Facebook SDK code

Gruppi di tematiche

Menu

gubi

RSS logo
Gubi visto da Flaviano

Benvenuti!

Questo sito e' un contenitore di materiale vario senza nessuna organizzazione logica. L'artigiano di questa fabbrica di parole e' Carlo Gubitosa: scrittore compulsivo, sedicente ingegnere, appassionato di cause perse e tecnofilo cronico.

Se ti piace quello che scrivo, puoi effettuare una donazione via Paypal cliccando qui sotto.

La mia terra la difendo

La mia terra la difendo
Un ragazzo, una protesta, una scelta di vita

La mia terra la difendo

La rabbia e la speranza di un ragazzo che amava la sua terra. La storia di Giuseppe, il ventenne di Campobello di Licata che ha affrontato "il pregiudicato Sgarbi" con una telecamera, due amici e un pacco di volantini.
Carlo Gubitosa

Chiedetelo in libreria

Propaganda d'autore
Guerra, razzismo, P2 e marchette: un atto d’accusa ai giornalisti VIP

Propaganda d'autore

Se siete a caccia di pennivendoli famosi con le mani sporche di guerra, marchette, p2 e razzismo anziche' di inchiostro, questo e' il libro che fa per voi. Il consiglio e' disinteressato: io non ci guadagno niente sul venduto perche' mi pagano a forfait, lo dico per quelli che hanno problemi di schiena a tenere in mano un pesante tomo di Travaglio e vogliono qualcosa di piu' agile da leggere in bagno.
12 febbraio 2011 - Carlo Gubitosa

Asocial Network

Link

View Carlo Gubitosa's profile on LinkedIn

Carlo Gubitosa

Create Your Badge

Carlo Gubitosa

Create Your Badge

  • stampa
  • segnala via email
  • GPlus

    Fb Button

    Twitter Button

    Follow Me on Pinterest

    Share on Tumblr

Guerra, razzismo, P2 e marchette: un atto d’accusa ai giornalisti VIP

Propaganda d'autore

Se siete a caccia di pennivendoli famosi con le mani sporche di guerra, marchette, p2 e razzismo anziche' di inchiostro, questo e' il libro che fa per voi. Il consiglio e' disinteressato: io non ci guadagno niente sul venduto perche' mi pagano a forfait, lo dico per quelli che hanno problemi di schiena a tenere in mano un pesante tomo di Travaglio e vogliono qualcosa di piu' agile da leggere in bagno.
12 febbraio 2011 - Carlo Gubitosa

"Chi ai nostri giorni intende combattere la menzogna e l'ignoranza e vuole scrivere la verità, ha da superare almeno cinque difficoltà. Deve avere il coraggio di scrivere la verità, benché ovunque essa venga soffocata; l'accortezza di riconoscerla, benché ovunque essa venga travisata; l'arte di renderla maneggevole come un'arma; il giudizio di scegliere coloro nelle cui mani essa diventa efficace; la scaltrezza di propagarla fra questi. Tali difficoltà sono grandi per quelli che scrivono sotto il fascismo, ma esistono anche per quelli che sono stati banditi o hanno dovuto fuggire, e valgono persino per coloro che scrivono nei paesi della libertà borghese".

[Bertolt Brecht]

Copertina del libro "Propaganda d'autore"

Carlo Gubitosa
Propaganda d'autore
Guerra, razzismo, P2 e marchette: un atto d’accusa ai giornalisti VIP

"Propaganda d'autore" è un libro che raccoglie un decennio di corsivi indirizzati ai "vip" del giornalismo italiano. In dieci saggi documentati e diretti, la reazione indignata e viscerale di un giornalista "nato in rete" che si ribella alle violenze militari coperte dalla casta mediatica, alla pubblicità travestita da informazione, al giornalismo asservito e al veleno razzista che inquina i media commerciali. Un'atto d'accusa al cattivo giornalismo, indirizzato in prima persona a personaggi come Adriano Sofri, Beppe Severgnini, Enrico Mentana, Ernesto Galli Della Loggia, Filippo Facci, Gad Lerner, Giovanni Minoli, Giuliano Ferrara, Lamberto Sposini, Maria Concetta Mattei, Mario Calabresi, Maurizio Costanzo, Renato Farina, Vittorio Feltri. In questa battaglia di idee tra un Davide dell'Internet e i Golia della Tv e della carta stampata, da una parte c'è un uomo qualunque armato del potere della parola, e dall'altra ci sono uomini di potere armati dai grandi gruppi editoriali e televisivi per vincere la guerra della propaganda. Parole per riflettere e imparare a diffidare della "grande informazione" anche quando sa essere vincente.

Il testo è arricchito con un contributo del giornalista antimafia Riccardo Orioles, fondatore di "Avvenimenti" e fondatore, assieme a Giuseppe Fava, della rivista "I Siciliani".

 

L'autore

Carlo Gubitosa, giornalista e scrittore proveniente dall'associazionismo pacifista, Dal settembre 2009 è direttore responsabile di "Mamma!" (www.mamma.am) la prima rivista italiana di giornalismo a fumetti. Dal 1995 collabora con i principali periodici italiani di informazione indipendente, fino a ricoprire nel 2003 il ruolo di caposervizio per la sede di corrispondenza di Milano dell'agenzia di stampa "Redattore Sociale".

http://it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Gubitosa

 

Estratto dall'introduzione del libro:

Ho il brutto vizio di conservare memoria dei fatti quando tutti sembrano averla persa, le mie esperienze dirette e la mia storia di lettore compulsivo mi hanno portato a conoscere la storia di molte persone che governano il sistema attuale dell'informazione, non ho perso la capacità di indignarmi e mi ritrovo col sangue che ribolle ad ogni menzogna letta o ascoltata, sono consapevole del potere della parola, e provo a reagire scrivendo lettere, articoli, corsivi e perfino esposti all'ordine dei giornalisti e segnalazioni antimarchette all'autorità antitrust quando necessario.

