referendaria tra gli abitanti della valle sulla questione TAV, ipotesi che "leader di opposizione" come Fassino hanno traghettato dal regno dell'improbabile a quello dell'impossibile.

Mi sveglio di buon'ora con l'arrivo di altre macchine piene di manifestanti, e incontro un gruppo di persone conosciute il giorno prima durante la veglia: percorriamo assieme il pezzo di strada che ci separa da Exilles, luogo di ritrovo per i pullman dei "forestieri".

Una volta arrivati ai piedi del forte di Exilles la visione d'insieme dell'assembramento fornisce già il primo, rilevante dato politico. Di fronte a questi numeri e a questo tipo di partecipazione il problema della Val di Susa non può più essere considerato una bega locale da cortile, ma è una questione nazionale sulla quale sarà obbligato ad esprimersi con chiarezza chiunque voglia chiederci un voto da ora in poi, per farci capire quale modello di sviluppo più meno sostenibile vuole "venderci" quel candidato in cambio del nostro sostegno nelle urne.

(Fine II parte - Continua)

Exilles, 3 luglio 2011. Corteo No-Tav

Powered by PhPeace 2.5.7