Gruppi di tematiche

Campagna: Mettiamo al bando la parola clandestino (e non solo quella)

311 persone - pagina 1 2 ... 32
  • 311. Valentina Geraci (8 novembre 2016)
  • 310. giada frana (22 febbraio 2014)
  • 309. Judith Pinnock (7 luglio 2013)
  • 308. Maria Chiara Tadini (4 giugno 2013)
  • 307. Rino Lattuada (28 maggio 2013)
  • 306. toy racchetti (19 febbraio 2013)
  • 305. giulia bandini (4 agosto 2012)
  • 304. Matteo Quadrone (2 luglio 2012)
    Direi che è fondamentale partire da chi si occupa di informazione in prima persona per provare a cambiare le cose
  • 303. Marco Marche (3 maggio 2012)
  • 302. Laura Aguzzi (23 aprile 2012)
    Sottoscrivo con piacere l'iniziativa, trovandola lodevole e interessante. L'unico commento che mi permetto di fare riguarda l'utilizzo della parola "nomade": questo termine infatti non presenta necessariamente un'accezione negativa. Il termine rom, d'altronde, non ne è un sinonimo poiché non tutti i rom sono nomadi e non tutti i nomadi sono rom. I due termini non risultano dunque essere intercambiabili. Quando non sia possibile stabilire con precisione la comunità di appartenenza di una persona che non abbia una residenza fissa (sia essa rom, sinti, camminanti, o altro), la parola nomade potrebbe essere utilizzata senza sottindere necessariamente un significato negativo.
pagina 1 di 32 | precedente - successiva
Powered by PhPeace 2.5.3