Ma purtroppo non serve a niente. Scrivo da quindici anni e non sono mai riuscito a farne un mestiere in grado di assicurarmi benessere e sicurezza economica. In questi tre lustri ho visto la mia generazione bruciata e zittita dal precariato, la vedo morire professionalmente trascinata nel baratro da un'editoria in coma.

Osservo amici da premio Pulitzer costretti per sopravvivere a vendersi per pochi euro al pezzo. Conosco fotografi che ieri giravano il mondo scrivendo pagine di storia col loro obiettivo e oggi rischiano l'estinzione peggio dei panda, resi obsoleti e antieconomici dal digitale, dalle agenzie e dalla tirchieria degli editori ignoranti, che ignorano il valore di una foto d'autore anche e soprattutto nella stampa ``progressistà'.

Ho visto gente riciclarsi per disperazione, cercando una nicchia di sopravvivenza dentro uffici stampa, agenzie di comunicazione, Onlus e qualunque ente o struttura in grado di garantirgli uno stipendio, a patto di soffocare per sempre il loro istinto selvaggio e incontrollabile di fare domande, cercare risposte, scavare nel letame della nostra società per trovarci i fiori che ci crescono in mezzo.

Ho visto eccezionali autori di satira finire in miseria perché chi applaude gli sberleffi al re storce il naso quando si tratta di riconoscere il giusto compenso al giullare.

Ho visto nascere e morire riviste, tv di quartiere, radio locali belle e ribelli, case editrici piccole ma preziose, web tv e coraggiosi progetti di comunicazione nonviolenta, perché in italia la biodiversità culturale non ci interessa.più di tanto.

Ho visto le menti migliori della mia generazione stritolate tra il potere dei dinosauri geriatrici avvinghiati alle poltrone e l'energia dei ventenni tecnologici disposti a scrivere anche gratis, tanto chi se ne frega se si svaluta la professione, il mutuo da pagare ancora non ce l'ho e devo farmi un nome facendomi leggere.

Ho visto intellettuali e scrittori coraggiosi della mia generazione cadere in disgrazia solo per aver rifiutato di seguire l'onda del momento parlando alla pancia delle folle plaudenti. Ho visto il crepuscolo della piccola editoria e gli attacchi alle riviste non allineate, a cui sono state negate le tariffe agevolate per gli abbonamenti postali mentre il giornale di confindustria e i fogli di partito vengono copiosamente foraggiati anche con le tasse di chi non li legge.

Ho visto l'abbandono dei giornalisti freelance al loro destino, resi invisibili dalle aziende che li fanno lavorare a casa, ignorati dal sindacato che neppure li menziona nel contratto di lavoro firmato in fretta e furia con gli editori, umiliati dall'ordine dei giornalisti dove qualcuno vorrebbe abolire l'albo dei pubblicisti per cancellare dall'anagrafe professionale chi non è stato abbastanza fortunato da farsi assumere in redazione ai tempi delle vacche grasse.

Ho visto compensi arrivarmi anche 18 mesi dopo la scrittura dei miei articoli, in palese violazione di ogni norma di legge, ne ho visti altri non arrivare affatto, e ho visto perfino i giornali più attenti ai temi della giustizia e dei diritti dei lavoratori calpestare questi principi quando si tratta di applicarli ai propri collaboratori.

Ciò nonostante, rifarei daccapo tutto quello che ho fatto, e mi sorprendo ancora a scrivere alle cinque del mattino (proprio come in questo istante) spinto da un'esigenza più forte di qualunque tornaconto o pianificazione individuale, guidato da una voce interiore che mette la scrittura e il respiro sullo stesso piano fondamentale e irrinunciabile dell'esistenza, nutrito dalla fede nella forza creatrice della parola che mi è stata svelata da grandi maestri di vita e di pensiero come Danilo Dolci e Aldo Capitini.

Non mi sono fatto l'attico in centro, ma posso guardarmi allo specchio la mattina con una lieta consapevolezza: non ho legittimato guerre, invasioni e bombardamenti scrivendo propaganda a pagamento, non ho preso soldi per ingannare la gente camuffando la pubblicità da informazione, non ho intascato bustarelle dai servizi segreti per pubblicare informazioni false depistando indagini, non ho cercato di trasferire ad altri i miei pregiudizi alimentando la paura e l'odio verso gli stranieri, non ho mai aderito a logge massoniche eversive per fare carriera, per scegliere i bersagli delle mie polemiche ho seguito sempre la voce della mia coscienza e mai il suono delle monete del padrone di turno. 

Per darmi un tono e salire su un piedistallo di superiorità morale, potrei dire che tutto questo nasce da un'esigenza etica, dai miei saldi principi interiori, da valori supremi di verità e giustizia, ma in fondo in fondo mentirei a me stesso. 

La verità è che a prescindere dai vari lavori che faccio per vivere scrivo da quindici anni, e scrivo in questo modo, perché non saprei nè potrei fare altro. Costruire con le parole ragionamenti solidi, capaci di resistere alla continua tempesta di idiozie che ci travolge, è una condizione naturale che non potrei cambiare neanche se lo volessi, uno stato interiore che mi spinge a reagire istintivamente ogni volta che la mia intelligenza si ribella alle stupide menzogne che qualcuno vorrebbe darle in pasto.

Powered by PhPeace 2.4.1.62